a zonzo per i vicoli del centro storico di Genova…

a zonzo per i vicoli del centro storico di Genova…

…ognuno ha le sue croci da portare…anche senza tunica, tabarino, buffa e crocco…

Susanna era stata irremovibile fin dal primo mattino…
“Oggi non hai, non devi avere, cose da fare per il Pianacci!!! Oggi facciamo i turisti a Genova…”.
E quando Susanna è così, non è per niente consigliabile opporsi…

è così che è “nata” una giornata come di rado, quasi mai, ci è capitata in questi anni…

come si sarebbe mosso, oggi, un turista a Genova?

Abbiamo iniziato con la Marina di Sestri, dove erano ormeggiati gli stupendi velieri che parteciperanno alla “Rotta Iacobus Maris”…

però, arrivati attorno alle 13, non era più possibile, fino alle 16, salire a bordo per una visita…

la serranda “firmata” Web3
(clicca per ingrandire)



ci siamo allora spostati nei vicoli del centro storico, girando senza una meta precisa come una coppia generica di turisti qualsiasi…

tante meraviglie, colte soprattutto con il naso all’insù…

ma non sfugge alla mia osservazione un’allegra serranda, decorata da un writer che ben conosciamo: il bravissimo Web3 (Andrea Castagnino), che lo scorso anno ha ben condotto il laboratorio writing al Pianacci, esperienza che si rinnoverà a breve sempre negli spazi del nostro circolo.

Incrociamo, all’angolo di via San Lorenzo, un mimo, uno di quegli artisti di strada che interpretano vere e proprie statue viventi
mentre scatto un paio di foto, con la coda dell’occhio non mi sfugge lo stupore (un vero e proprio sobbalzo condito da spavento) di un bambino incantato ad ammirare “la statua” che, improvvisamente, cambia posizione, rivelando la sua natura umana…

(clicca per ingrandire)

Poco più in là, sulla strada, una galleria di curiose opere di Angelo Gnecco, artista che ha saputo sintetizzare la colorata “verticalità” di Genova e di altre località liguri nella collezione “Case di Genova e della Liguria”.
Una collezione che si è estesa anche alla decoratissima Fiat 500 parcheggiata poco più in là (ne ha 3, con l’aggiunta di una mitica “Bianchina”, la vettura fantozziana per eccellenza) e che ha trovato una simpatica applicazione alle conseguenze della pandemia, “interpretate” dal rotolo di carta igienica stampato con le colorate casette liguri, così come le ormai famigliari mascherine.

Un rapido, gradevole pranzo in piazza Pollaiuoli, e casualmente ci si incontra con l’amico Paolo De Totero (e Paola) che non vedevamo da mesi…

un salto alla Cattedrale di San Lorenzo (tappa irrinunciabile per qualunque turista medio) e ci facciamo sedurre dalla possibilità di ammirare la città dall’alto delle torri, come garantito dall’addetto alla biglietteria all’interno della cattedrale.

Peccato che, giunti in cima, due terzi del panorama offerto dalla terrazza (proprio la parte verso la città), siano occupati da ponteggi con relativo telo di protezione…

ci “accontentiamo” dello spettacolo offerto dall’alto delle navate della cattedrale…

Usciamo in piazza Matteotti e, mentre cerchiamo di orientarci sulla strada da prendere per raggiungere una gelateria che ci hanno consigliato, ecco che incrociamo due amici che non vediamo, credo, dal periodo pre Covid: Angelo Lavizzari, bravissimo fotografo, e sua moglie Emanuela, e per una volta sono loro ad essere immortalati dall’obiettivo del mio smartphone.
Due veri e propri “numero 1”, come peraltro evidenziato dalla vetrina, con i rispettivi colori…

Emanuela ed Angelo Lavizzari
(clicca per ingrandire)

La piazza si sta riempiendo di persone; c’è in programma, più tardi, la processione di San Giovanni (patrono di Genova) con i tradizionali crocifissi, pesanti anche diverse decine di kg, portati sulle spalle dai “cristezzanti” delle confraternite.

C’è tempo per gustarci l’irrinunciabile gelato e per “ammirare” un avviso risparmioso sulla porta d’ingresso di un negozio “griffato”…

un foglio A4 scritto con un pennarello sul retro bianco di un foglio stampato, riciclato, con la stampa rivelata dal controluce…

ed un altro cartello, su un’altra vetrina, che invita a portare il vecchio bikini con la promessa di ridargli nuova vita…
non riesco a trattenermi…
“Dai Susanna, se oltre a nuova vita ridanno anche nuovi seni e nuovi fianchi portiamo tutti i tuoi”…
non so se Susanna abbia gradito il cazzeggio, meglio non indagare e tornare in piazza Matteotti…

(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

c’è fermento, con le rituali procedure di preparazione dei cristezzanti che fungono da camalli.

Indossano la cappa, una tunica bianca che arriva sotto il ginocchio; poi il tabarino, un corto mantello legato sulle spalle di colore rosso con ricami a strisce dorate; poi la buffa, un caratteristico cappuccio triangolare raccolto sul capo.
Infine il crocco, un’imbragatura speciale in cuoio composta da 3 strisce di cuoio che si vanno ad ancorare come le bretelle ad una cintura; su questa è presente un bicchiere di ferro o acciaio foderato in cuoio, dove all’interno può essere messo un pezzo di gomma per limitare lo scivolamento del perno basso del pesantissimo crocifisso.

Vediamo solo 3 crocifissi (in altre processioni ne erano presenti anche una dozzina) ed uno degli organizzatori “priorali” ci spiega che la ripresa dopo il lockdown è stata difficile, che non c’è il necessario ricambio generazionale…
il risultato è che sono presenti solo i crocifissi di Voltri, di Pra’ e di San Biagio, ma il clima è quello di sempre…
tantissima gente, moltissimi i turisti giovani, soprattutto stranieri, che sembrano (giustamente) affascinati da un evento per loro sicuramente inusuale…

tra la folla composta da centinaia di persone incrociamo uno dei fornitori del bar del Circolo Pianacci…
ci eravamo messaggiati proprio ieri, per un disguido burocratico, e l’occasione è buona per un ulteriore chiarimento…

no, non è un’occasione buona…
lo sguardo preoccupato di Susanna mi ricorda che oggi ogni questione relativa al Pianacci è vietata…


come Garibaldi rispondo, mentalmente “Obbedisco!!!”

salutiamo l’incolpevole interlocutore e torniamo a scattare foto, manco fossimo turisti giapponesi…

fortunatamente Susanna si distrae, e ne approfitto, di soppiatto, per pianificare, tramite messaggi whatsapp, la convocazione di alcuni collaboratori per sistemare, domattina, le reti del campo da beach volley…

Un’esagerazione???
Beh, ognuno ha le sue croci da portare…
anche senza tunica, tabarino, buffa e crocco…

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.