1988, Stella Rossa–Milan…il “film” (thriller) che cambiò la storia del Milan, del calcio…e non solo…

1988, Stella Rossa–Milan…il “film” (thriller) che cambiò la storia del Milan, del calcio…e non solo…

 

 

 

…quello che non possono sapere è che il calcio, i giocatori, gli spettatori, lo stadio, da quel momento diventeranno protagonisti di un vero e proprio “thriller”, e che sta per andare in scena, con l’imprevedibile regia della natura, qualcosa che, come vedremo, cambierà la storia del Milan, del calcio…e non solo…

 

 

 

 

lunedì 14/12/2020, ore 13.15 circa.

C’è il sorteggio per i sedicesimi dell’Europa League 2020-2021, e l’urna. con le “palline” che hanno all’interno i nomi delle squadre, è affidata all’ex interista Maniche.

I primi sorteggi sono accolti con sospiri di sollievo, alcune delle rivali più temibili per il Milan, peraltro “testa di serie”, sono già state accoppiate ad altre squadre…

dall’urna esce finalmente la rivale del Milan: è la Stella Rossa di Belgrado…

dallo studio di Sky si leva un mormorio di soddisfazione, non è considerata una delle rivali più temibili…

a me, invece, è venuto subito un “brivido” lungo la schiena…
e sicuramente sarà capitato agli altri milanisti della mia generazione davanti agli schermi…

Il pensiero non è andato a “questa” Stella Rossa-Milan…

il pensiero è andato subito a “quella” Stella Rossa-Milan, quella della stagione 1988-1989…

gli ottavi di finale della Coppa dei Campioni (come vedremo, in tre partite e con tanti episodi degni di un thriller) che hanno segnato in modo profondo la storia del Milan e del calcio (non solo italiano)…

che potremmo quasi sintetizzare in un “prima di Belgrado” ed un “dopo Belgrado”…

una vicenda che, senza esagerare, ha pure segnato, in qualche mod0, la storia del nostro paese…

ma andiamo con ordine…
per farlo, e per cogliere tutti i dettagli, occorre riavvolgere la pellicola, con pazienza…

 

 

Stagione 1988-1989,
Borghi o Rijkaard???

 

A quei tempi alla “Coppa dei Campioni” partecipano solo le squadre che hanno vinto l’anno precedente il titolo nazionale (oltre all’eventuale campione d’Europa in carica) e Campione d’Italia è il Milan di Arrigo Sacchi, che al suo primo anno sulla panchina rossonera aveva conquistato lo scudetto con una fantastica rimonta sul Napoli di Diego Armando Maradona.

E’ il ritorno del Milan nella massima competizione europea dopo 9 anni tribolatissimi, nel corso dei quali aveva conosciuto due retrocessioni in Serie B (per illecito sportivo nel 1979/1980 e sul campo nel 1981/1982) ed il rischio fallimento nel 1986.

E’ un Milan ambizioso che già può contare su due straordinari olandesi, Ruud Gullit e Marco Van Basten (che al termine della stagione 1988-89 si vedrà assegnare il Pallone d’Oro), e Berlusconi, grazie all’estensione a 3 del numero di stranieri tesserabili, vuole ulteriormente arricchire di solidità e spettacolo la sua squadra.

Claudio Daniel Borghi, 1987-1988
(clicca per ingrandire)

Il presidente è letteralmente innamorato di Claudio Daniel Borghi, campione del mondo con l’Argentina 1986.

Nel corso del Mundialito per club 1985, lo aveva visto, con la maglia dell’Argentinos Juniors, dare spettacolo contro la Juventus…

Lo acquista, e non potendolo tesserare per il Milan (che ha già Gullit e Van Basten) lo “parcheggia” al Como, dove però gioca poco e senza brillare…in buona sostanza fa la riserva del giovanissimo Egidio Notaristefano.

Michel Platini nel 1985 aveva definito Borghi “Picasso del calcio”, ma per molti, in particolare i suoi numerosi detrattori, la sua abilità di palleggio sembra più adatta ad un’esibizione per gli amici nel giardino di casa che per il campionato italiano ed i suoi arcigni difensori…

 

Arrigo Sacchi invece stravede per Franklin Edmundo Rijkaard, che il Milan aveva schierato in prestito in un paio di partite del Mundialito 1987, ed il tecnico romagnolo Borghi “non lo vede” proprio…

con il presidente Berlusconi si rischia lo scontro…
Anzi, secondo i bene informati, un vero e proprio scontro ci sarebbe stato nel corso di una cena ad Arcore che si potrebbe definire, con un eufemismo, “molto vivace”…
“Se dovessi cominciare a costruire una squadra di calcio partirei da Frank Rijkaard e poi metterei giù tutti gli altri”, e Berlusconi alla fine si convince.

