Auxilium 1994-1996

Auxilium 1994-1996

 

BASKET
LA MIA STORIA CON L’AUXILIUM

altre mie storie di basket
Polisp. Costamasnaga NBA-Zena 2007 – 2015 

altri links Auxilium
Rass. Video 1994-1996 Rass. Stampa 1994-1996

  

(in questa pagina, oltre alla sintesi della “mia storia” con l’Auxilium nel periodo 1994-1996, si possono visualizzare sia il video con i festeggiamenti, sul campo, della promozione in Serie A2, che  il video con una sintesi della fantastica stagione 1994-95, oltre a due gallerie fotografiche, quella relativa al roster  Auxilium Pentagono 1994-1995 e quella relativa al ritiro precampionato 1995-1996 dell’Auxilium Elce)

Auxilium Pentagono1994-95
(clicca per ingrandire)
Auxilium Elce 1995-96
(clicca per ingrandire)
   

In vista del nostro trasferimento (dal gennaio 1993) dalla Brianza a Genova mi preoccupai di trovare, già per il campionato 1992-93, una “sistemazione cestistica” per Susanna, che a Costamasnaga aveva disputato un brillante campionato di Serie B.

Un paio di telefonate e la scelta cadde sull’Auxilium, società genovese che, oltre all’attività maschile, aveva anche una significativa attività femminile giovanile.
La prima squadra disputava il campionato di Serie C, in quel periodo il più alto livello di basket femminile nella provincia di Genova.
Susanna fece la pendolare per i primi mesi; tornava a Milano con il treno che arrivava attorno a mezzanotte alla Stazione Centrale, dove l’attendevo per riaccompagnarla a casa.

PGS Auxilium 1993
(clicca per ingrandire)

Non c’era ancora la paura diffusa come ai giorni nostri, però già in quel periodo Susanna viaggiava tenendosi in borsa (non si sa mai…) un affilato coltello da cucina

Il coinvolgimento nella società fu inevitabile, e fu per noi l’occasione di fare amicizia con altre persone che, piano piano, andarono ad accrescere il team operativo della sezione femminile della società, fino a quel momento tutta sulle spalle della famiglia di coach Caorsi: Alberto Cabassi (protagonista in campo negli anni ’70, tempi d’oro per il basket maschile genovese), suo fratello Chicco, Giancarlo Giacoma (funzionario Erg che fu determinante per la ricerca di sponsor), Floriano Bottaro (papà di Stefania, a quei tempi – 17 anni – il più interessante “prospetto” dell’Auxilium), Massimo Casazza e tanti altri.

 

 

La svolta avvenne in occasione del campionato 1994-95.
Il presidente Roberto Cassini affidò la squadra, nel frattempo approdata in Serie B grazie all’allargamento dei gironi, ad uno dei più accreditati allenatori del basket maschile genovese, Cicci Assandri.
Il roster si arricchì con giocatrici importanti quali Silvana Cadorin (un passato glorioso in Serie A ed in nazionale ma ancora in grado di fare la differenza a questi livelli), Sara Petrelli (che, giovanissima, aveva lasciato qualche anno prima Genova per giocare prima a Cesena poi a Porto S.Elpidio).
Arrivò anche uno sponsor importante, l’azienda “Pentagono”, una delle tante aziende del gruppo gestito da GianFranco Molisani.
La squadra, che poteva già contare sull’ossatura importante della stagione precedente), già così era molto competitiva, poteva già garantire un campionato da protagonista.
Il vero colpo, quello che trasformò un buon campionato in un campionato vincente, fu l’arrivo, a campionato iniziato, di Monica Ebner.

Monica Ebner
(clicca per ingrandire)

Era una giocatrice fortissima, che già in passato avevo cercato di portare a Costamasnaga, andando però sempre a cozzare contro una “concorrenza” più appetibile, in grado di offrire a Monica campionati di livello superiore.
Nella stagione precedente Monica aveva giocato in serie A2, a Thiene, ma nel corso dell’estate avevo saputo che avrebbe lasciato Thiene per trasferirirsi a Livorno, con il marito Andrea Giromin, pure giocatore di basket.
La chiamai a Thiene, ma mi dissero che era partita poco prima per Livorno…in qualche giorno riuscii a rintracciare il numero di telefono di casa Giromin, ma la mamma mi disse che Monica ed Andrea erano appena partiti per una breve vacanza in Sardegna, non ricordo in quale località…rintracciai il numero di un locale di quel paese in cui ci fosse un telefono pubblico e riuscii, finalmente, a parlare con Monica… wow!!! (forse inutile precisarlo, ma in quel periodo non c’erano i telefoni cellulari…).

Iniziò così un lungo percorso per convincere Monica ad affrontare, da pendolare, più volte la settimana, il percorso Livorno-Genova-Livorno…

Nel frattempo il campionato era iniziato, avevamo già archiviato tre vittorie…ed arrivò il giorno magico…

12 novembre 1994, trasferta a Torino… Giancarlo Giacoma non aveva seguito la squadra, era “in missione” a Livorno, per l’ultimo tentativo…e mentre eravamo sugli spalti, in attesa dell’incontro, ecco arrivare la buona notizia: Monica Ebner dal 15 novembre sarebbe stata “dei nostri”… la sconfitta, nonostante una nostra buona prestazione, contro Mirafiori Torino passò in secondo piano…eravamo tutti convinti che ora sì, la nostra squadra avrebbe potuto far paura a tutti. E fu così.

Susanna Giorato
(clicca per ingrandire)

Monica si rivelò quel grande valore aggiunto che a Costamasnaga avevo potuto solo sognare. Il suo apporto fu determinante per l’entusiasmante cavalcata che ci portò a conquistare la Serie A2, unitamente al Mirafiori Torino (sconfitto 79-61 al ritorno, con 23 punti di Monica…).
L’ultimo incontro, in casa con Cremona (105-71), a promozione già matematica, vide l’impianto di via Cagliari stracolmo, tutto “tappezzato” sugli spalti con cartelloni bianco-amaranto esposti dagli spettatori…
Genova, per la prima volta, era salita fino al “terzo piano” del basket nazionale femminile (in quegli anni strutturato in Serie A1, Serie A1 Poule B, Serie A2 e così via).

 

 

 

 

3 giugno 1995 l’Auxilium Pentagono è già matematicamente in Serie A2 ed affronta nell’ultima giornata la formazione del Manzi Cremona.
La palestra di via Cagliari è stracolma, gli spettatori espongono cartoncini con i colori bianco e granata.
Prima della partita, ed al fischio finale, festa grande: lancio di fiori e magliette al pubblico, ed il tradizionale taglio della retina…


Stagione 1994-95, l’Auxilium Pentagono compie una grande impresa, con la promozione in Serie A2, terzo campionato nazionale, mai raggiunto in precedenza dal basket femminile sotto la Lanterna.
In questo video la “cavalcata vincente” viene ricordata e celebrata con immagini da diverse partite (riprese di Vittorio Canepa).

L’estate successiva fu caratterizzata dalla fibrillazione dovuta alla ricerca di sponsor che potessero consentire la partecipazione alla Serie A2.

Nel frattempo Cicci Assandri non aveva rinnovato l’accordo con la società, che aveva dato l’incarico a Massimo Caruso, assistito dal giovane Andrea Grandi.
Monica Ebner aveva deciso di restare più vicina a casa… le incognite erano parecchie…all’ultimo momento riuscimmo ad avere il supporto da un’importante azienda ligure, l’Elce Arredamenti. Mancavano due giorni alla chiusura dei tesseramenti ed in un raid Genova-Sesto San Giovanni-Livorno riuscii, in 24 ore, a tesserare Eleonora Picchio, Rossella Stalio ed Emanuela Pasquali Coluzzi.

Picchio, Coluzzi, Canepa, Stalio
(clicca per ingrandire)

La squadra era sicuramente competitiva, vinse ben 11 delle prime 14 partite, garantendosi già con molto anticipo l’accesso alla poule promozione….
ma non avevamo fatto i conti con la sfortuna…nel corso del big match a La Spezia, sul 14-1 per noi si infortunò seriamente Eleonora Picchio, vero e proprio pilastro della squadra. Spezia alla fine si aggiudicò l’incontro, ed iniziò una striscia vincente che la portò alla promozione (e ad altre promozioni successive), per noi iniziò un periodo difficile.

Coach Caruso lasciò l’incarico, che venne assunto dal rientrante Cicci Assandri ma in buona sostanza il nostro campionato era finito lì.

Partecipammo, senza infamia e senza lode, alla poule promozione, che fu l’ultimo atto di quell’avventura in cui, comunque, l’obiettivo salvezza venne raggiunto già a metà stagione, con l’accesso alla poule promozione..
Al termine della stagione la dirigenza, vista la difficoltà a reperire nuovi sponsor, rinunciò all’iscrizione al campionato, lasciando libere tutte le giocatrici.

Per rivedere il basket femminile in un campionato nazionale occorrerà attendere l’avvento, dal 2009, dell’NBAZena, che arriverà addirittura laddove non riuscì l’Auxilium degli anni d’oro.
Nel 2013-2014 e 2014-2015 Genova fu presente nel secondo campionato nazionale femminile, la Serie A2, disputando in entrambe le stagioni la poule per la promozione in Serie A1, massimo campionato nazionale.

Ma questa è un’altra storia, e la racconto in un’altra pagina

 

In questa galleria le foto del roster Auxilium Pentagono 1994-1995

 

in questa galleria invece le foto scattate a fine estate 1995
durante il ritiro precampionato dell’Auxilium Elce a Col di Nava