Tutte le facce nuove del Ponente

Tutte le facce nuove del Ponente

 

11 aprile 2011

(Alessandro Ponte per “Il Secolo XIX”)
SONO le facce nuove del ponente. Lontane dagli schemi dei comitati storici finiti nelle grinfie dei partiti. Protestano per poter dire la loro. E non per contestare quella degli altri. Sono le trenta associazioni che da Pegli a Voltri hanno deciso di rinunciare al giardino di casa per guardare oltre e provare a dire qualcosa insieme su tutta questa fetta di città. Per questo sabato scenderanno in piazza. Davanti al palazzo del Municipio a Voltri. Cento, mille, forse migliaia. Si conteranno per la prima volta e guarderanno quanto forte la loro voce arriverà alle finestre della politica. Ieri hanno lanciato l’appello «a tutti i “cittadini” del ponente di buona volontà».

Nicola Montese, autore televisivo prestato nel tempo libero alla causa comune senza fronzoli partitici per la testa.
Andrea Di Fresco, ingegnere capace di mediare con il suo sangue freddo tra le posizioni più accese.
E poi Carlo Besana, il farmacista sceso dal Cep dopo aver fatto salire nella sua area Pianacci migliaia di persone un tempo ben alla larga dal famigerato quartiere collinare.
E poi Flavio Gaggero, il dentista pegliese dei Vip, prima di uscire allo scoperto vera eminenza grigia di tutte le manifestazioni meglio riuscite, quando l’ugola di Gino Paoli e le frustate della comicità di Beppe Grillo, sono scese nell’agone al servizio delle periferie.

Sono tante le facce nuove.
Sabato pomeriggio ci saranno tutte, insieme a una vecchia volpe come Don Andrea Gallo, felice di mischiarsi al «nuovo che avanza». «Lontano i partiti», fanno sapere nel volantino che Alessandro Agliata, operaio Ilva di Pra’, ha disseminato insieme ai compagni di comitato in tutti i portoni del quartiere.

«Vogliamo che il Vte dopo tanti anni paghi pedaggio. E lasci ai quartieri che ha “invaso” una parte della sua ricchezza. Succede in altri porti meno importanti e invasivi di quello di Genova», avvertono quelli di ponente ricordando la proposta del tavolo tecnico attorno al quale far sedere tutti i soggetti interessati alla sicurezza dello scalo del capoluogo ligure e alla salute di chi ci abita dirimpetto. «E vogliamo che il Porto petroli a Multedo la smetta di usare il ricatto dei posti di lavoro, che vanno tutelati sì, ma non lasciando immutata una situazione letteralmente esplosiva», continuano i promotori della manifestazione.

È una sfida alla quale hanno creduto in tanti, dal Comitato Per Pra’, il primo ad avere l’idea, e poi pubbliche assistenze come la Croce verde pegliese e la “collega” praese, la Comunità islamica del Cep, le “Mamme del ponente”, amici di ville come Villa De Mari, associazioni di vigili del fuoco. Tanti nomi. Facce nuove stufe di vecchie sigle e soliti slogan e dei mugugni arrendevoli del passato.

È una piccola, grande, rivoluzione di pensiero, nelle intenzioni dei promotori,quasi un definitivo voltare pagina con un pezzo di storia.
Multedo, Pegli, Pra’ e Voltri, storicamente abituate a pensare per sé, a combattere le proprie battaglie in solitudine e, ancora di più, a non vincerle, hanno deciso di lottare insieme, unite.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.