Borghi viene girato in Svizzera, al Neuchatel Xamax, e dopo un anno tornerà definitivamente in Sudamerica, ritrovando un pizzico di gloria solo nel ’92, in Cile.

Il Milan, dopo un’estenuante trattativa in cui sono implicate Ajax, Sporting Lisbona e Real Saragozza, e grazie all’abilità di Galliani e Braida, porta Rijkaard alla corte di Sacchi, andando a formare un trio d’attacco che per molti diventerà, semplicemente, il “trio delle meraviglie”, sul quale si fonderanno molte delle fortune del Milan di quel periodo.

 

Rijkaard, Van Basten e Gullit
– foto da tuttosport.com –
(clicca per ingrandire)

I tifosi rossoneri tornano a sognare, in particolare i meno giovani…
il trio olandese fa loro ricordare infatti il favoloso trio svedese di 40 anni prima, Gren-Nordahl-Liedholm (il famoso Gre-No-Li) che aveva vinto l’Olimpiade nel 1948 e contribuito allo scudetto rossonero del 1951.

 

Gren, Nordahl e Liedholm
– foto archivio acmilan.it –
(clicca per ingrandire)

 

di nuovo, dopo tanti anni, la “Coppa dei Campioni”…

 

Il primo turno (sedicesimi di finale) per il Milan è una formalità.

Il Vitosha Sofia (l’attuale Levsky) viene superato 2-0 in Bulgaria, con gol di Virdis e Gullit ed al ritorno un “poker” di Marco Van Basten (più il “solito” Virdis) sancisce il passaggio del turno con un sonante 5-2.

Il sorteggio per gli ottavi è insidioso, ci sono squadre decisamente forti (Real Madrid, Werder Brema, Steaua Bucarest) ma l’urna è, a detta degli “esperti” di quel tempo, quasi benevola: il Milan se la vedrà con la Stella Rossa Belgrado, sulla carta meno temibile, che però nel suo roster ha giocatori di assoluto livello, tra i quali Stojković, Prosinečki e Savićević.  

E’ la squadra che solo un paio d’anni più tardi farà faville, vincendo la Coppa dei Campioni, ma in quel momento, al sorteggio degli ottavi di finale 88-89, c’è soddisfazione per aver evitato rivali più forti…

 

Prosinečki, Stojković e Savićević
(clicca per ingrandire)

 

Gli ottavi di finale, c’è la Stella Rossa Belgrado

 

Che non fosse una passeggiata, anzi…, il Milan se ne accorge già il 26 ottobre 1988, nella gara di andata a San Siro.

Poco dopo l’intervallo, un minuto dopo una clamorosa occasione sprecata da Virdis, gli jugoslavi passano in vantaggio con Stojković,.
Il pareggio è quasi immediato e Pietro Paolo Virdis si riscatta cogliendo impreparati sia il telecronista Bruno Pizzul che la regia RAI, alle prese con il replay del gol jugoslavo.

 

 

Il Milan non riesce ad imporre il suo gioco spumeggiante, ed il punteggio non cambierà più, complicando non poco il discorso qualificazione, in virtù del gol in trasferta realizzato dalla Stella Rossa.

A preoccupare ulteriormente l’entourage rossonero, in vista della gara di ritorno del 9 novembre 1988, non è “solo” la pubalgia di Gullit che, pur seguendo la squadra, non potrà essere schierato da Sacchi…

la maggiore preoccupazione è per l’ambiente che il Milan troverà al “Marakana” di Belgrado, un’autentica esplosiva bolgia nella quale a quei tempi non mancavano gli ultras della Stella Rossa, governati da Željko Ražnatović , per tutti il comandante Arkan, il capo sanguinario delle “Tigri serbe”, il numero uno della milizia paramilitare e ultranazionalista che pochi anni dopo si distinguerà, tragicamente, durante la guerra civile in Bosnia e Croazia.

