Ale…una gran bella storia moderna

Ale…una gran bella storia moderna

 

Ale, la disforia di genere, e la fortuna di poter contare sulla vicinanza e solidarietà di famiglia, scuola, parrocchia…una gran bella storia moderna.

Alessia, 17enne genovese, ha ottenuto dal tribunale l’autorizzazione per cambiare sesso e diventare Alessio.

Alessia ha avuto la fortuna di nascere in una famiglia che ha saputo comprendere il suo disagio ed accompagnarla in un percorso nel quale sono state altrettanto importanti la vicinanza e la solidarietà degli insegnanti, dei compagni di scuola e della parrocchia.

Una bella storia moderna, ben descritta ieri da Matteo Indice per “Il Secolo XIX”, integralmente riprodotta  in questa pagina.

Non mancheranno (anzi…) le voci di dissenso di qualche irriducibile “moralista”…

Ai quali, in buona sostanza, ha già “risposto”, oltre un anno fa (dicembre 2017) Don Salvatore Cipressa, teologo moralista, che dalle colonne del quotidiano cattolico “Avvenire” così si esprimeva sul tema della disforia di genere

…”riconoscere l’altro nella sua identità sessuata è fondamentale perché egli impari ad accettarsi, ad apprezzarsi e ad amarsi. Nella vita la più grande trappola è il rifiuto di se stessi, pertanto, la persona transessuale, a motivo della sua condizione, ha più bisogno degli altri di sentirsi accettata, accolta e amata dalla famiglia e dalla società”.

…”per una maturazione affettivosessuale, il cammino che ogni persona deve compiere è quello di integrare la sessualità e affettività nel tutto della personalità. In particolare, la persona con disforia di genere deve essere aiutata a risolvere quel conflitto interiore che le procura angoscia e solitudine, a costruirsi come persona in grado di esprimere possibilità positive di crescita e di sviluppo, ad amarsi e ad amare”.

…” I genitori accettino i figli per quello che sono. E loro si accetteranno”…

Non occorre aggiungere altro…

 

Il Secolo XIX, 19 gennaio 2019
(clicca per ingrandire)

l’articolo di Matteo Indice per “Il Secolo XIX”,
19 gennaio 2019

IL CORAGGIO DI SENTIRSI SE STESSI
“COSI HO VINTO I PREGIUDIZI”

I travagli dell’adolescenza, l’asportazione del seno, l’abbraccio con la nonna, le incomprensioni
«Una prof non credeva fossi io, le ho spiegato. Tutti mi sostengono. Insulti solo sui social»

IL COLLOQUIO

Alessio è prima di tutto uno che non si scompone:
«All’inizio della seconda liceo si presenta una prof nuova, apre il registro e fa l’appello.
Dopo il mio cognome scandisce “Alessia”. Io alzo la mano, dico “sono io” e lei non è convinta: “No no scusa ho chiamato Alessia, tu chi sei?”.
Ho iniziato a spiegare e i miei compagni accanto tranquilli, nessuno che abbia ironizzato, anzi: loro sapevano già tutto».

«MAMMA MI SENTO UN UOMO»
Denise è la madre seduta accanto che lo bacia insieme al fratello più piccolo: «Io avevo intuito da quand’era bambino, ma il giorno in cui ha avuto le mestruazioni ha cambiato espressione, ho sentito come se mio figlio fosse morto dentro e nelle settimane e nei mesi seguenti non mi raccontava mai quando aveva il ciclo, era evidente che fosse un aspetto della sua vita da rimuovere: lo osservavo, quei felponi a coprire il seno precoce e abbondante, pensavo fosse gay, volevo solo confrontarmi con lui. Una sera si è avvicinato: “Ale vuoi che andiamo da uno psicologo? Noi ti saremo vicini sempre”.
Ha avuto la certezza del sostegno familiare e ha sospirato: “Mamma vedi, è che io mi sento proprio un uomo, non una ragazza, è questo che devo dirti“.

