All4HipHop

All4HipHop

18 luglio 2010

 

All4HipHop, PalaCep, luglio 2010

“Che Estate alla Pianacci”, 18 luglio 2010 

“All4HipHop”, (da un’idea di Enrico Testino), un’intera giornata dedicata al mondo dell’hip hop, con i giardini Pianacci ed il PalaCep a fare da cornice a breakers, skaters, rappers…

oltre 250 spettatori (anche dai comitati di Scarpino e del Chiaravagna) hanno assistito complessivamente ai diversi momenti di intrattenimento ed anche chi non aveva nemmeno un’idea di cosa fosse l’hiphop ha potuto, quanto meno, “assaporarne” il clima, festoso ma anche ricco di contenuti, con uno spettatore d’eccezione: l’assessore alla cultura del Comune di Genova, Andrea Ranieri, che ha anche chiesto (desiderio immediatamente esaudito) i testi di alcuni brani presentati sul palco del PalaCep.

Un’iniziativa da ripetere…
vero assessore?

 

 

Link all’articolo

(Lucia Marchiò, per “Repubblica Genova”)
HIP HOP CEP, COSI’ I RAPPER RACCONTANO GENOVA COME FOSSE IL CUORE DI NEW YORK

Hip hop… Urrà! Una vera e propria “onda anomala” invaderà oggi il Cep: è quella del movimento culturale afroamericano e latino del Bronx a New York sorto alla fine degli anni ‘ 70 grazie a dj Kool Herc e Afrika Bambaataa, rivoluzionando non solo il mondo della musica ma anche quello della danza, dell’abbigliamento e del design.
E da tutte le periferie e i quartieri arriveranno a frotte, breakers, skaters e rapper, per una giornata di festa dai chiari intenti aggregativi e perché no, di conoscenza del verbo, a maggior ragione se si pensa che proprio a Genova nacque nel 1991 il primo mensile specializzato sui generis, “Aelle” (ovvero Alleanza Latina), fortemente voluto da un manipolo di ventenni capeggiati da Claudio Sid Brignole.
Un mondo che trova la giusta accoglienza nel PalaCep, mentre all’esterno i giardini Pianacci faranno da cornice al raduno offrendo spazi, verde, campetto di calcio, ristoro. Il tutto a partire dalle ore 16 per culminare poi coi concerti veri e propri, con sei dei più noti esponenti della attuale scena genovese: Eredi al Suono, Santa Alleanza, Effementi, Pensie, Gigaflow, Zero Plastica.
E’ difficile dire in poche parole la ricchezza che abbiamo potuto vedere di questo mondo, la serietà e l’impegno con cui molti rapper scrivono in maniera precisa, forte, puntuale sull’attualità e la città“, racconta Enrico Testino, coordinatore del progetto insieme a Carlo Besana.
I rappers avranno due sezioni, una sarà quella dell’Open Mic e l’altra quella dello spettacolo live finale coi 6 gruppi.
L’Open Mic sarà gestito dalla rapper Wha, una delle animatrici e fondatrici dell’ associazione La Stanza di Cornigliano, realtà che realizza da alcuni anni un “laboratorio rap” (nell’ ambito di un progetto sui giovani chiamato Yepp) che ha dato spazio a molti giovani di Cornigliano, per potere esprimere il loro vissuto e percorrere la musica rap.
I rapper raccontano spesso storie personali: è il caso dei Santa Alleanza, tra i protagonisti del rendez-vous, formato da due sedicenni: conosciutissimi dagli adolescenti zeneisi, parlano di storie personali e suburbia: “Noi viviamo solo in un quarto di Cornigliano, gli altri tre sono occupati dalle acciaierie“, dicono del loro quartiere.
Poi c’è Pensie, rapper di Molassana pregno di quartieri e case popolari, che stasera proporrà il nuovo brano intitolato “Di Lusso”, primo estratto di “Genova Reale”.

Link al mio album fotografico su Fb

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.