Auguri Augusta!!!…e grazie ancora!!!

Auguri Augusta!!!…e grazie ancora!!!

 

oggi mia sorella Augusta avrebbe compiuto 70 anni…le devo molto…

 

Io e mia sorella Augusta
(clicca per ingrandire)

Questa foto è di  circa 60 anni fa…

Venne scattata all’Oratorio di Lurago d’Erba nel giorno di Carnevale, e quell’anno vinsi anche il premio come migliore maschera.
Don Luigi Casiraghi mi chiamò sul palco allestito per la premiazione e sulle prime, scambiandomi per una bimba, chiese a gran voce che venisse inviato sul palco il maschietto che aveva vinto il primo premio.

Mia mamma e mia sorella Augusta mi raccontarono più volte, divertite, l’imbarazzo di Don Luigi quando io, cercando di dare alla mia voce un tono da “vocione”, ed alzando timidamente il dito, dichiarai con evidente orgoglio “ma io sono un maschio!!!”…

Nella foto, accanto a me, c’è mia sorella Augusta.
Le devo molto.
Aveva 5 anni più di me, mi insegnò molto presto (a 4 anni) a leggere e scrivere…
Negli studi era veramente super, se avesse potuto frequentare gli studi universitari il suo percorso sarebbe stato stato senza dubbio brillantissimo…

purtroppo per lei, anche il mio percorso scolastico fece intravvedere scenari brillanti e lei dovette fare i conti con due aggravanti: la situazione economica della nostra famiglia, a quei tempi, non faceva pensare alla possibilità di affrontare due percorsi universitari e, aggravante numero due, lei era pure femmina…

prima o poi si sarebbe sposata, ed il modello di famiglia di quei tempi era caratterizzato da un’altissima percentuale di donne che, una volta messa su famiglia con marito e figli, avevano ben delineato davanti a loro un destino da brava casalinga…
era più necessario per un uomo avere le chances di “farsi una strada”…

non ci fu necessità di chiederglielo, fu lei a strutturare il suo percorso di studi con scelte diverse da quelle che avrebbe meritato e tali da non ostacolare il mio percorso…

anche di queste cose abbiamo parlato, con molta serenità, nell’ultima occasione (fine 2007) in cui ho avuto modo di parlarle…

era ricoverata a Milano, il progredire della sua malattia era tale da non alimentare troppe speranze…

suo marito Ilario, che era con me in quella stanza, trovò una scusa per allontanarsi e lasciarci soli…

rientrò dopo oltre un’ora e ci trovò (parole sue) come due vecchi amici, seduti sul letto a riesumare piacevolmente i loro ricordi…

fu, per me, l’occasione per provare a ringraziarla per il suo “sacrificio”, ma non mi lasciò manco finire…
provò a convincermi, senza possibilità di replica, che per lei non c’era stata nessuna rinuncia, solo una sua scelta, una scelta giusta visto il risultato del mio percorso personale…

sviò il discorso, e si aprì il libro dei ricordi divertenti…

compreso un ricordo della mia infanzia, che riguarda, proprio come nella foto di Carnevale, un “piccolo indiano”: Pow Wow, il protagonista di uno dei miei cartoni preferiti (la tv era ancora in bianco e nero).

Probabilmente nel corso di un sogno avevo “visto” Pow Wow a colori… (o, come mi piace dire, con tutti i colori del bianco e nero, perfetto “stimolante” della nostra fantasia…).

Bene, ero così convinto che il cartone fosse a colori che questa mia convinzione scatenò uno dei rari litigi con mia sorella, che non riusciva a capacitarsi della mia ostinazione nel descrivere i colori delle penne e degli abiti di Pow Wow…

Il ricordo di quel “litigio” la divertì parecchio, e come inevitabile conseguenza arrivò, per l’ennesima volta, il suo racconto di quella premiazione con Don Luigi ed il mio tentativo di “fare il vocione” per ribadire quanto fossi maschio…

Augusta ci lasciò pochi giorni dopo, a soli 58 anni.

Oggi ne avrebbe compiuti 70…

mi piace pensare che, lassù, mia mamma abbia potuto preparare per Augusta una mega torta di mele (la sua specialità) e che mio papà, con la sua innata pazienza, sia riuscito a decorarla con 70 candeline, e le abbia accese tutte per fargliele spegnere in un colpo solo…

anzi, ne sono certo…

poco fa sono uscito sul poggiolo ed ho sentito un refolo di vento, uno solo, breve ma intenso…
sicuramente ce l’ha fatta a spegnerle tutte!!!…

Auguri Augusta, e grazie ancora!!!

(qui sotto un video con Pow Wow)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.