I CONTROLLORI SUL BUS

Non c’è nulla di enfatico e stucchevole, nel racconto di Alessio che prima d’essere operato e vincere in tribunale doveva fare i conti con la quarta di reggiseno.
E lo descrive con un mezzo sorriso: «I miei amici, i compagni di classe, il parroco dell’associazione cattolica mi hanno sostenuto. Tutti quelli che fanno parte della mia quotidianità, parenti e vicini di casa. Le cose cambiano quando di mezzo finiscono un computer e una tastiera: se descrivo sui social o su FanPage la mia esperienza, allora sotto compaiono frasi violente, transfobiche, prese in giro. E vabbè…».
Fuori dalle perizie e dalle sentenze, che incorniciano una svolta irreversibile, gli ultimi tre-quattro anni di Alessio e Denise sono un caravanserraglio di piccoli episodi semplicemente eloquenti.
«Vai sul bus  e qui parla lui  il controllore ti chiede l’abbonamento su cui c’è scritto Alessia, ma vedono lo sguardo d’un ragazzo e fanno una faccia strana».
Inclina un pelo la testa e allarga le braccia: «Eh, ero proprio io, avevo già un po’ di barba ma non è che fossero convinti. E ogni volta la stessa storia».

SUL REGISTRO ERA GIÀ ALE

Denise oggi ha ancora meno dubbi di allora.
«Sono stata sempre convinta che il cambio di sesso fosse un percorso giusto, gli psichiatri ci hanno confortato focalizzando prima di tutto l’aspetto temporale. Senza fretta, è chiaro, ma nella consapevolezza che un periodo cruciale come l’adolescenza andasse vissuto con una sessualità davvero rispettosa di se stessi. Ecco perché la mastectomia in Spagna quando aveva 15 anni: in Italia sarebbe stato impossibile, i nostri medici dicevano che avevamo ragione noi… E da quell’istante Alessio è andato di nuovo al mare tranquillo, non aveva più l’ansia di nascondere il seno».
E però la spinta vera è arrivata dalla serenità di chi li circondava e li circonda.
«Mia madre cioè sua nonna, cui avevo sentito dire certe cose tremende sull’intimità altrui, quando ha saputo del nostro percorso non ha fatto una piega: “Il mio Ale!” e se l’è abbracciato».
A scuola, per come la tratteggia, è stata persino più semplice: «Si è messo al centro della classe, ha annunciato ai compagni che doveva dir loro una cosa importante, ovvero che stava seguendo una strada sia medica sia giuridica per diventare a tutti gli effetti un uomo: qualcuno si è messo a piangere, un po’ commosso, qualcun altro lo ha abbracciato ma in un attimo erano di nuovo i suoi amici e stop. Il preside ha accettato subito di modificare il registro: hanno scritto “Ale” accanto al cognome, non potevano correggerlo per intero poiché non c’era il verdetto d’un tribunale e non siamo all’università, dov’è contemplato appunto il doppio registro».

ALL’ASSOCIAZIONE CATTOLICA

Alessio ora aggiunge un paio di dettagli: «Ho chiesto se ci fosse qualche problema a lasciarmi andare nel bagno maschile, i prof hanno risposto: “Vai dove vuoi”. In gita ho sempre dormito nelle stanze dei ragazzi, ma per loro era normale, nulla di che. Al massimo, proprio al massimo, un paio di stupidi all’inizio della transizione che mi hanno buttato lì “sembri una lesbica”. Ma la vera violenza verbale soltanto dai computer».
Alessio ama la musica e tra i suoi principali sostenitori c’è il prof di tromba.
Ma nel novero dei più comprensivi c’è spazio pure per un prete, don Paolo, al tempo in cui frequentava l’azione cattolica: «Gli ho chiesto se voleva che avvertissi le famiglie  ricorda Denise  ha risposto che non ci sarebbero stati problemi per lui e per loro. Aveva ragione».

(foto tratta dal sito www.carmencapria.it)

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.