 

Arkan, foto da zonacesarini.net
(clicca per ingrandire)

 

Nel momento in cui le squadre scendono in campo, i rossoneri devono prendere atto della fama, assolutamente meritata, di quello stadio infernale…

quello che non possono sapere è che il calcio, i giocatori, gli spettatori, lo stadio, da quel momento diventeranno protagonisti di un vero e proprio “thriller”, e che sta per andare in scena, con l’imprevedibile regia della natura, qualcosa che, come vedremo, cambierà la storia del Milan, del calcio…e non solo…

 

9 novembre 1988, il “ritorno” al “Marakana” di Belgrado

 

il biglietto della partita Stella Rossa – Milan, 9 novembre 1988
–  foto dal sito magliarossonera.it –
(clicca per ingrandire)

 

Il terreno del Marakana è ghiacciatissimo, la temperatura vicino allo zero, ed il Milan, come già nella gara di andata, soffre l’irruenza e la fisicità degli avversari; per qualificarsi deve necessariamente vincere o pareggiare realizzando almeno due gol, ed all’intervallo, conclusosi sullo 0-0, l’impresa sembra ancora più idifficile…

mentre le squadre raggiungono gli spogliatoi, sul campo inizia a scendere un po’ di nebbia, un fenomeno assolutamente insolito all’inizio di novembre a Belgrado…

al rientro in campo la nebbia è fittissima, ed anche da bordo campo è quasi impossibile distinguere i protagonisti in campo…

al 50′ un urlo fa capire che la squadra di casa è andata in vantaggio…
più tardi si saprà che l’ha realizzato Savićević, con un tiro da una quindicina di metri e, a detta di Baresi, con un’azione iniziata in fuorigioco, nascosto dalla nebbia agli occhi del guardalinee…

 

 

sia gli spettatori che i telespettatori, più tardi, scopriranno anche che, coperto dalla nebbia fittissima, al 55′ era stato espulso Virdis, per un fallo che sarà descritto dall’attaccante del Milan come un’innocente spallata ad un avversario in occasione di una rimessa laterale…

A bordo campo, accanto al team manager Ramaccioni, c’è il dirigente Paolo Taveggia che, come lo stesso Taveggia racconterà, cerca per molti minuti di convincere il guardalinee che non si possa giocare in quelle condizioni…

 

9 novembre 1988, la nebbia sul Marakana di Belgrado
– foto Marco Alpozzi per LaPresse –
(clicca per ingrandire)

 

L’arbitro Dieter Pauly
(clicca per ingrandire)

 

un pressing che dà i suoi frutti verso il 63′ minuto,  quando si sente il triplice fischio dell’arbitro tedesco Dieter Pauly (alla sua ultima gara internazionale) che manda anzitempo tutti quanti negli spogliatoi dove Arrigo Sacchi, con grande sorpresa, incontra Virdis, che lui pensava fosse ancora in campo, già “docciato” e rivestito…

“Che ci fai qui???”

nella fitta nebbia dalla panchina non si erano accorti né della sua espulsione né della sua rapida uscita dal campo…

 

 

All’imbocco degli spogliatoi l’arbitro informa Taveggia che, come aveva detto ai giocatori, avrebbe atteso 45 minuti, nella speranza che la nebbia potesse dissolversi…

Taveggia si ferma fuori, a fumare nervosamente, assediato dai fantasmi della possibile clamorosa eliminazione…
se dovesse dissolversi la nebbia sarebbe un disastro, con il Milan sotto di un gol ed in dieci per l’espulsione di Virdis…

 

 

il “disguido” con i giocatori…
poi il “colpo di genio”, i tifosi, le squalifiche, il fisioterapista di Gullit…
ed infine quella notte al night club…

 

 

Paolo Taveggia
– foto da Forza Milan 1988 –
(clicca per ingrandire)

Taveggia entra negli spogliatoi per bere qualcosa di caldo e quello che vede lo sconvolge…
metà squadra, che aveva interpretato il triplice fischio come un’interruzione definitiva, è già sotto la doccia, con le maglie buttate per terra…

di certo non la migliore premessa per un eventuale rientro in campo…

mosso dalla disperazione e con l’aiuto di un approssimativo uso della lingua inglese, Taveggia raggiunge lo spogliatoio dell’arbitro, ed avuta conferma sulla natura temporanea dell’interruzione mette in scena una vera e propria sceneggiata: “I giocatori hanno frainteso, sono già sotto la doccia, e la mia carriera è rovinata…”.

L’arbitro, incuriosito, apre la finestrella dello spogliatoio, vede che la nebbia è ben lontana dal potersi dissolvere…
ed a dissolversi sono i suoi dubbi: ”Si gioca domani alle 15”.

