Alla ricerca di uno sponsor perduto

Alla ricerca di uno sponsor perduto

 

29 aprile 2015

 

Certo, ci piacerebbe (dopo due anni in Serie A2) che valesse il “non c’è due senza tre…”… ma sarà molto difficile, la Serie A2 è un campionato che richiede consistenti risorse economiche, che ad oggi non ci sono… ne parliamo con Beppe D’Amico e Federico Grasso

 

Link all’articolo

(Beppe D’Amico, per “Il Secolo XIX”) 
L’Almo ha deciso di percorrere nuove strade, la Serie A2 è a rischio
NBA PERDE LO SPONSOR
IL FUTURO APPESO A UN FILO
Besana: «Due mesi per non sparire. È difficile ma sono ottimista»

IL CASO
LA NOTIZIA è ufficiale: l’Almo Nature, multinazionale leader nel pet food, non sarà più lo sponsor della Nba Basket Genova.
Un notizia che tra gli addetti ai lavori circolava da un anno. Ora, però, è certa e apre almeno tre scenari che il presidente Nba Carlo Besana dovrà vagliare.
1 )Trovare, entro la data utile per la Fip del 30 giugno, un nuovo sponsor di peso per continuare la A2 (sia in campo maschile che femminile, la Nba e la più grande realtà cestistica della Liguria) allestendo una squadra di tutto rispetto in grado di puntare ai playoff e magari spostandosi nel Levante (Palazzetto di Sampierdicanne?) dove il basket è un culto e dove probabilmente si potrebbero avere più spettatori rispetto a un sempre semivuoto PaIaDonBosco.
2) Puntare a un campionato di transizione da disputare con le giovani del vivaio (ma la decisione contrasterebbe con le ambizioni sin qui dimostrate dalla dirigenza rosanero).
3) Se non saranno trovati almeno i 160 mila euro necessari a un’A2 di rispetto,chiudere i battenti, sopravvivendo magari con le sole squadre giovanili.
Una opzione, questa ultima, che Besana rifiuta, scommettendo, come è suo solito, ancora sull’ottimismo.
Anche se,a dire il vero, più di un fantasma aleggia sulla Nba: coach Grandi per ora è stato messo ad allenare le giovanili, mentre lo stesso Besana ha dato il via libera a tutto il roster di trovare altre possibilità di tesseramento.
Come a dire che sarà lotta dura sino al 30 giugno, senza sapere però come andrà a finire.
«Lo sponsor – ha detto Besana – ha deciso di percorrere altre vie non più legate a noi e di seguire altri progetti. lo – ha continuato Besana – se da un lato ringrazio l’Almo Nature per averci sostenuto in questi due anni in A2 e di averci permesso di giungere al top nazionale, dall’altro sono preoccupato per il futuro. II basket -ha precisato Besana- ha un suo costo come tutti gli sport, a livello di logistica, di viaggi, di stipendi, di giocatrici e di iscrizione al campionato. Tutti costi vivi che, allo stato attuale peseranno molto sul bilancio».
Il messaggio è dunque chiaro: niente nuovo sponsor, e futuro della Nba appeso a un filo.
«Per ora alla peggiore delle ipotesi non penso – ha sottolineato Besana – sono un inguaribile ottimista, certo è che il bicchiere sempre mezzo pieno di inizio anno ora non c’è più. Stupisce però -ha concluso il numero uno della Nba- che su Genova e tutta la Liguria non ci sia mai nessuno che voglia investire seriamente con un progetto sul basket, che pure è uno degli sport più amati in Italia e all’estero e con più tesserati, e forse questo aspetto è quello che mi lascia,aldilà di tutto, più deluso».
S.O.S. Nba: qualcuno capterà la richiesta? Mancano poco più di due mesi e il tempo non è mai abbastanza.

 

Link all’articolo

(Federico Grasso, per “Il Corriere Mercantile”)
Conclusi gli impegni in campionato, scaduto l’accordo con l’impresa qenovese, il presidente Besana si trova a fronteggiare una situazione estremamente complessa
ADDIO ALMORE, NBA CERCA SPONSOR
La società non nasconde i problemi
«Difficile essere ottimisti»

L’aLmore Genova ha concluso le sue fatiche, dopo aver disputato per la seconda volta consecutiva la Poule Promozione e con questa la certezza (già da gennaio) di permanenza nel secondo campionato nazionale di basket femminile, sodalizio genovese ai vertici del movimento cestistico ligure, un dato di sicuro prestigio per la società del presidente Carlo Besana che però è alle prese con uno scenario poco incoraggiante.
«In questi primi due anni in Serie A2 abbiamo avuto al nostro fianco uri azienda di prestigio come Almo Nature, il cui apporto è stato fondamentale non solo per vivere le emozioni che un campionato di così alto livello può dare ma addirittura per viverle da assoluti protagonisti. In questa nostra seconda esperienza Almo Nature è stata l’unica azienda a sostenerci economicamente, nelle nostre casse non è giunto un solo euro oltre a quanto messo a disposizione dal nostro main sponsor, ma nonostante questo abbiamo potuto e saputo assolvere gli impegni economici, notevoli, che vengono richiesti a questi livelli».

«Ora però – continua il presidente Besana – siamo di fronte ad uno scenario molto più difficile e complesso. Il nostro percorso con Almo Nature non continuerà nel prossimo anno sportivo, l’azienda ha fatto altre scelte e noi possiamo essere solo grati al suo presidente, Pier Giovanni Capellino, che ha consentito alla città di essere presente, perla prima volta, nel secondo campionato nazionale femminile, ed a noi di vivere due anni ricchi di grandi emozioni, non solo sportive. Noi ora siamo impegnati nella ricerca di un nuovo abbinamento che ci consenta sia di mantenere la nostra società (e la città di Genova) a questi livelli di assoluta eccellenza che di poter continuare i percorsi significativi avviati a livello giovanile. Chi mi conosce sa che sono un inguaribile ottimista, ma in questo momento anche per me non è assolutamente facile esserlo…».
La società ha correttamente messo al corrente le giocatrici che sono già da ora libere di cogliere altre eventuali opportunità di loro gradimento.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.