Bicio, e la “filosofia” del Basket Costa

Bicio, e la “filosofia” del Basket Costa

 

2 giugno 2015

 

Bicio Ranieri

Bicio Ranieri, ha 52 anni ed è, da molti anni, il “motore” del Basket Costa x l’UNICEF, società che ho fondato una quarantina d’anni fa, avendo al mio fianco, oltre a Graziella Consonni, una persona speciale come Nino Ranieri, papà di Bicio, che ho avuto il privilegio di conoscere, giovanissimo, con una lunga e folta chioma a decorare le sue spalle …
Le Under 15 del Basket Costa, allenate da Bicio, hanno raggiunto la finale nazionale Under 15 femminile, schierando la formazione più giovane di tutta la manifestazione (molte ragazze 2002, cioè due anni “sotto leva”) e, soprattutto, tutte cresciute in quel territorio.
Qui sotto c’è un’intervista ad una delle protagoniste (Balossi, classe 2002) ed a Bicio Ranieri.
Vi inviterei a leggerla, c’è tutta l’essenza della “filosofia” della società di Costamasnaga, paese brianzolo di circa 2000 anime, ora in provincia di Lecco (40anni fa era ancora provincia di Como).
Una società che era cresciuta fino a raggiungere la Serie A1 (vent’anni fa, più o meno un anno dopo il mio arrivo a Genova), conoscendone anche gli effetti (economici) devastanti, ed è stata capace di ripartire dal fondo, sempre tenendo la barra (del buon senso) al centro.
Ora la prima squadra è tornata in Serie A2, con un organico locale, e le basi per cominciare (oggi) a costruire il proprio futuro sono già in bella evidenza nella finale nazionale Under 15.
In un periodo in cui la realtà (indifferente) che circonda il futuro del nostro (intendo New Basket A-Zena) percorso in Serie A2 invita alla depressione, arriva una bella notizia da Costamasnaga a darmi una gioia.
Da alcuni anni Graziella Consonni e Nino Ranieri non ci sono più ma da lassù anche loro, come me, proveranno un misto di orgoglio ed emozione leggendo questa intervista.
E la finale … comunque vada è già un successo !

 

Giorgia Balossi

LA BAMBINA VETERANA
Giorgia Balossi, classe 2002, play del Costa Masnaga, nella semifinale vinta contro Moncalieri ha giocato 27 minuti, segnando 16 punti, catturando 10 rimbalzi e subendo 7 falli. La bimba gioca con e contro ragazze in media più grandi di lei di 2 anni, con una leadership che lascia incantati. Complimenti alla piccola Giorgia, che a fine gara è stata l’ultima a uscire dal campo, dopo aver pulito la sua panchina e gettato le bottiglie vuote nel secchio della spazzatura. Chapeau!
Questa è la chiacchierata con lei, dopo la semifinale vinta contro Moncalieri.

Giorgia, da quale pianeta sei arrivata visto che sei una 2002 e giochi con disarmante sicurezza?
«No vabè… mi trovo bene con le compagne. Io mi sento parte di loro e anche se sono più piccola non ho problemi».

Sì, ma questa autorevolezza da dove salta fuori a 13 anni?
«Credo che dipenda dal fatto che le mie compagne credano molto in me. Questo mi dà tanta fiducia».

C’è una giocatrice alla quale ti ispiri?
«Giorgia Sottana».

Alla vostra età, quanto spazio c’è per la tattica in una partita?
«Non molto. Ci vuole grinta, bisogna lottare su ogni pallone e non mollare mai. Questo è quello che conta di più».

Come ti stai trovando in questa Finale Nazionale?
«Benissimo. È la mia prima volta in una Finale Nazionale e so che mi devo impegnare e dare sempre il massimo. Questo significa che fuori dal campo devo riposare e non fare magari la scema. Per essere la mia prima esperienza, mi sto divertendo molto e sono soddisfatta».

 

LUCIFERO CAMBIA MARCIA
Fabrizio Ranieri, coach del Costa Masnaga, ha orecchino e pizzetto luciferini (da diavolo buono). La sua squadra, dopo un avvio balbettante, è sbocciata sul più bello, arrivando alla finale.
Questa è la chiacchierata con l’allenatore, dopo la semifinale vinta contro Moncalieri.

Coach, ti abbiamo visto felicissimo abbracciare e baciare tutto il tuo staff e la tua squadra. Due tue giocatrici mi hanno detto che con te hanno un rapporto speciale, umano oltre che tecnico. Direi che è un bel complimento…
«Non sono più un bambino ambizioso. Ho 52 anni e l’unica cosa che mi interessa è poter aiutare a crescere delle giocatrici. Su questo stiamo lavorando con questo gruppo molto giovane, con il quale non pensavamo di arrivare fino a questo punto. Era più un lavoro futuribile, e invece abbiamo avuto uno sboccio di maturazione inaspettato».

Stasera vi siete presi la rivincita contro Moncalieri che vi aveva battuto all’esordio…
«Sì e ieri abbiamo battuto il Geas, che per due volte in campionato ci aveva battuto e anche duramente dandoci 20 punti».

Cosa è scattato, rispetto all’inizio molle?
«Forse il fatto che ognuno in questo momento ha le motivazioni giuste per accettare il suo ruolo in campo e ogni sfaccettatura di quello che significa giocare a pallacanestro: chi segna più punti, chi difende di più, chi fa più assist, chi dà più incitamento. In questo momento dell’anno, la maturazione delle ragazze e un po’ di fortuna ci hanno permesso di raggiungere un momento di forma strepitoso».

Hai la squadra più giovane della Finale, con 4 classe 2002, di cui 3 in quintetto. E questa Gorgia Balossi che sembra arrivata da un altro pianeta. Che ci dici di lei?
«La alleno da due anni. È cresciuta nel minibasket della Pool Comense, che poi è fallita. Quindi lei si è ritrovata a Cantù coi maschietti e siccome noi abbiamo una collaborazione con loro facendo anche basket maschile, è venuta da noi lo scorso anno. Io, da quando l’ho vista, l’unica cosa che faccio è non rovinarla: sto attentissimo a non imporle nulla, anche perché lei è capace già di leggere il gioco e fare delle scelte. Io non devo rovinarla, perciò cerco di darle degli strumenti in più per affrontare la pallacanestro, ma senza assolutamente obbligarla a nulla».

Coach, quale tuo collega importante ti piace e quali valori poni alla base del tuo agire?
«Da giovane avevo il mito di Boscia Tanjevic, perché è un uomo coraggioso, che ha sempre scelto e non ha mai voluto fare delle squadre di persone incredibili, ma ha sempre lanciato e sviluppato giocatori, oltre ad essere stato uno dei primi che ha giocato libero e senza tante cianfrusaglie intorno. Per quanto riguarda la nostra Società, visto che io sono più o meno anche il presidente da quando, vent’anni fa, siamo falliti in A1, cerchiamo per prima cosa di avere rispetto e di dare un servizio alle ragazze. Partiamo da lì. Lasciamo tutte libere di fare ciò che vogliono e cerchiamo di costruire la nostra autorevolezza senza imporre nulla, ma attraverso la stima che le ragazze e le loro famiglie nutrono per noi. Cerchiamo di svilupparci e andare avanti in questo modo».

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.