 

Tornati in albergo, il rincuorato Taveggia deve occuparsi di altre questioni…

vanno sistemate alcune decine di tifosi, che non hanno i soldi per il pernottamento, e fa in modo che se ne occupi direttamente il Milan…

deve affrontare una lunga discussione con il delegato UEFA, che è però irremovibile: per quanto sospesa, e soggetta a ripetizione, la partita conserva comunque la sua ufficialità, e quindi scatta per il giorno dopo la squalifica di Virdis, che era stato espulso, cui si aggiunge anche quella di Ancelotti, che nel corso della partita, già diffidato, era stato ammonito per reazione ad una provocazione di Stojković…

sanzioni che saranno confermate, giusto pro-forma, da un telex dell’UEFA pervenuto nel corso della notte…

non c’è altro da fare, occorre convincere Gullit a rendersi disponibile, benché infortunato…
la sua presenza, anche solo in panchina, può essere un toccasana per una squadra che dovrà essere rivoluzionata…

il fisioterapista Ted Troost
– foto da anp-archief.nl 1989 –
(clicca per ingrandire)

 

Gullit accetta ma ad una condizione: deve avere a disposizione, forse anche solo per motivi psicologici, il suo fisioterapista, l’olandese Ted Troost.

Qui si mette in moto la perfetta organizzazione Fininvest: un aereo privato parte da Milano, preleva Troost ad Amsterdam e lo porta a Belgrado.

Per completare quella “scoppiettante” serata, quella della partita nella nebbia, Taveggia, che non riesce a prendere sonno, dopo la mezzanotte chiama l’addetto stampa del Milan, Susini, e raggiunge il più famoso locale notturno di Belgrado, indicatogli dalla reception dell’albergo.

Ed è proprio lì che incontra arbitro e guardalinee, accompagnati da alcune ragazze e da dirigenti della Stella Rossa…

gli sguardi si incrociano, ed il significato è chiaro: ”So chi sei, vedo con chi sei e cosa stai facendo qui, ma tranquillo, non dirò nulla…”.

 

E si arriva al 10 novembre, il giorno della ripetizione della partita…

 

La mattina, di buon’ora, attorno alle 8, alcuni giocatori del Milan, che si erano ritirati attorno alle 2, vengono svegliati da un rumore inusuale…
diranno poi di aver avuto l’impressione che nei corridoi si aggirasse un toro imbizzarrito…

era Ruud Gullit, che sotto lo sguardo attento di Sacchi e soprattutto di Ted Troost stava provando un po’ di allunghi nel corridoio tra la prima e l’ultima camera del decimo piano dell’Hotel Intercontinental di Belgrado…

Lo stesso Hotel nella cui hall, il 15 gennaio 2000, sarà assassinato (da un poliziotto in congedo) Željko Ražnatović, il già citato (e famigerato) “comandante Arkan”, capo ultras della Stella Rossa, che era stato eletto nel 1996 alle elezioni serbe, nel collegio kosovaro di Pristina e che sempre all’Hotel Intercontinental aveva organizzato, nel 1995, un sontuoso ricevimento in occasione delle sue nozze con la cantante folk Svetlana Ceca

al suo funerale presero parte migliaia di persone, con gli onori militari della sua milizia…

 

La folla e le milizie ai funerali di Arkan
– foto da news.bbc.co.uk –
(clicca per ingrandire)
 
10 novembre 1988, la ripetizione della partita…

e non sarà un nuovo film…
sarà il secondo tempo di uno stesso incredibile, irripetibile film…
un secondo tempo ancor più ricco di colpi di scena…

 

come dirà anni dopo Federico Buffa, le fantastiche squadre slave sono capaci di grandi imprese, ma difficilmente sono in grado di ripeterle a distanza di sole 24 ore…

ed il Milan, nonostante le assenze, sembra più pimpante di quello timoroso del giorno precedente.

Ruud Gullit è in panchina, pronto per ogni evenienza: Ted Troost ha garantito un’eventuale autonomia di trenta minuti, in caso di necessità…

Sacchi sopperisce all’assenza di Ancelotti spostando più avanti Rijkaard, a quei tempi difensore centrale, ed inserendo Costacurta accanto a Baresi.
(quel giorno non lo si può ancora sapere, ma quella soluzione di emergenza adottata da Sacchi sarà l’inizio della trasformazione di Rijkaard da difensore centrale a centrocampista e rifinitore con buona propensione alle proiezioni offensive, altro “mattone” fondamentale sia per i futuri successi del Milan che per la carriera di Rijkaard).

Il posto di Virdis viene assegnato al giovane Graziano Mannari, che in amichevole, durante l’estate, aveva strabiliato il presidente Berlusconi con un gran gol al Santiago Bernabeu contro il Real Madrid.
Non sufficiente comunque ad accrescere la sua fama, tant’è che la regia jugoslava ignora quale sia il suo cognome, ed in sovrimpressione compare la scritta “Grazzianno”…

 

la scritta in sovrimpressione della tv jugoslava
(clicca per ingrandire)

 

E proprio “Lupetto Mannari” è protagonista, nei primissimi minuti dell’incontro, di un episodio sconcertante, qualcosa di impensabile con la tecnologia dei giorni nostri…

Stojanović, portiere della Stella Rossa, fa un’uscita assurda al limite dell’area…
Mannari cerca di approfittarne e calcia verso la porta, ma troppo debolmente.

