L’abile sceneggiatore che scrive il destino ed il “fan club” della bisnonna…

L’abile sceneggiatore che scrive il destino ed il “fan club” della bisnonna…

a volte il destino sembra scritto, magicamente, da un abile sceneggiatore…

Luca ha 37 anni, e vive in Brianza, ad Olgiate Molgora.

5 anni fa si è sposato con la bellissima Emanuela e 7 mesi fa è nata la dolcissima Bianca.

Per una decina d’anni (più o meno fino ai suoi 11 anni) ha trascorso ogni anno un mese ad Arenzano, in compagnia di nonna Rosetta e nonno Gino, quest’ultimo sofferente di forme asmatiche che trovavano sollievo proprio grazie alle vacanze in Liguria.

Luca è molto legato a nonna Rosetta (nonno Gino è mancato qualche anno fa) ed inevitabilmente è molto legato anche al ricordo di quei dieci anni nei quali Arenzano era sinonimo non solo di “profumo di mare” ma anche di “libertà”, quella che i nonni sono soliti concedere ai nipotini quando nei paraggi non ci sono gli apprensivi genitori

Luca, Emanuela e Bianca hanno trascorso questo weekend a Bordighera, ospiti di loro amici.

Per Luca un’occasione irripetibile per tuffarsi nei ricordi della sua infanzia, una breve sosta ad Arenzano, quasi un “omaggio” alla 91enne nonna Rosetta, da qualche tempo alle prese con un peggioramento delle sue condizioni di salute.

Una breve sosta con una tappa obbligata: il parco comunale Villa Sauli Pallavicino, quello in cui lo portavano a giocare i nonni, ogni giorno.
Il parco è molto ben curato, ed è anche molto ampio…

E’ grande, molto bello” dice Luca “ma quando ci venivo, trent’anni fa, mi sembrava grande quanto Gardaland…”.

E guarda con un briciolo di comprensibile emozione la piccola Bianca, che sgambetta cercando di muovere i primi passi proprio lì, dove “bisnonna Rosetta” portava papà Luca…

Un’emozione che fatalmente si converte poi in un magone trattenuto a stento…

proprio stamane, infatti, poco prima che partisse da Bordighera, suo papà Carlo gli ha comunicato che, purtroppo, nonna Rosetta non ce l’ha fatta…

la sosta ad Arenzano assume così i contorni di una triste ma magica combinazione

come se il destino, guidato da un abile sceneggiatore, di quelli che fanno la fortuna di molti film, avesse fatto uscire di scena nonna Rosetta, in modo discreto, silenzioso, proprio nel giorno in cui suo nipote Luca aveva deciso di omaggiarla, simbolicamente, portando la piccola Bianca nei luoghi molto cari a lui ed alla “bisnonna”…

Con Luca, Emanuela e Bianca oggi, ad Arenzano, c’eravamo anche io e Susanna…

“Nonna Rosetta” era mia zia, e Luca è figlio di mio cugino Carlo…

c’eravamo sentiti ieri e mi aveva fatto piacere che volesse salutarci…

l’ultima volta che c’eravamo visti era lo scorso 12 settembre…

mia zia aveva compiuto 90 anni ed io e Susanna le avevamo fatto una sorpresa, che aveva molto gradito…

la gravidanza di Emanuela era già avanzata, e lei aveva espresso il desiderio di riuscire a campare almeno fino alla nascita della pronipote…

il suo desiderio è stato esaudito, ed ha avuto la possibilità di abbracciare e coccolare la piccola Bianca, sicuramente un frammento di vera felicità che ha portato con sé nel suo ultimo viaggio…

a Luca resterà, sempre vivo, il ricordo di una nonna che lui, teneramente, e contro ogni ordine naturale delle cose, era intimamente convinto non dovesse andarsene mai…

avrà modo di raccontare a Bianca, negli anni, di quella volta in cui, ad Arenzano, tenuto per mano da nonna Rosetta, rimase incantato di fronte all’insegna di un nuovo locale…

era l’insegna “a led” della gelateria Sasso, a Barzanò non ne aveva viste ancora di così belle…

e proprio lì, alla gelateria, con una piacevole degustazione, ci siamo salutati…

Luca ha espresso un nuovo desiderio…

come me, è appassionato di basket, e non vede l’ora che Bianca cresca per poterla “sfidare” in uno contro uno…

e qui allora un desiderio lo esprimo io…

spero di poter campare come zia Rosetta fino ai 91 anni, per aver la possibilità, perché no?, di trovarmi un giorno sugli spalti di un campo da basket, in occasione di una partita di grande importanza, e poter esultare alla tripla vincente, a fil di sirena, realizzata da una fanciulla con il nome “Besana” sulla maglietta…

beh, se non dovessi campare così a lungo, nessun problema: da lassù faremo il tifo (ed un gran casino alla tripla vincente) con tutto il “fan club Bianca”, capitanato da “bisnonna Rosetta”…

il “sogno” della tripla vincente…
(clicca per ingrandire)
12 settembre 2020 – io, la zia Rosetta e Susanna
(clicca per ingrandire)
Luca, Emanuela, Bianca, io e Susanna
(clicca per ingrandire)

Articoli correlati

link – 12 settembre 2020 –
Il 90^ compleanno della dolcissima zia Rosetta...
link – 19 settembre 2020 –
Arenzano ed i ricordi d’infanzia di Federica…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.