Bravi!!!…ed è ancora poco…

Bravi!!!…ed è ancora poco…

 

 

dalla pizzeria all’hamburgeria, poi il B&B ed infine…una bella storia…

 

 

Oggi siamo rimasti al Paguro fino a tardi, oltre le 21, e tornando verso casa io e Susanna ci siamo fermati a Prà, a “Voglie di Pizza”, cogliendo due opportunità in un colpo solo: gustarci due ottime pizze e fare gli auguri di persona a Loris, che oggi compie 27 anni…

passano gli anni ma per noi Loris, oggi papà di due splendidi bimbi, è sempre il “vivace ragazzino” che abbiamo visto crescere al Pianacci, soprattutto sul campo da calcetto…

Un compleanno che Loris ha festeggiato al lavoro, nel locale gestito dal fratello Manuel, con l’amico d’infanzia Davide ottimo pizzaiolo.

La loro è una bella storia, che meriterebbe di essere raccontata da una testata nazionale…

Dapprima “solo” una pizzeria, poi si è aggiunta l’hamburgeria, poi il B&B, ed infine, durante il lockdown, si sono inventati “Voglie di cocktails”, un brand, che hanno saggiamente provveduto a registrare, che ha consentito loro di valicare i confini non solo cittadini ma anche regionali, suscitando l’interesse, e la collaborazione, di personaggi di spicco del mondo dello spettacolo…

un’idea assolutamente geniale: l’invio di cocktails sottovuoto, già pronti per l’uso, che possono raggiungere, in 24 ore, qualunque località italiana…
Che dire?
Bravi!!!
ed è ancora poco…👏👏👏

 

…………………………………………..

 

(aggiornamento)

8 settembre
beh, avevo espresso l’auspicio che una testata nazionale raccontasse questa bella storia…
Fatto!!!

L’articolo pubblicato l’8 settembre da “Repubblica Genova”
(clicca per ingrandire)

8 settembre 2020

L’articolo di Massimiliano Salvo per “Repubblica Genova”

L’idea di un pizzaiolo di Pra’, Manuel Camedda nata quasi per caso ” Prima dovevamo smaltire gli ordini, ora lo vogliono in tanti”

IL COCKTAIL PER POSTA NATO DURANTE IL LOCKDOWN

I suoi cocktail sono guarniti con la fetta d’arancia o di limone, proprio come quelli da servire al bancone.
E invece vengono spediti in tutta Italia, dentro una busta.

Proprio così, una busta: tanto che quando lo racconta ai clienti, ancora qualcuno non ci crede.

«E il bello – racconta Manuel Camedda, 32 anni – è che questa idea è nata per caso».

È inizio marzo, e per la sua pizzeria di Pra’ Manuel ordina ottomila euro di alcolici.
Pochi giorni dopo arriva la chiusura obbligatoria dei locali, e quell’ordine proprio non si può annullare.
A forza di scervellarsi per capire come smaltire centinaia di bottiglie, a un certo punto Manuel guarda la macchina per mettere i cibi sottovuoto e dice al suo barman:
«Ma se mettessimo un cocktail lì dentro, e poi lo spedissimo?» .

Il barman è scettico, ma fa un tentativo.
Prepara un Negroni, lo infila nella macchina, aspira l’aria: e il cocktail esplode.
Subito dopo fa un altro tentativo, e viene meglio.
Quello dopo, con la busta sigillata due volte a caldo, ancora meglio.

«Da quel momento – dice Manuel – non ci siamo più fermati».

A Pra’ la voce dei cocktail a domicilio fa presto a diffondersi, con la chiusura obbligatoria dei pub dilaga.
In primavera la pizzeria di Manuel si trasforma in un laboratorio da 140 cocktail al giorno spediti da Genova ad Arenzano: oggi la sua idea è un brand registrato, Voglie di Cocktails, e i drink che nascono nella sua pizzeria davanti alla piscina di Pra’ vengono spediti in tutta Italia, da Torino a Bari.

Ma nel suo quartiere, il Cep, in molti non si sono stupiti: perché Manuel è abituato da tempo a cavarsela da solo e a 19 anni aveva già capito qual era la sua strada.
«Dovevo lavorare» , racconta. «Mia mamma e mio papà mi hanno sempre aiutato, ma economicamente mi sono dovuto rimboccare le maniche e pedalare. Così nel 2009 ho aperto una pizzeria in via Sapello, a Pra’, venti metri quadri appena».

Le sue pizze sono piaciute da subito, eccome: le richieste non si contavano più, i ritardi nell’accontentare tutti pure.
Per questo motivo dopo quattro anni Manuel ha spostato la sua pizzeria nel locale attuale, in via Pra’ 145.

Oggi Voglie di Pizza dà lavoro a una decina di persone del suo quartiere: tra questi suo padre Pietro, suo fratello Loris, il suo caro amico Davide, il pizzaiolo, più i portapizze e i camerieri.

«Il più giovane ha 18 anni», racconta Manuel. « Con loro sono sempre stato chiaro: bisogna lavorare seriamente, altrimenti nessun problema e amici come prima».

Il lavoro che già prima non mancava con la nuova attività è aumentato ancora di più, anche perché i cocktail in busta hanno attirato l’attenzione di vari personaggi del mondo dello spettacolo come Fabrizio Corona, Eva Henger e Nina Moric, che rilanciando il brand sui social hanno creato a Manuel una pubblicità imprevista.

E infatti anche ora che i pub e i locali hanno riaperto, ogni giorno arrivano le ordinazioni per daiquiri, negroni o margarita, che vengono venduti a pacchi da cinque o dieci drink.

«La maggioranza dei clienti penso voglia dare una festa in casa oppure mettersi da parte il cocktail proprio come fa con una birra in frigo, da bere un sabato sera che piove o non si ha voglia di uscire. Certo, nemmeno a me era mai venuto in mente di ordinarmi da bere su internet – sorride Manuel – Ma d’altronde online si trova di tutto: basta inventarsi il modo giusto per spedirlo».

 

(clicca per ingrandire)

 

io, Susanna e Loris
(clicca per ingrandire)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.