Il difensore Vasiliević è ancora più maldestro del portiere e con un intervento goffo calcia verso la sua porta, con il pallone che entra in rete e con un compagno che lo ricaccia fuori, quando ha superato di oltre un metro la linea di porta (fino a quasi raggiungere il fondo della rete…).

E’ un chiaro autogol, l’1-0 per il Milan, lo è anche per il telecronista Mladen Delić della tv jugoslava che urla chiaramente “autogol”
(un po’ più “compassato” invece il commento del nostro Bruno Pizzul…)…

autogol per tutti, ma non per la terna arbitrale, ed il gioco prosegue tra lo sconcerto generale…(con entusiasmo malcelato del telecronista slavo).

 

(in questo breve video l’autogol nella telecronaca “scoppiettante” di Mladen Delić e quella più compassata di Bruno Pizzul)

 

 

ma il Milan “è in palla”, ed al 35′, con un poderoso colpo di testa su cross di Donadoni, è Van Basten a portare in vantaggio i rossoneri.

Il vantaggio però dura poco più di tre minuti, il tempo occorrente a Savićević per un geniale lancio che mette Stojkovic davanti a Giovanni Galli per l’immediato pareggio,  1-1.

 

 

 

 

il dramma di Donadoni…

 

Nel corso della ripresa il difensore Vasiliević (quello dell’autogol) commette un incredibile fallo su Donadoni.

A velocità normale sembrerebbe uno scontro testa contro testa, in realtà è una micidiale gomitata sul volto del giocatore rossonero.
Donadoni crolla a terra, esanime.

I giocatori del Milan sono disperati, Donadoni sembra addirittura morto.

Molti scoppiano in lacrime, in particolare Maldini, che viene rincuorato da Gullit nel momento in cui subentra a Donadoni, portato fuori in barella.

L’altoparlante annuncia qualcosa, Stojković tranquillizza Maldini, Donadoni non è morto…

Sempre dal racconto di Federico Buffa, Maldini urla a squarciagola ai compagni: ”Raga, il Dona non è morto, il Dona non è morto!!!…”

ed il racconto di Federico Buffa rende il giusto merito al medico della Stella Rossa.

Recuperata una penna Bic, toglie i due cappucci, sfila il filler svuotandolo dall’inchiostro e con quella piccola cannuccia riesce a trovare un varco tra le mascelle serrate di Donadoni, soffiandogli aria in una sorta di estemporanea respirazione bocca a bocca.

E continua, scorticandosi anche le mani finché non riesce a fargli aprire la bocca, tirandogli fuori la lingua rovesciata…

Come racconterà poi Donadoni (che tornerà al calcio giocato solo dopo due mesi), la prima immagine nitida dopo il risveglio in ospedale furono i due signori in camera con lui.
Uno era un malato terminale, affetto da grave forma tumorale, che gli chiedeva di continuo come stesse…
l’altro era ricoverato a seguito di una caduta dal terzo piano, era tutto rotto, ma si dedicò a lui, sbucciando mandarini che gli spremeva poi sulle labbra, perché non riusciva ad aprire la bocca e quindi non poteva mangiare nulla…
Stavano molto peggio di lui, ma gli dedicavano attenzioni come se quello più grave fosse proprio il calciatore rossonero, dandogli una grande dimostrazione di quanto fosse stato comunque fortunato…

 

in questi 180 secondi, “1988, Stella Rossa-Milan ed il ‘dramma’ di Donadoni nell’avvincente racconto di Federico Buffa”
(che ho trovato solo in versione audio, rimontandolo con immagini d’archivio).

 

 

La partita continua, senza troppi sussulti, fino al 90’ e poi per i 30 minuti dei tempi supplementari…

il passaggio ai quarti si decide con la “lotteria dei rigori”…

 

la qualificazione “ai rigori”…
una “lotteria”…ed un altro “colpo di genio”…

 

iniziano i padroni di casa, che realizzano i primi due con Stojković e Prosinečki, pareggiati da Baresi e Van Basten.

