Riccardo Testa: io e la mia laurea vogliamo restare a Genova

Riccardo Testa: io e la mia laurea vogliamo restare a Genova

Tre anni fa era un dinamico studente universitario con il compito, su incarico di Almo Nature, di dare una mano all’NBAZena in occasione di particolari eventi; nel frattempo si è laureato, ha vissuto esperienze all’estero ed oggi, dalla prima pagina del “Secolo”, Riccardo Testa lancia un interessante, accorato appello

 

Basket femminile, anno 2014-2015: per l’NBAZena è il secondo anno consecutivo in Serie A2 ed è anche il secondo anno in cui al nostro fianco abbiamo una solida azienda, Almo Nature.

Riccardo Testa

Nel lavoro comune di comunicazione ed organizzazione eventi l’azienda ci offre la collaborazione di un giovane studente universitario, che possa fungere da trait d’union tra società sportiva ed azienda in alcuni particolari eventi.
Nel marzo 2015, in occasione di un grosso evento cestistico nazionale a Rimini venne allestito uno stand Almo Nature, collegato all’iniziativa “A canestro per aLmore”, che consentì di destinare oltre 40.000 pasti per cani e gatti ospiti di famiglie in difficoltà economica.

Fu per me l’occasione per trascorrere un weekend lungo con questo vulcanico giovane studente, che nel frattempo è cresciuto, si è laureato, ha vissuto esperienze all’estero ed oggi, dalla prima pagina del “Secolo XIX”, lancia un accorato ed interessante messaggio, che merita di essere letto fino in fondo…

Ben ritrovato Riccardo Testa!

 

 

L’articolo di Riccardo Testa
(clicca per ingrandire)

L’articolo di Riccardo Testa per “Il Secolo XIX”,
venerdì 12 gennaio 2018

LA LETTERA
IO E LA MIA LAUREA VOGLIAMO RESTARE A GENOVA

Mi chiamo Riccardo Testa, ho ventiquattro anni; appena conseguita la laurea in Scienze Politiche Internazionali e Diplomatiche presso l’Ateneo genovese, frequento la specialistica in Informazione ed Editoria. Sono inoltre portavoce del Direttivo di S4S, un’associazione studentesca internazionale all’atto di nascita, che sta cercando di ottenere finanziamenti dal DISPO con l’obiettivo di diventare un punto di riferimento e supporto per tutti gli studenti stranieri in città.

Mi sto guardando intorno per riflettere, capire, valutare la strada da percorrere e ricercare alternative concrete in questo territorio.
Amo Genova profondamente, conosco ogni angolo della città come il palmo della mia mano; e nonostante la mia vocazione naturale di viaggiatore, avere la possibilità di vivere e lavorare dignitosamente in questo luogo rimane un’ambizione repressa.

Durante i miei studi ho avuto modo di fare un Erasmus in Irlanda, e scambi culturali in Polonia e Turchia sempre grazie alle elargizioni di “mamma Europa”, intessendo una fitta rete di contatti e stretto amicizie con giovani, europei e non.

Di riflesso, da queste esperienze oggi comuni e significative ho imparato molto sugli altri Paesi, delle diverse realtà, delle aspettative dei giovani come me l’anomala ed abusata “Generazione Y”, non ancora lucidamente consapevole di costituire il cardine del cambiamento globale che si prospetta nei prossimi decenni.

Nei primissimi anni ’60, il mercato del lavoro era quello prospero del Boom economico: era semplice scegliere un percorso professionale confacente alle inclinazioni, alle attitudini, agli interessi. Al tempo la popolazione metropolitana superava il milione di abitanti, e c’era un vero fermento operativo con tantissime aziende, grandi, medie e piccole.
Se uno era bravo e si rimboccava le maniche, riusciva ad occuparsi e fare spesso “la scelta giusta”.

Oggi la popolazione è meno della metà di cui circa il 30% sopra i 65 anni con I’età media che cade sui 50 [fonte UrbiStat 2016], molte aziende sono state costrette a chiudere bottega o a migrare verso lidi più prosperi, e le possibilità di trovare un lavoro con buone condizioni di impiego sono ridotte al lumicino.

Molti mi esortano a “tagliare la corda”, a cercare altrove una fonte di lavoro e di reddito, a realizzare un progetto di vita in un Paese diverso dal mio. E il mio feedback alle condizioni ambientali è sempre più vicino alla prospettiva della fuga.

Di fronte ai fatti, mi sono interrogato su come la politica nazionale si rapporti con gli interessi del territorio: in Parlamento siedono diversi Rappresentanti eletti nella nostra Regione, se non vado errato 16 alla Camera e 8 in Senato.

Mi sono informato su quanto e come è stato fatto ad oggi cercare di provocare un’inversione di tendenza vitale nell’ interesse della tutela del patrimonio collettivo inteso nel suo insieme di valori, inclusi il settore immobiliare, il potenziale turistico, il potenziamento e I’ ottimizzazione di infrastrutture, l’appetibilità dell’Università per studenti italiani e stranieri.
Ma il risultato è quasi sempre negativo, con una tendenza all’immobilismo che rasenta un ingiustificabile livello di inattività.

Offrire ai giovani talentuosi di oggi e di domani prospettive di vita e di espressione dovrebbe essere una priorità: per migliorare la qualità della vita delle generazioni a venire, già piagate da un debito pubblico che non hanno mai contratto e da una spesa pubblica insufficiente, e creare alternative all’economia fondata sul porto e sul turismo, ottimo per l’immagine della città e per diverse categorie, ma che non può soddisfare le diverse formazioni tecnicoculturali, frutto di studi e specializzazioni conseguite con fatica e difficilmente appagate nel concreto.

Di fronte a questa realtà, perché non obbligare a rendicontare non solo le spese dei nostri parlamentari, ma il loro operato? Poiché sono pagati lautamente dai cittadini, e a costoro piacerebbe sapere come agiscono nell’interesse della regione che li ha eletti, e non solo in relazione all’attività del proprio partito, se non pro domo propria…

Se le cose andassero a gonfie vele avrebbero certo la loro parte di merito; ma poiché qui è tutto il contrario, forse un po’ di chiarezza andrebbe fatta.
Se non altro a futura memoria elettorale, qualità com’è noto carente nell’opinione pubblica italiana, ma certo non assente.

Si imponga loro tale regola a vantaggio della collettività e di noi giovani liguri che davvero, nonostante gli sforzi, non riusciamo a cogliere motivi di ottimismo, evidentemente perché non c’è nulla per cui valga la pena esserlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield