a proposito di Giampaolo…

a proposito di Giampaolo…

 

stasera mi va di parlare di calcio…e da tifoso milanista c’è un inevitabile “argomento del giorno”…Marco Giampaolo

nel periodo in cui Marco Giampaolo ha guidato i blucerchiati, ho spesso seguito (in tv) le partite della Samp, complice anche il contemporaneo non esaltante periodo del Milan.
Ho avuto modo di apprezzare, nel tempo, il suo lavoro, che ha dato un’identità ben precisa alla Samp, un’identità smarrita dal Milan che, per contro, è stata la cifra caratteristica dei blucerchiati: la capacità di mantenere il suo gioco indipendentemente dall’andamento, anche occasionale, della partita.

E’ stato, a mio modesto avviso, l’allenatore perfetto per la Samp di questo periodo.

Ha valorizzato giocatori poi girati ad altre società con realizzazione di preziose plusvalenze che hanno contribuito a risanare i conti del club.
Contemporaneamente, nonostante dovesse fare i conti con cessioni eccellenti ad ogni sessione di mercato, ha saputo mantenere la squadra nella parte sinistra della classifica, evento che, dopo gli anni d’oro di qualche lustro fa, non è stato proprio una consuetudine sotto la Lanterna.

Giusto per ricordare giocatori valorizzati e ceduti durante la gestione Giampaolo: Skriniar, Bruno Fernandes, Muriel, Duvan Zapata, Schick, Torreira, Andersen, Praet…

Una manna per qualunque società…

e francamente, per tutto quanto detto finora, non ho mai compreso lo scetticismo che nei suoi confronti è stato manifestato da troppi sostenitori blucerchiati.

Quando il Milan ha deciso di non confermare Gattuso, inevitabile che abbia sperato che la scelta cadesse su Giampaolo, da qualche tempo considerato “in uscita” dalla Samp in quanto la società non sembrava più in grado di garantirgli le qualità tecniche complessive necessarie al suo disegno tecnico.

Il Milan non è più, al momento, società che può ambire a competere con i vertici del nostro campionato.
Troppi i problemi societari (sfociati poi nella “rinuncia” all’Europa League), troppi gli errori di mercato negli ultimi anni, con giocatori acquistati a peso d’oro (38 milioni Andre Silva, 35 milioni Bonucci poi scambiato alla pari con Caldara, Conti 25 milioni, Biglia 20 milioni…poi gli scarsissimi Calhanoglu 22 milioni, Rodriguez 18 milioni, Castillejo 25 milioni, Laxalt 14 milioni) e tutti con conseguenti stipendi fuori da ogni logica (es Laxalt 2milioni…).

Giampaolo mi è sembrato il soggetto giusto per avviare un nuovo corso, in attesa di poter tornare ad avere grandi ambizioni.

Il gioco di Giampaolo è noto: due “terzini” che spingono molto, centrali in grado di impostare, centrocampisti che sappiano giocare a “due tocchi”, attaccanti esterni con buone qualità tecniche in grado di valorizzare la punta centrale.

Sarebbe stato quindi necessario sfoltire, e non poco: il più possibile tra Calhanoglu, Biglia, Rodriguez, Castillejo, al limite anche Kessie e Suso, non propriamente giocatori che sappiano esprimersi “a due tocchi”…

si vociferava che, grazie alle cessioni, sarebbero arrivati al Milan giocatori giovani ma di qualità come Torreira, Praet, Ceballos…
tutti perfetti per il gioco di Giampaolo

E credo che queste fossero le strategie condivise…

il problema è che nessuno ha voluto i “gioielli” del Milan, ed è comprensibile: costosissimi (anche come ingaggio) e non propriamente di prima fascia.
In extremis si sono dati in prestito Andre Silva e Laxalt, e si è riusciti a cedere il solo Cutrone, forse il meno peggio tra i cedibili…

E’ evidente che se prendi Krunic (giocatore che a me piace molto) e Bennacer (idem) e poi in quei ruoli hai ancora in rosa un pacchetto di “nomi” che sono costati un patrimonio al club (e costano un altro patrimonio in ingaggi) beh… non puoi deprezzarli,  li devi far giocare…

e se in aggiunta hai la sfortuna che l’unico che riesci ad infilare (Theo Hernandez, veramente bravo) ti si infortuna in precampionato e sei costretto a far giocare sulla fascia di nuovo Rodriguez, che pur di non usare il destro fa tre giri su se stesso prima di perder palla, eh sì…forse qualche spiegazione a questo inizio di campionato “problematico” la si trova…

errori, indiscutibili, della dirigenza che forse ha fatto i conti (cessioni) senza l’oste (acquirenti)…
non basta essere stati grandi giocatori (e/o apprezzati opinionisti) per essere anche bravi dirigenti…

A Giampaolo, una volta visto l’esito del mercato, e la “consegna” di una squadra senza le caratteristiche tecniche auspicate, forse sarebbe servito il coraggio di salutare la compagnia, evitando l’onta di un esonero.
Ma non è facile arrivare, dopo un percorso molto articolato, lassù dove molti allenatori sognano di arrivare  (nonostante il blasone appannato), e poi buttare tutto alle ortiche…

non so quanti l’avrebbero fatto…

lui non l’ha fatto, ha provato a trovare il bandolo della matassa…e ne paga le conseguenze.

Da tifoso milanista, e suo estimatore, sono dispiaciuto: Giampaolo, che mi pare anche persona squisita, avrebbe meritato maggiore attenzione dal club (in sede di mercato) ed il minimo sindacale di fiducia (e pazienza) necessarie a qualunque nuovo allenatore per poter impostare (ed eventualmente far apprezzare) il suo lavoro.

Per contro il suo esonero non ha manco comportato l’arrivo, sulla panchina rossonera, di Luciano Spalletti, vero obiettivo della dirigenza.

Stefano Pioli inizierà il suo lavoro sapendo di non essere stato la prima scelta per prendere il posto di un allenatore sostituito dopo sole 6 giornate di campionato.

Coraggio…
abbiamo vissuto anche momenti peggiori…

(foto da panorama.it)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.