Il terzo rigore slavo viene affidato ad uno specialista, Savićević, che però si fa “ipnotizzare” da Giovanni Galli, con una respinta che beffardamente fa tornare il pallone tra le braccia dell’avversario…
Galli para anche il quarto rigore, quello calciato da Mrkela…
nel frattempo Evani ha portato a tre i rigori realizzati dal Milan…

realizzare il quarto darebbe la qualificazione al Milan, senza necessità di ricorrere al quinto rigore…

e qui va in scena l’ultimo atto di questo incredibile film, con una dinamica i cui curiosi dettagli saranno rivelati anni dopo sempre da Taveggia…

il quarto rigorista designato da Sacchi è il giovanissimo (17 anni) Massimiliano Cappellini, che a cinque minuti dal termine dei supplementari era subentrato a Mannari…
ed il nome di Cappellini è ben scritto nella lista consegnata all’arbitro…

il ragazzino non osa dire a Sacchi quanto sia terrorizzato…
se ne rende conto Rijkaard, che non aveva mai tirato rigori in partita, e con incredibile faccia tosta prende in mano il pallone, presentandosi sul dischetto.

L’arbitro non dice nulla, forse non se ne accorge nemmeno…
forse è ancora “distratto” dalla notte brava al night club di Belgrado…

Rijjkard è glaciale…gol, 4-2, qualificazione e grande festa in campo.

Rijkaard confiderà poi a Taveggia che, accortosi dello stato d’animo del ragazzino, abbia voluto preservarlo da un possibile errore che avrebbe “macchiato” la sua carriera fin dagli inizi.
Lui invece, anche in caso di errore, sarebbe rimasto, comunque, Frank Rijkaard…

(in questo video, la sequenza dei rigori nella telecronaca di Bruno Pizzul)

 

(in questo video la sequenza dei rigori nella telecronaca di Mladen Delić)

 

 

 

come vedremo, la provvidenziale nebbia passerà così agli archivi come il momento in cui cambiò la storia del Milan e quella del calcio, non solo italiano…
probabilmente, senza “quella nebbia”, sarebbe potuta cambiare anche una parte della storia italiana degli ultimi 30 anni… 

 

 

la cavalcata trionfale…
con altri sussulti…

(in fondo alla pagina i video con tutti i gol e gli altri episodi “misteriosi”) 

 

Superato lo scoglio della Stella Rossa Belgrado, inizia la trionfale cavalcata del Milan…
non senza altri episodi sconcertanti…

nei quarti di finale elimina il Werder Brema, con un altro “giallo”: all’andata in Germania, il 1 marzo 1989, c’è un’altra autorete, “non vista” dall’arbitro portoghese Santos… 
il 15 marzo 1989, nella gara di ritorno, la qualificazione alla semifinale è risolta da un rigore di Van Basten, in tutta franchezza…“un benevolo rigorino”…

alle semifinali, con il Milan, si qualificano anche la squadra turca del Galatasaray e la Steaua Bucarest

lo “sceneggiatore” di questa incredibile annata vuole però mettere a dura prova il Milan, e dall’urna esce il biglietto con il nome della quarta squadra, quella più temuta…
il grande Real Madrid, lo squadrone con Butragueño (el Buitre, l’avvoltoio), Míchel, Sanchís, Mártin Vázquez ed un fantastico “rapace” d’area come il messicano Hugo Sánchez.

 

Hugo Sánchez- Mártin Vázquez-Míchel-Butragueño-Sanchís
(clicca per ingrandire)

 

Il 5 aprile 1989, nella gara di andata al Santiago Bernabeu, il Milan mette alla frusta i “blancos”…
non si è mai vista una squadra mettere così in difficoltà il Real a casa sua…
il Real, però, per quanto immeritatamente, passa in vantaggio con Hugo Sánchez…
occorre una prodezza (uno dei “gol del secolo”) di Van Basten per fissare il punteggio sull’1-1, con la “macchia”, ormai una costante…, di un gol  regolarissimo incomprensibilmente annullato a Gullit…

 

Il fantastico colpo di testa di Van Basten contro il Real Madrid
– foto dal sito papavanbasten.com –
(clicca per ingrandire)

Implacabile la “vendetta” nella gara di ritorno a San Siro, il 19 aprile 1989, con un clamoroso 5-0 grazie ai gol di Ancelotti, Rijkaard, Gullit, Van Basten e Donadoni.

 

Si arriva così alla finale contro lo Steaua Bucarest di Gheorghe Hagi, al Nou Camp di Barcellona, in quel 24 maggio 1989 tutto vestito di rossonero, con un esodo, mai visto, di tifosi del Milan, che attendevano questo momento da vent’anni…

 

24 maggio 1989, il Nou Camp tutto rossonero
– foto da @LUZrossonero –
(clicca per ingrandire)

ed il Milan non li delude…

un palo di Gullit poi due doppiette, dello stesso Gullit e di Van Basten, per il perentorio 4-0 finale, con comprensibile tripudio in campo e fuori…

La formazione iniziale del Milan
in piedi da sinistra:
Maldini, Van Basten, Gullit, Ancelotti, Rijkaard, Galli.
accosciati, da sinistra:
Baresi, Donadoni, Costacurta, Colombo, Tassotti.
(clicca per ingrandire)

 

foto dal sito Milancafè24.com
(clicca per ingrandire)

 

era il 24 maggio 1989, il Milan tornava sul tetto d’Europa esattamente 20 anni dopo quell’indimenticabile sera del 29 maggio 1969 in cui, sempre in terra di Spagna ma a Madrid, rifilò 4 gol (3 di Pierino Prati, uno di Angelo Sormani) all’Ajax di Johan Cruijff che di lì a poco avrebbe dato lezione di calcio a tutta Europa.

(clicca per ingrandire)

 

“Così si gioca soltanto in paradiso”, titolerà la Gazzetta dello Sport il 25 maggio 1989…

ed Il Milan, dopo il trionfo del 24 maggio 1989, vincerà di nuovo la Coppa dei Campioni (ora Champions League) l’anno successivo, poi nel 1994, nel 2003 e nel 2007

 

aggiungendoci anche tre scudetti consecutivi (1992-1993-1994), poi altri scudetti nel 1996, 1999, 2004 e 2011…

 

 

 

proviamo a riavvolgere la pellicola,
ma fermiamoci al…

 

questo racconto era iniziato con il riavvolgimento di una pellicola…

proviamo ora a riavvolgerla di nuovo, fermandoci al 15′ del secondo tempo della partita di Belgrado, quel 9 novembre 1988…

immaginiamo per un attimo che la nebbia non scenda, come peraltro non era mai scesa, e non è più scesa, così fitta, a Belgrado, all’inizio di novembre…

il Milan è in dieci, è sotto 1-0 e la Stella Rossa sta rendendo irriconoscibile lo squadrone rossonero…

gli uomini di Sacchi non riescono a battere la Stella Rossa, ed escono mestamente dalla Coppa dei Campioni, il vero obiettivo calcistico della stagione…

quindi, senza quella provvidenziale nebbia, nessuna ripetizione della partita e Milan fuori dalla Coppa…

non avremmo potuto assistere a quello spettacolo strabiliante, con il grande Real Madrid strapazzato dagli uomini di Sacchi (e di conseguenza, a fine stagione, non sarebbe stato licenziato l’allenatore Beenhakker, lo stesso che quando era alla guida dell’Ajax aveva fatto esordire il 17enne Rijkaard…)…

non ci sarebbe stato quel commovente esodo rossonero verso Barcellona…
non avremmo assistito al trionfo nella finale con la Steaua…

e senza quella coppa, il Milan, balbettante in campionato (terzo posto finale, ma a 12 punti dall’Inter) non avrebbe potuto partecipare alla Coppa dei Campioni successiva (che come detto ha invece rivinto)
e di conseguenza non ci sarebbero state nemmeno le due Coppe Intercontinentali vinte contro il Nacional Medellin e l’Olimpia Asunciòn

 

quindi, senza quella Coppa…

 

molto probabilmente Silvio Berlusconi avrebbe dato il benservito al tecnico romagnolo, ed il cammino di Arrigo Sacchi al Milan si sarebbe fermato a quella stagione, mettendo nella sua bacheca il solo, sia pure stupendo, scudetto 1987-1988 e non 1 scudetto, 2 Coppe dei Campioni, 2 Coppe Intercontinentali, 2 Supercoppa Europea, 1 Supercoppa Italiana…

ed a proposito di Silvio Berlusconi…

il giorno successivo la Gazzetta dello Sport celebra, giustamente, il trionfo europeo dei rossoneri.

(clicca per ingrandire)

Non sfugge però, in prima pagina, uno spazio, non indifferente, dal titolo emblematico: “Il ‘pensare grande’ di Berlusconi”.

La firma è la migliore di quel periodo, è quella di Candido Cannavò.
Nell’articolo, al di là del titolo, Berlusconi viene citato solo due volte.
Ma il contenuto è inequivocabile.

Ha acquistato il Milan solo tre anni prima, ma si parla già di “era berlusconiana“…

Il calcio produce prodigi di efficienza in un paese caotico e disordinato… 

Si descrive “un Milan costruito sulla misura della grande Milano, moderno e forte, ricco e organizzato, solido e spettacolare, con la capacità istintiva di ‘pensar grande’…”.

