30 anni di matrimonio…una “pizza” ma…

30 anni di matrimonio…una “pizza” ma…

una festa speciale…le chitarre escono dalle loro custodie, e la musica, la buona musica, si prende immediatamente la scena, senza una scaletta precisa…

dai, il 2 marzo ci vediamo da me, e festeggiamo il vostro 30^ anniversario di matrimonio…
Mario Rollandini (Mr PizzaPoint), gentile e generoso come sempre, aveva pensato di farci questo speciale regalo, una serata nel suo locale in compagnia di diversi musicisti, che spesso danno vita a serate che vorresti non finissero mai…

per un imprevisto dell’ultima ora la serata prevista per il 2 marzo venne rinviata, e l’abbiamo “recuperata” ieri sera…

nel frattempo, tre giorni fa, è arrivato anche il mio 64^ compleanno, e così i motivi per festeggiare sono pure raddoppiati…

Mario ha invitato, come fa spesso, diversi amici musicisti, e non ha comunicato loro la coincidenza con la “doppia festa”…

doveva esserci solo il piacere di stare insieme, come in ogni altra occasione…

e così è stato anche ieri sera…

per me e Susanna è stata una festa speciale, in un contesto che a noi piace molto…

amici (come SerenaGiorgio Scarfì, Enrico Testino), con l’aggiunta di bravi musicisti…

le chitarre escono dalle loro custodie, e la musica, la buona musica, si prende immediatamente la scena, senza una scaletta precisa…

il fantastico 82enne evergreen Piero Parodi (divertentissimo con i suoi racconti), Carlo Barbero, Mauro Culotta, Luca Borriello, Massimo Alfieri, Lello Antonio Ligorio, Sergio Morselli, Stefano Cavallo, Luciano Ventriglia, Mario Rollandini, accompagnati dalle bellissime voci di Vera Torrero e della straripante anima soul di Mia (Nkem Favour Nwabisi) hanno fatto da cornice alla nostra festa speciale…

che, proprio come queste belle serate, sembra non voler finire mai… (e continuerà con l’imminente vacanza ad Antigua…)

ci sono musicisti con una carriera importante, altri che provano a costruirla…
ma tutto questo non conta…

il passato ed il futuro dei singoli artisti scompare, lasciando spazio al massimo, reciproco rispetto…

il filo conduttore immediato, istintivo, è la complicità, che si snoda nel corso della serata, con brani che si susseguono senza una scaletta precisa…

si materializzano, di tanto in tanto, virtuosismi dell’uno o dell’altro, che vengono immediatamente, piacevolmente accompagnati dal resto della band, come sempre improvvisata…

ogni esecuzione è un unicum, diversa da qualunque altra precedente e di certo diversa anche da qualunque altra che dovessero provare a riproporre, insieme, in futuro…

rispetto reciproco, complicità, e voglia di divertirsi…

sembra quasi il “Bignami” dei primi 30 anni (più i 5 anni che hanno preceduto le nozze del 29 febbraio 1988), vissuti da me e Susanna…

come (credo) tutte le coppie che hanno il privilegio di condividere oltre 10000 giorni di vita in comune, abbiamo affrontato molti momenti di difficoltà, anche (ad esempio nell’ambito lavorativo) di estrema difficoltà…

le abbiamo affrontate senza guardare troppo indietro (inutile piangersi addosso)…

abbiamo sempre provato a guardare avanti, senza certezze su cosa ci avrebbe riservato il futuro, anche quello immediato, e tutto sommato anche senza porci troppo questo problema…

abbiamo sempre avuto la certezza di poter contare sulla giusta complicità (fondamentale per “fare quadrato” ed affrontare ogni avversità) e su un pizzico (anche di più…) di autoironia, quella che mi piace definire “sano cazzeggio”, spesso efficace strumento per esorcizzare le difficoltà…

chissà, forse è proprio per questo, per queste analogie (rispetto, complicità, divertimento), che ci troviamo perfettamente a nostro agio nelle serate “da PizzaPoint”…

dopo 30 anni (più 5) di vita di coppia, potremmo quasi dire che…

la nostra vita è proprio una…pizza…

ma se è PizzaPoint, nessun problema: 
è sempre una festa!!!

ps: non potevo chiudere senza un pizzico di cazzeggio…
ero quasi preoccupato dalla piega troppo seria del racconto…

ps2: nell’album ci sono foto mie, foto di Giorgio Scarfì (cui ho spesso affidato ieri sera la mia fotocamera), ed ho aggiunto in coda anche alcune foto (già pubblicate in altri post) scattate da Enrico Ghigino ed Angelo Lavizzari (queste ultime siglate AngLav)…

grazie di cuore anche a loro!!!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield