Verso l’Eden

Verso l’Eden

 
 
 26 maggio 2012

Per un parcheggio (privato) ormai si può sacrificare qualunque cosa, anche un cinema “storico” (il cinema Eden di Pegli)…oltre a non tenere in alcun conto il parere dei cittadini…non si può far finta di nulla…

Link all’articolo

(Diego Curcio, per “Il Corriere Mercantile”)
«Come al solito, ho espresso la mia opinione attraverso il “cazzeggio”, ma qui l’argomento è estremamente serio».
Chi parla è Carlo Besana, una delle anime della resurrezione del Cep, ma anche residente a Pegli.
Giocando con la locandina del film “Verso l’Eden”, con Riccardo Scamarcio, ha espresso la sua opinione a proposito dei box che sorgeranno in via Pavia: «Mi sembra che, ancora una volta, la voce dei cittadini non sia stata ascoltata. Non solo: per cinque volte la Circoscrizione ha dato parere negativo al progetto, ma si è andati avanti lo stesso. Mi sembra sintomatico del modo di ragionare di questa città. Siamo ancora molto lontani, e lo dico con grande rammarico, dal concetto di città partecipata e di cittadinanza attiva nelle scelte dell’amministrazione».

Besana prosegue: «In effetti il problema dei parcheggi a Pegli è molto sentito e se ce ne fossero altri non sarebbe male. Ma non si può pensare di risolvere un problema creandone un altro ancora maggiore. Questo, lo dico tristemente, è un film già visto, e così ho deciso di “cazzeggiare” attraverso una locandina e non attraverso le canzoni, come faccio solitamente».

Besana auspica che d sia quanto prima «un’azione pubblica e dimostrativa, perché i cittadini devono far sentire la propria voce».
La storia a Pegli si ripete, dopo i box interrati in piazza Rapisardi e dopo quelli nel parco di Villa Rosa.
In quell’ultimo caso, poi, non bastarono neppure le proteste degli ambientalisti incatenati.

 

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.