Berlusconi entrerà in politica nel 1994, ed i i successi sportivi saranno totalmente sovrapposti alle sue capacità e fortune imprenditoriali, con una forte ricaduta d’immagine che ha accompagnato e sicuramente favorito la sua ascesa aziendale e politica nel segno di una filosofia sportiva vincente mutuata dalla Fininvest

come detto, se quella sera non fosse scesa la nebbia il Milan non avrebbe avuto l’opportunità di dare il via ad una serie impressionante di successi sportivi nazionali ed internazionali…

insomma, in buona sostanza l’immagine vincente che ha caratterizzato l’epopea berlusconiana non avrebbe nemmeno avuto inizio, perlomeno non in quegli anni a cavallo tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90…

e chissà, forse anche le vicende italiane avrebbero preso una piega diversa…

 

 

 

Berlusconi festeggia sul campo la “sua” prima coppa europea
– foto Milanlive.it –
(clicca per ingrandire)

 

Silvio Berlusconi ed i suoi trofei
– foto da ilsole24ore.com –
(clicca per ingrandire)

 

tornando invece al calcio giocato…

 

…il concetto sacchiano di calcio offensivo sarebbe morto sul nascere, e forse l’insuccesso di una macchina così ben organizzata avrebbe dato voce ed ascolto ai conservatori, gli irriducibili fautori del “calcio all’italiana”, quello che con un po’ di sano catenaccio aveva contrassegnato tanti successi…

e tutti noi, sia i tifosi del Milan che gli innamorati del bel calcio di tutto il mondo, avremmo perso l’opportunità di strabuzzare gli occhi davanti a spettacoli calcistici equiparabili alle più nobili sinfonie…

ora, non è questa la sede per disquisire se, “quella sera con la nebbia”,  al netto delle soddisfazioni calcistiche di tutto il mondo rossonero, abbia rappresentato una svolta positiva per la storia del nostro paese o se debba essere interpretata come un’imprevedibile iattura della quale si sarebbe fatto volentieri a meno…  

 

a me, romanticamente, piace pensare che un nuovo esaltante capitolo della storia del più grande club di Milano e la storia di un importante, forse il più importante, imprenditore milanese, siano state disegnate dal fato, che in questa occasione ha scelto di manifestarsi, a Belgrado, con l’imprevedibilità che solo la natura sa esercitare…

con l’improvvisa, benedetta, irripetibile, eterea sembianza di quel fenomeno, tipicamente milanese, che è la nebbia, tanto detestato a quei tempi ed ora quasi scomparso…

 

quella nebbia cui Cochi e Renato, tifosi milanisti, hanno dedicato una canzone, “Nebbia in Val Padana”, la cui prima strofa sembra proprio ispirata a quella paradossale partita al “Marakana” di Belgrado… 

 

Cosa c’è nella nebbia in Valpadana
Ci son cose che a dirle non ci credi
Non ci credi nemmeno se le vedi
A parte il fatto che non le vedi

 

 

 

 

 

La prima pagina de “La Gazzetta dello Sport”
– 11 novembre 1988 –
(clicca per ingrandire)

 

La prima pagina de “La Gazzetta dello Sport”
– 25 maggio 1989 –
(clicca per ingrandire)

 

 

La terza pagina de “La Gazzetta dello Sport”
– 25 maggio 1989 –
(clicca per ingrandire)

 

qui i video con tutti i gol (e gli episodi “misteriosi”) di quarti di finale, semifinali e finale

1 marzo 1989, quarti di finale, gara di andata
Werder Brema – Milan 0-0
un’altra autorete, “non vista” dall’arbitro portoghese Santos… 
e stavolta anche Bruno Pizzul è un po’ meno “compassato”…
15 marzo 1989, quarti di finale, gara di ritorno
Milan – Werder Brema 1-0
il Milan passa con un…”benevolo rigorino”…trasformato da Van Basten
5 aprile 1989, semifinali, gara di andata
Real Madrid – Milan 1-1
il Milan domina, il Real però passa in vantaggio con Hugo Sanchez
e Van Basten pareggia con un prodigioso “colpo di testa”…

ma c’è anche un gol regolarissimo di Gullit misteriosamente annullato…
19 aprile 1989, semifinali, gara di ritorno
Milan – Real Madrid 5-0
il Milan surclassa il Real Madrid
con i gol di Ancelotti, Rijkaard, Gullit, Van Basten e Donadoni
&
24 maggio 1989, finale
Milan – Steaua Bucarest 4-0
al Nou Camp di Barcellona, tutto “vestito” di rossonero,
il Milan vince la Coppa dei Campioni con doppiette di Gullit e Van Basten

 

 

 

 

(clicca per ingrandire)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.