1942…quando il “gossip” si chiamava ancora pettegolezzo…e quel “birbante” di mio zio…

1942…quando il “gossip” si chiamava ancora pettegolezzo…e quel “birbante” di mio zio…

 

 

…mio zio Aristide, mia zia Cesira…e quella lettera, perfida, indirizzata a mia nonna da una “amica di famiglia”… 

 

nel 1942 Alfonso Signorini e Barbara d’Urso non erano ancora nati e non c’era manco la tv…

Barbara D’Urso ed Alfonso Signorini
-foto FidelityHouse.eu-
(clicca per ingrandire)

 

in quel periodo il “gossip”, che ha fatto la fortuna di questi (ed altri) personaggi televisivi degli ultimi lustri, si chiamava ancora pettegolezzo, e si propagava con altre modalità, meno eclatanti rispetto a quelle attuali…

ma, non per questo, meno insidiose…

ci fosse già stata a quei tempi la tv gossipara dei giorni nostri, Anna Gherzi (o Ghezzi) avrebbe potuto aspirare a diventare un personaggio popolarissimo e, chissà, magari la storia d’amore di mio zio Aristide e mia zia Cesira avrebbe avuto altri sviluppi…

 

chi era Anna Gherzi?

non lo so, non l’ho mai conosciuta, ma di certo conosceva bene sia mia zia Cesira, sorella maggiore di mia mamma, che mio zio Aristide, a quei tempi fidanzato ufficiale di mia zia…

mio zio aveva già 36 anni, mia zia 30, e si sarebbero sposati l’anno successivo, nel febbraio del 1943…

dal loro matrimonio nacque mio cugino Ambrogio, che per me è stato una sorta di fratello maggiore (aveva dieci anni più di me).

Quando è mancato, nel dicembre 2015, mi sono dovuto occupare (su sua precisa indicazione testamentaria) della destinazione dei suoi beni (una cifra non indifferente, frutto di una vincita cospicua al Totip) equamente ripartiti tra AIRC (Associazione Italiana Ricerca sul Cancro) ed Opera San Francesco per i poveri.

Tra i vari documenti rinvenuti nel suo appartamento, ho recuperato, con molto piacere, l’ordinatissimo archivio fotografico ed altri documenti di famiglia.

Tra questi ho trovato anche il “libretto di nozze” dei miei zii, accuratamente compilato dal parroco che celebrò le loro nozze il 22 febbraio 1943, a Sesto San Giovanni.

 

il libretto di nozze
(clicca per ingrandire)

 

Durante il lockdown, ho avuto la possibilità di “curiosare” meglio in questo vasto archivio e, proprio all’interno del libretto di nozze, ho trovato questo documento, scritto a mano da Anna Gherzi ed indirizzato a mia nonna Giuditta l’8 marzo 1942, giorno della festa della donna…

 

la lettera dell’8 marzo 1942
(clicca per ingrandire)
il biglietto postale
(clicca per ingrandire)

 

8 marzo 1942

Gent.ma Sig.ra,
scrivo a Lei che è la mamma della Sig.na Cesira, e comprenderà meglio le cose…

Il Sig. Aristide Bonfà ha tutte le buone intenzioni di sposare sua figlia, ma c’è un guaio che va troncato e certo non le farà piacere.

Da parecchio tempo egli tiene relazione ancora colla vecchia fidanzata (sig. Piera) e due tre volte alla settimana, specialmente di sera, si ritrovano e si divertono assieme.
Sarò precisa nel dare informazioni e se il sig. Aristide vuol dire la verità è esattamente ciò che io le dico.

Quasi tutti i giorni la sig.na telefona al caffè di via Statuto e, per mezzo della proprietaria si danno appuntamento.
Di più, le può domandare chi c’era con lui alla Scala a vedere l’Otello, poi al cinema Ambasciatori, al Carso ecc… senza contare tutti i regali che le fa di nuovo.

Il motivo è che lei sa che non la sposa ma non le importa, il più che le preme è essere sempre legata a lui, anche se si sposerà con un’altra, e di ciò va sparlando in giro.

Mi sono presa questa decisione di avvertirla, perché voglio molto bene alla sig. Cesira e desidero che si sposi e sia felice, lo merita perché è molto buona…

Mi scuserà se le reco dispiacere, ma è meglio venire a una decisione e a un rimprovero di lei, le farà molto bene.

Aggradisca i più devoti saluti.
Dev. Anna Gherzi

 

i miei zii non ci sono più da diversi anni…
mi sarebbe piaciuto chiedere a mia zia come mai avesse conservato questo documento e perché proprio all’interno del libretto di nozze…

soprattutto mi sarebbe piaciuto sapere come avessero risolto la questione lei e mio zio…

che era un tipo particolare, amante dell’opera lirica…
non bello, ma molto brillante, sempre pronto alla battuta di spirito…
aveva già 36 anni, difficile pensare che fosse arrivato a quell’età senza “storie d’amore” precedenti…

quella perfida missiva “ perché voglio molto bene alla sig. Cesira e desidero che si sposi e sia felice, lo merita perché è molto buona” era molto circostanziata…

ma già me l’immagino mia zia…
con il suo modo di fare deciso…
“questa la tegni mi, e la tegni lì, nel librett de spusa…e cerca de rigà drizz…”…
“questa la tengo io, e la metto lì, nel libretto di matrimonio…e vedi di rigare dritto…”

Come ho già avuto modo di dire in altri post, ho molto frequentato la casa dei miei zii, ho trascorso diverse vacanze con loro, e credo di poter dire che mio zio abbia poi veramente “rigato dritto”, sempre prodigo di grandi attenzioni nei confronti di mia zia (la più “peperina” tra le sorelle di mia mamma)…

quando si andava in vacanza sulla riviera romagnola, mio zio, nell’ultima sera prima del ritorno a Milano, seguiva una precisa “liturgia”: dopocena a due in uno dei tanti locali carini, preferibilmente con musica dal vivo…

il “Giardino d’estate” – Cervia, anni ’60
– foto dal sito cerviamilanomarittima.org –
(clicca per ingrandire)

 

e tappa immancabile in una gioielleria, per acquistare il “ricordo di questa vacanza”…

poteva essere una coppia di orecchini, un ciondolo, un braccialetto…
purché in oro bianco o giallo…

e mia zia fingeva ogni volta di stupirsi…
(“l’è semper ul solit…el g’ha i man büs”, “è sempre il solito…ha le mani bucate…”)…

ma eravamo certi che lei si sarebbe stupita se lui non lo avesse fatto…

d’altro canto, con tutti i regali che aveva fatto a “quell’altra”…😅

 

 

1943, foto dal viaggio di nozze
(Lago di Garda)

(clicca per ingrandire)

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.