io, il Basket Costa, e quel microfono, 33 anni fa…

io, il Basket Costa, e quel microfono, 33 anni fa…

il lunedì di Pasqua del 1985, all’evento di sport e spettacolo per l’Unicef, era prevista la conduzione di Aldo Giordani, “la voce del basket” della RAI…poi un contrattempo…le interviste ai campioni toccarono a me…e da allora cominciai ad innamorarmi perdutamente del microfono…e domani, a 33 anni di distanza…

Nella pagina “La mia Storia con il basket” del mio blogghiario ho già citato quella volta che, grazie a Bruno Brenna, andai in motorino da Lurago d’Erba fino a Costamasnaga per contattare Roberto Consonni, e da lì inizio il mio meraviglioso viaggio nel mondo della palla a spicchi…

era il 1972, avevo diciotto anni…

La mia storia con il basket a Costamasnaga è iniziata con 30mila lire per le magliette e Costamasnaga è arrivata anche nell’Olimpo del basket femminile, la prestigiosa Serie A1, raggiunta quando già mi ero trasferito a Genova…

nel frattempo, già dal 1986, in parallelo all’attività cestistica, si era sviluppata l’attività a favore del Comitato Italiano per l’Unicef con la nascita, proprio nella sede del Basket Costa, del Comitato Provinciale di Como per l’Unicef (a quei tempi la provincia di Lecco non esisteva ancora…)

Il Comitato per l’Unicef prese origine da un grande evento di sport e spettacolo che organizzammo a Costamasnaga il lunedì di Pasqua (8 aprile) del 1985…

grandi ospiti del mondo del basket (Mike D’Antoni, ora allenatore di successo nell’NBA a Houston, Antonello Riva, Renzo Bariviera…) ed un conduttore di grande prestigio, Aldo Giordani, “la voce del basket” sui canali RAI.

Ci eravamo accordati su tutto; sarebbe venuto all’inizio del pomeriggio, avrebbe condotto le interviste ai vari campioni presenti come solo Lui sapeva fare, e l’avremmo riaccompagnato fino all’imbocco della superstrada (si era riservato l’ipotesi di farsi accompagnare da D’Antoni & C.).

Poi, la sua telefonata: molto rammaricato mi comunicava che avrebbe dovuto restare “nonstop” in redazione, perché c’era in arrivo una probabile notizia riguardante l’Olimpia Milano, a tre giorni dai playoff, e lui doveva “stare sul pezzo”, in redazione…

le interviste ai campioni toccarono a me…

e da allora cominciai ad innamorarmi perdutamente del microfono…

nelle edizioni successive, fino al 1992, mi occupai personalmente anche della conduzione e delle interviste ai grandi personaggi dello sport e dello spettacolo che ogni anno, il lunedì di Pasqua, richiamavano al palazzetto di Costamasnaga centinaia di spettatori…

perché racconto di nuovo queste cose?

beh, ho lasciato la Brianza ed il Basket Costa 26 anni fa, a fine 1992, quando io e Susanna ci siamo trasferiti a Genova…

in questi 26 anni il Basket Costa, pur con gli alti e bassi che caratterizzano le società sportive con lunghe storie alle spalle, ha fatto passi da gigante…

ha conosciuto i fasti e le difficoltà della Serie A1, ha consolidato la sua presenza a livello nazionale sia in ambito senior (negli ultimi anni è protagonista ai massimi livelli in A2) che in ambito giovanile, con 3 titoli nazionali, l’ultimo conseguito pochi giorni fa alle finali nazionali Under 18 femminili…

dal 2 al 9 giugno Costamasnaga avrà il privilegio di ospitare le finali nazionali Under 16 di basket femminile, e di norma le finali nazionali si aprono il giorno precedente l’inizio delle gare, con una significativa cerimonia inaugurale, con la presentazione delle 16 squadre finaliste e degli ospiti istituzionali e federali.

“Ciao Carletto, il 1 giugno dobbiamo organizzare e gestire la cerimonia inaugurale delle finali Under 16…lo puoi fare solo tu!”

Questa, in sintesi, la telefonata che mi ha fatto un paio di mesi fa Bicio Ranieri, da tempo immemorabile “anima” del Basket Costa

Ho provato a resistere, la mia mente era totalmente occupata dall’organizzazione del Concerto Sinfonico al PalaCep, ma fin dall’inizio ho capito che avrei, volentieri, ceduto…

non capita a tutti di poter vivere la piacevole emozione che può dare, a 64 anni, un’espressione così profonda, nella sua meravigliosa spontaneità, di stima legata al ricordo di un periodo molto lontano…

sarò emozionato, come allora…

ed anche domani sera, come allora, Graziella Consonni e Nino Ranieri saranno lì, al “loro posto”, vicino alla porta tra le panchine…

io, Graziella Consonni ed Antonella Clerici
Nino Ranieri

dagli spalti non li vedrà nessuno ma so per certo che li troverò proprio lì…

Graziella come sempre felice e commossa fino alle lacrime…

Nino che, emozionatissimo ed orgoglioso, fingerà nonchalance e mi farà segno, continuamente, che va tutto bene…

e così la mia storia, la nostra storia, con il Basket Costa aggiungerà una nuova, emozionante pagina, per una sera, proprio grazie all’animo nobile di Bicio Ranieri ed a quel microfono, che quel lunedì di Pasqua di 33 anni fa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield