Belinelli e…”natura non facit saltus”

Belinelli e…”natura non facit saltus”

 

16 febbraio 2014

 

Marco Belinelli

Marco Belinelli trionfa nella gara di tiro da tre all’All Star Game dell’NBA!
E’ l’esempio più lampante del “lavoro che paga”, nello sport come nella vita…
Dei tre italiani già presenti da anni nell’NBA (cui si è aggiunto quest’anno Gigi Datome), era sicuramente il meno “gettonato”.
Ha cambiato diverse squadre (Golden State Warriors, Toronto Raptors, New Orleans Hornets, Chicago Bulls ed ora S.Antonio Spurs) ed ogni anno sembrava proprio che fosse l’ultimo, non erano molti, tra i tifosi italiani, a considerlo “da NBA”; erano molto più “gettonati”, almeno all’inizio, Andrea Bargnani e Danilo Gallinari (poi fermato da un grave infortunio).
E lui invece sempre lì, tosto, a lavorare sodo per dimostrare a se stesso prima che agli altri (poi sempre pronti a salire sul carro del vincitore) che poteva farcela anche lui.
Già lo scorso anno a Chicago ha dato ampie dimostrazioni dei frutti del duro lavoro, poi l’esplosione a San Antonio, a lungo miglior tiratore da tre dell’intera NBA ed ora re nella notte dell’All Star Game, primo italiano a poter scrivere il suo nome in una bacheca così prestigiosa.
Un esempio anche per le mie giocatrici (soprattutto per le giovanissime): gli ostacoli non si aggirano, si affrontano e con il duro lavoro possono essere superati.
La saggezza latina recitava “Natura non facit saltus”…

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.