siamo felici per Gueye…

siamo felici per Gueye…

Nella foto, con me e Susanna, c’è il nostro amico Gueye.

Per lui oggi è un giorno importante: inizia un nuovo percorso di lavoro, con un contratto di un anno, che per Gueye si traduce in serenità e maggiore fiducia nel futuro.

La sua è una bella storia che rappresenta il miglior carburante per alimentare il nostro impegno quotidiano al Pianacci.

Gueye – 14 luglio 2021
(clicca per ingrandire)

Gueye al Circolo ARCI Pianacci

A Cheikh Ndiogou Gueye (per noi semplicemente “Gueye”) poco più di un anno fa erano stati assegnati due impegni settimanali di lavori di pubblica utilità ed aveva accettato di svolgerli presso il Circolo ARCI Pianacci, nonostante la notevole distanza, circa un’ora di viaggio dalla sua abitazione nel centro storico.

Fin dal primo giorno si è distinto per serietà, impegno e puntualità e, pur non avendone l’obbligo, è stato presente ogni giorno, cinque volte la settimana.

Figlio di un muratore senegalese, ha messo a disposizione le sue competenze e ne ha rapidamente accumulate altre, imparando rapidamente ad utilizzare in modo corretto ed efficace il decespugliatore, strumento indispensabile in una struttura che ha anche compiti di manutenzione di ben 16.000 mq di verde…

Gueye
(clicca per ingrandire)
Gueye e Mario
(clicca per ingrandire)
Gueye con Pino, il responsabile del nostro staff di manutenzione
(clicca per ingrandire)

Il primo contratto di lavoro e gli intoppi burocratici

Nel corso dell’estate si è manifestata la necessità di un lavoro urgente al campo da beach volley, per il quale abbiamo richiesto l’intervento di un’impresa edile, il cui titolare ha avuto modo di scambiare quattro chiacchiere con Gueye…

era alla ricerca di personale da assumere per i lavori in diversi cantieri e Gueye faceva al caso suo.

Abbiamo collaborato a dipanare le trame burocratiche, parecchio ingarbugliate, che rappresentavano un ostacolo per una regolare assunzione, con necessità di dotarlo di codice fiscale, recuperare il suo passaporto dal Senegal e completare l’iter (circa tre mesi) per l’assunzione (settembre 2021).

Poi, alla scadenza del primo mese di lavoro, un altro ostacolo: l’impossibilità ad aprire un conto corrente bancario (in assenza di residenza) sul quale il datore di lavoro potesse fare il bonifico dello stipendio…

ci è venuta in soccorso una disposizione di Poste Italiane che, in queste situazioni (lavoratore straniero privo di residenza ma con regolare contratto di lavoro), consente l’apertura di un conto Banco Posta.

Anche qui, forse perché era, localmente, il primo caso del genere, sono occorsi un paio di mesi per completare il tutto, ma alla fine tutte le caselle sono andate al loro posto.

Il ritorno al Pianacci

Nel frattempo i mesi di prova sono stati rinnovati e Gueye ha potuto lavorare (e provvedere alle necessità della sua compagna e del figlio di pochi mesi) per 8 mesi consecutivi, fino al 30 aprile, giorno in cui il suo contratto di lavoro è terminato, contestualmente alla chiusura dei lavori nei cantieri in cui era impegnata l’impresa che l’aveva assunto.

E Gueye, come niente fosse, ha ripreso, tutti i giorni, sempre senza averne obbligo, i lavori di pubblica utilità al Pianacci.

9 maggio 2021, Gueye alle prese con il taglio dell’erba
(clicca per ingrandire)

Il nuovo contratto di lavoro, per un anno…

Il suo impegno, encomiabile, è stato nuovamente premiato: il titolare di un’altra impresa edile, un nostro carissimo amico, alla ricerca di personale affidabile, l’ha assunto con un contratto di un anno.

Ed oggi è il primo giorno del nuovo lavoro di Gueye.

Lui è felicissimo, e pure noi tutti lo siamo…

con lui e per lui.

27maggio 2022, Gueye, Susanna ed io
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.