Aaah!…la Svizzera….

Aaah!…la Svizzera….

come (quasi) tutti i comaschi, non ho molta simpatia né per la Svizzera né per gli svizzeri… con due piacevoli eccezioni: il Toblerone e Michelle Hunziker…purtroppo posso “gustarmi”, e senza eccessi, solo il primo…

12 febbraio 2009

Ho trascorso i miei primi quarant’anni in provincia di Como ed ho quindi “frequentato” a lungo sia la Svizzera che gli svizzeri e, come la maggior parte dei comaschi, non sono mai riuscito ad avere un feeling particolare né con l’una (la Svizzera) né con gli altri (gli svizzeri); un esasperato ordine senza colori, grigio, piatto, che al confronto Torino sembra Rio de Janeiro…

Non so perché, ma oggi, quasi con un improvviso rigurgito “comasco”, nella mente mi frullano continuamente queste riflessioni…..

La prima è una riflessione attribuita ad Orson Welles:

«In Italia, sotto i Borgia, per trent’anni hanno avuto guerre, terrore, assassinii, massacri: e hanno prodotto Michelangelo, Leonardo da Vinci e il Rinascimento. In Svizzera, hanno avuto amore fraterno, cinquecento anni di pace e democrazia, e cos’hanno prodotto? Gli orologi a cucù.»

Per quanto sostanzialmente d’accordo con Welles (ripeto, anche con cognizione di causa) direi che si rende necessario un aggiornamento: agli orologi a cucù occorre aggiungere il Toblerone e Michelle Hunziker.

Sempre sulla Svizzera, qualcuno ha rilevato che le strutture sanitarie pubbliche per le partorienti sono assolutamente all’avanguardia così come i ricoveri per gli anziani, ed ha concluso:

Ah, la Svizzera, un ottimo posto per nascere, il posto ideale per morire…ma per viverci……

Non so se questo possa essere inteso come un primo germoglio di xenofobia…però mi sento meglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.