Betty’s Hope ed il Devil’s Bridge, il “ponte del diavolo”…

Betty’s Hope ed il Devil’s Bridge, il “ponte del diavolo”…

Antigua, Betty’s Hope ed il Devil’s Bridge
galleria fotografica della pagina web
“Antigua, le spiagge sono solo l’inizio…”
dalla quale sono tratti i commenti che la precedono

Il 5 aprile, postando un po’ di foto da Antigua, avevo fatto cenno al giorno precedente, quello in cui eravamo stati “inseguiti” da una nuvola fantozziana…

nel tentativo di aggirarla avevamo fatto un salto a Devil’s Bridge, un luogo particolare nella storia di Antigua, che mi ero poi dimenticato di illustrare…

Nella prima metà del 1600, Antigua venne colonizzata dai britannici, che iniziarono a coltivare tabacco, sul lato orientale dell’isola, nella zona di Parham Town.
Il mercato, successivamente, crollò, anche a causa di produzione eccessiva.

Nella seconda metà dello stesso secolo Sir Codrington introdusse la coltivazione della canna da zucchero, e tutta l’economia si basò su questa produzione; lo sviluppo della produzione passò attraverso l’importazione dall’Africa di un numero considerevole di schiavi, il centro dell’isola fu diboscato per incrementare il numero di piantagioni.

La prima piantagione di canna da zucchero, e relativa azienda agricola, fu quella aperta da Sir Codrington, con il “supporto” di centinaia di schiavi africani e con il nome di Betty’s Hope (come sua figlia) in una zona non molto distante dell’attuale villaggio di Pares, le cui testimonianze sono ora visitabili nello stesso luogo, nell’omonimo Museo (composto da due mulini ed un ex magazzino in cui sono conservati reperti originali della storia della piantagione).

Ci si domanderà: “Che c’entra il Devil’s Bridge”?.

Devil’s Bridge (il ponte del diavolo) è ubicato sulla costa orientale dell’isola, ad Indian Town, non molto distante dalla stupenda Long Bay, nel mezzo di una lunga scogliera contro la quale va ad infrangersi la furia delle acque oceaniche che lì, nei millenni hanno scavato questo ponte.

Si narra che molti schiavi, esasperati dalle loro condizioni di vita, fossero riusciti ad organizzarsi ed a fuggire da Betty’s Hope, ovviamente a piedi

arrivati, stremati, sulla scogliera di Indian Town si resero conto di essere su un’isola, e di non aver alcuna possibilità di fuga.

piuttosto che tornare alla “vita da schiavi” preferirono suicidarsi, buttandosi, dal Devil’s Bridge, nelle acque che non avrebbero dato nessuna possibilità di sopravvivenza.

il mulino a Betty’s Hope (clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.