Quando il basket è filo…Sofia…

Quando il basket è filo…Sofia…

 

Il basket, come ogni sport, offre spesso belle storie, come quella del Basket Costa…e di Sofia Frustaci alle prese con il “Dio del basket”…

18 maggio 2019: a Costamasnaga si affrontano il Basket Costa per l’Unicef e l’Alpo Villafranca, in palio la promozione in Serie A1 Femminile.

Io e Susanna non potevamo mancare: è la società che ho fondato nel 1972, lì Susanna ha mosso i suoi primi passi cestistici (1983) fino a diventare una delle protagoniste delle prime stagioni importanti.

Nel 1992, anno in cui, a dicembre, ci trasferimmo a Genova, una delle compagne di squadra di Susanna era Mariella Picco.
Ieri l’abbiamo rivista, dopo ben 27 anni, ed abbiamo avuto il piacere di conoscere, ed ammirare in campo, sua figlia, Martina Spinelli, 17 anni, uno dei “prospetti” più interessanti delle biancorosse di Costa.

Una formazione, quella ben diretta da coach Pirola, che esprime appieno la “filosofia” del Basket Costa: valorizzare i talenti forgiati dal prolifico settore giovanile, che ha già collezionato diversi titoli nazionali.

Ed anche in questo delicatissimo incontro il Basket Costa ha “esibito” i suoi gioielli.

Su tutti Giorgia Balossi, 17 anni, play titolare, Martina Spinelli, ala forte che deve ancora compiere 17 anni, e Sofia Frustaci, guardia che deve ancora compiere 18anni, tutte già punti di forza delle nazionali giovanili.

Ieri sera il Basket Costa, che aveva perso gara 1 di soli due punti, ha conquistato la Serie A1 battendo l’Alpo 81-77, al termine di un incontro palpitante in cui, accanto alle più esperte Baldelli, Rulli e Vente, hanno brillato le tre giovanissime “pantere” biancorosse.

Balossi, partendo dallo starting five, ha giocato 25 minuti collezionando 9 punti ed 8 assist, con giocate che non ti aspetteresti da una giocatrice così giovane; Spinelli (6 punti e 6 rimbalzi) è stata utilizzata per ben 26 minuti, addirittura una manciata di secondi in più di Liga Vente, pivot lettone scelta come straniera per la stagione 2018-2019; Sofia Frustaci ha giocato poco più di dieci minuti, con 4 punti, compreso il jump che ha sancito, a pochi secondi dal termine, la promozione delle biancorosse.

E mi vorrei soffermare proprio su quest’ultima.

Ieri sera, durante la cena post partita, mi sono complimentato con lei, in pochi giorni ha dovuto affrontare, ed ha saputo superare, l’alternanza di gioie e dolori che lo sport spesso presenta ai suoi protagonisti…

Pochi giorni fa a Villafranca, in gara 1, sul più 7 per il Basket Costa, ha avuto l’opportunità di trasformare due tiri liberi che, a pochi minuti dal termine, avrebbero probabilmente dato la mazzata definitiva alle avversarie.
Li ha sbagliati entrambi (capita anche ai più grandi dell’NBA…), e poco dopo, probabilmente per frustrazione, ha commesso un altro errore che ha ridato linfa alle avversarie che, sulla spinta, hanno completato la rimonta, superando alla fine il Basket Costa 67-65.

Al termine dell’incontro, che avevo seguito in diretta streaming, ho detto a Susanna che non avrei voluto, quella notte, trovarmi nei suoi panni…
benché non fosse l’unica responsabile del recupero di Alpo avrebbe dovuto, probabilmente, fare i conti con il “peso” di quegli errori e la complicazione, sulla strada della promozione, che sarebbe stato meglio evitare.

Ieri, quando è scesa in campo, ho temuto che, vista la giovane età, potesse essere condizionata da quel doppio errore…

Invece, con la serenità che ti aspetteresti da una veterana, è scesa in campo come niente fosse…

nel breve video (qui sotto) sono racchiuse tre azioni in cui è stata fondamentale protagonista, ed in quelle azioni il Basket Costa ha totalizzato 6 punti, i suoi 4 e due di Giulia Rulli.

Il racconto delle tre azioni:

(1) ultimo minuto del terzo periodo, il Basket Costa è avanti 56-47 e commette l’errore di mandare in lunetta per due volte in pochi secondi l’esperta Zampieri, che realizza, in entrambi i casi, il primo dei due tiri liberi (56-49).
Sul rimbalzo del secondo tiro libero Frustaci scatta velocissima in contropiede, Balossi dal palleggio fa partire un lancio con il contagiri che trova Sofia sotto il canestro: arresto, appoggio al canestro e due punti per Costa.
(2) La rimessa di Alpo da fondo campo non può essere spiegata, va vista…
miracoloso recupero di Balossi prima e Rulli poi, la palla arriva a Frustaci che, anziché fermarsi e “proteggere” la riconquista del possesso (come avrebbe fatto più o meno qualunque giocatrice “normale”), ha la lucidità di scaricare al volo per Picotti che, sempre al volo, pesca Rulli sottocanestro per il 60-49 che chiude il terzo periodo.
(3) La terza azione è quella che sancisce la promozione in A1: Frustaci viene “pescata” sottocanestro, tenta una realizzazione in reverse che non va a segno, recupera comunque la palla affidandola alla capitana Longoni che gliela restituisce immediatamente: finta, palleggio arresto, tiro… ed è Serie A1!!!

Di primo acchito si può ritenere quest’ultimo come il canestro più importante, ed è probabile che sia una giusta valutazione.

Vorrei però sottolineare un aspetto: il jump dell’81-77 è giunto al termine di un’azione lineare, la tipologia più frequente nel corso di una partita.
I 4 punti (in dieci secondi) di fine terzo periodo sono invece vere e proprie “magate”, quelle che spesso fanno la differenza in una partita equilibrata tra due formazioni di pari valore…

il fatto che queste magate, a questi livelli, vedano protagoniste ragazze che devono ancora raggiungere la maggiore età, è, come dicevo, la cifra della “filosofia” che caratterizza l’attività del Basket Costa…

certo, nel basket (come in tutti gli altri sport) per vincere non sempre è sufficiente, come si fa a Costamasnaga, lavorare tanto e bene…

spesso occorre quel quid in più che è nelle mani del “Dio del basket”, che oggi prende e domani dà…

lo sa benissimo Frustaci…

il “Dio del basket” che le è stato decisamente contro in gara 1, ieri sera fortunatamente è stato…
“filo-Sofia”…

(lo so, non ho resistito…è un cazzeggio quasi orribile…ma è ampiamente giustificato dal Dizionario Italiano*)

* filo-
primo elemento di parole composte, con il significato di “che ama”, “che ha simpatia”, “che tende” e sim.: filosofia; filologo; filoamericano, filocomunista, filocinese

Questo il breve video:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.