Ana, la prima straniera del basket femminile a Genova

Ana, la prima straniera del basket femminile a Genova

 

5 settembre 2014

Lo scorso anno, nostra prima esperienza in Serie A2, non tesserammo alcuna giocatrice straniera. A dire il vero, la “nostra straniera” l’avevamo già, Martina Bestagno, giocatrice di qualità tale da non aver nulla da invidiare alle migliori straniere del campionato. Martina, proprio per le sue qualità, è inevitabilmente entrata “nel mirino” di società di Serie A1, campionato nel quale militerà quest’anno, nelle fila del Basket Vigarano.
Per la nostra seconda esperienza in Serie A2 abbiamo quindi pensato di “dare uno sguardo” oltre confine, e la nostra scelta è caduta sulla croata Ana Bozic, prima giocatrice straniera nella storia del basket femminile a Genova.
Beppe D’Amico l’ha intervistata per “Il Secolo XIX”.

Link all’articolo

(Beppe D’Amico, per “Il Secolo XIX”)
La croata dell’Almore Genova in A2
UN TRAMPOLINO PER ANA
«VOGLIO IL MASSIMO»
«Mi piace giocare guardia e costruire l’azione»

BIONDA, OCCHI AZZURRI, 176 centimetri di altezza, 26 anni: ecco Ana Bozic, croata, la prima straniera in assoluto del basket genovese femminile.
E già questo basterebbe per farne un personaggio.
Bella ma soprattutto un talento eccezionale, capace di ricoprire più ruoli sul parquet, infallibile dal tiro dalla media distanza e dalla lunetta, capace di viaggiare in “doppia cifra” tutto l’anno.
Senza contare che nel 2006, giovanissima, è stata medaglia di bronzo con la sua nazionale ai Campionati Europei di Chieti.
Prelevata dal KKKVarner della Al croata,classe cristallina,la Bozic ha gìocato anche nel campionato sloveno, sino al suo sbarco sul Mar Ligure.

Sei la prima giocatrice straniera nella storia del basket femminile genovese: che effetto ti fa?
«E’ sicuramente una grande sensazione, io mi sono subito trovata bene con tutte le compagne e la società, ho ricevuto una energia positiva da tutto l’ambiente. Sono davvero felice di essere qui e di scrivere un pezzo della storia di questa squadra».

Cosa ti aspetti da questa tua esperienza in Italia?
«Voglio migliorare sempre di più il mio gioco a contatto con altre fuoriclasse, voglio puntare al massimo e dare il massimo».

Genova ti piace? II mare ti ricorda quello della tua Croazia?
«Genova mi piace, è bellissima, mi ricorda per certi versi le città di mare della mia patria. Ed anche il mare è bello, forse un po’ più calmo, ma sempre affascinante. Una bella città dove vivere, giocare e fare esperienza di vita e di pallacanestro».

Puoi giocare come guardia, ala piccola, ma anche come playmaker:in quale zona del campo ti trovi meglio?
«E’ vero, sono versatile nel gioco, ma a dire la verità mi piace giocare nelle varie posizioni come guardia e cercare il tiro e la penetrazione,partecipando alla costruzione del gioco».

Come pensi sarà il campionato?
«Duro da affrontare, ma non mi nascondo: io, come del resto credo le mie compagne, sappiamo di essere forti e competitive, ovvio che il nostro sogno sia giocare per i playoff e la finale. Passo dopo passo vedremo».

Che impressione hai avuto di coach Vaccaro e dei suoi schemi? Ti piace il suo tipo di gioco basato sulle transizioni di contropiede, sulla difesa e sull’agonismo?«II coach è un duro, un tipo tosto, non ti perdona nulla in allenamento, ma questo è giusto se si cerca il massimo. D’altro canto, lui ci insegna, ci sta vicino’ ci incoraggia e impara a conoscerci per aiutarci, con lui il rapporto è ottimo».

Ci dici qualcosa di te: passioni, hobby?
«Leggo libri, esco con gli amici e mi piace girare le città nuove, e a Genova credo che ne avrò da vedere di cose con i suoi secoli di storia».

Un saluto ai tuoi tifosi?
« Li ringrazio sin da ora, spero di non deluderli, ma da parte mia giocherò ogni match come se fosse una finale continentale, questo è sicuro».

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.