La Dea BianKhali…(mica scrivo stronzate…)

La Dea BianKhali…(mica scrivo stronzate…)

La scorsa settimana, dopo la piacevole serata musicale alla “Vecchia Dogana” di Rossiglione, avevo sottolineato la grande performance di Enrico Bianchi alle tastiere, rivelando una verità che molti ignoravano: Enrico Bianchi ha almeno 4 mani, perché con due sole mani sarebbe impossibile fare quello che fa lui, per giunta benissimo…

beh, qualcuno ha pensato ad un paradosso, figlio della voglia di cazzeggio che, fortunatamente, non mi abbandona mai…

niente di più falso!

ho dedicato alcuni giorni ad un’accurata ricerca bibliografica, e mi sono imbattuto in alcuni testi religiosi indiani, con una figura che ha immediatamente catturato la mia attenzione.

Una delle divinità che popolano il pantheon indiano è questa singolare Dea, che può avere da 4 a 10 braccia (e di conseguenza altrettante mani)

il suo nome significa “colei che detta il tempo”, mentre nello yoga tantrico viene definita “un eccesso di estasi che solo un vero dio può sorreggere”…

Ora, provate a sommare queste definizioni alla sua curiosa somiglianza con le fattezze di Enrico Bianchi (due gocce d’acqua…) ed ecco che l’arcano viene svelato: si tratta infatti della Dea BianKhali dalla quale, secondo gli studi di esperti di fama internazionale, discende il musicista Enrico BianKhali, in arte Enrico Bianchi, che dalla divinità sua antenata ha “ereditato” le molteplici braccia e mani, la capacità di “dettare il tempo” con la sua tastiera, con la quale sa regalare, proprio come la Dea, “un eccesso di estasi”…

Spero che d’ora in avanti nessuno metta in dubbio le mie affermazioni…

mica scrivo stronzate…

La Dea BianKhali
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.