“Però, bravo il batterista”…”Caspita, davvero bravo…”

“Però, bravo il batterista”…”Caspita, davvero bravo…”

Ivano Foglino, amico ed ottimo bassista, mi avverte il 26 giugno, con un messaggio whatsapp: il gruppo “Bats”, composto da lui ed altri ottimi musicisti, si esibirà il 10 luglio al ristorante “da Erasmo”, ad Utri Beach nella serata dal titolo “Bats, the bluest blues”.
(Un chiaro omaggio all’omonimo brano – “The bluest blues” – dall’album “Keep on rockin” di Alvin Lee, chitarrista e compositore, fondatore dei Ten Years After con i quali si esibì nel 1969 a Woodstock, con il brano “I’m going home”, ed un assolo di chitarra che l’ha fatto entrare a pieno titolo nella leggenda del rock).

Immediatamente gli comunico il mio ok.

Ogni volta che ci incontriamo per me è un immenso piacere, ed avrei accolto con entusiasmo il suo invito anche se in programma ci fosse stata l’esecuzione per sola chitarra basso di “Fin che la barca va”…

ancor più entusiasta, quindi, di potermi gustare una serata musicale con musicisti “garantiti” da lui.

Ed infatti Susanna, efficientissima come sempre, provvede immediatamente a prenotare un tavolo ad Utri Beach…

Il singolare, “minaccioso” post Facebook di Ivano Foglino
(clicca per ingrandire)

il 4 luglio Ivan pubblica su Facebook questo post.
lì per lì non faccio mente locale sulla citazione degli altri componenti del gruppo “Bats”, la mia attenzione è attirata dalla sua singolare, divertente “minaccia”…

“Come fate a non venire? Aggiungete ancora che controllerò personalmente chi non c’è, e costruirò campagne denigratorie nei confronti di ognuno di voi, tipo gli puzza l’alito, ha il belino piccolissimo, viene subito e cose anche peggiori.”

e per non “correre rischi” ribadisco immediatamente la nostra presenza…quella sera, poi, “allarghiamo” la nostra presenza, con l’invito alla farmacista Claudia, nostra ex collaboratrice che il giorno successivo avrebbe festeggiato il suo compleanno, a suo figlio Marco ed al marito Salvatore, che non vedevamo da parecchio tempo.

Nel corso della serata, proprio nel bel mezzo di una piacevole chiacchierata con Salvatore, la nostra attenzione è stata “distratta” da un eccellente virtuosismo alla batteria, che non poteva passare inosservato, seguito a ruota da altri passaggi non propriamente banali…

“Però, bravo il batterista”…
“Caspita, davvero bravo…”


ed abbiamo ripreso la nostra conversazione…

Gianna, la corista, poi Maurizio, il “chitarrista di Celentano”…

come detto, non mi ero soffermato sulla composizione della band, della quale conoscevo solo, oltre al bassista Ivan, ed a sua moglie Gianna Nervi (corista), anche il chitarrista Maurizio Pigoni, che nel 2011 al PalaCep proprio con i Lokomotiv di Ivan Foglino e Roberto Ballerini aveva aperto la mitica serata con Celentano, Gino Paoli, Biagio Antonacci, Beppe Grillo e Don Gallo…
e quando Celentano, contro ogni previsione, accolse la richiesta di cantare “Il ragazzo della via Gluck” (non cantava in pubblico da una quindicina d’anni) fu chiamato sul palco per accompagnarlo con la sua chitarra, con l’inconfondibile “giro” che apre l’intramontabile brano del 1966…

nel corso della serata abbiamo modo di apprezzare anche il resto della band, dal tastierista all’altra corista (bravissima anche nelle parti da solista) fino al frontman dei “Bats”, dalla voce blues forte e possente…

la “sorpresa”, nostra, è arrivata quando al nostro tavolo abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Ivan, al quale abbiamo chiesto notizie sui componenti della band, presentati singolarmente in chiusura di serata, i cui nomi non ci erano però arrivati chiaramente causa un settaggio perfetto per la musica ma non per il “parlato”…

Il “lupo” di “Museo Rosenbach”…

la voce blues, forte e possente, era quella di Stefano Galifi, il noto “Lupo” di “Museo Rosenbach”, gruppo simbolo del rock progressivo italiano degli anni ’70, la cui storia, alquanto singolare, prende slancio nel 1973, quando la Dischi Ricordi decide di promuovere i gruppi progressive (tra i quali il Banco del Mutuo Soccorso).

Viene pubblicato anche il primo album dei “Museo Rosenbach”, il mitico “Zarathustra”, da molti considerato una delle migliori espressioni del progressive italiano.
Questo nonostante l’insuccesso commerciale di allora, dovuto ad una errata interpretazione sui suoi contenuti politici, che determina anche il boicottaggio da parte della RAI.

Batterista del gruppo in quel periodo è Giancarlo Golzi che nel 1975, sciolti i “Museo Rosenbach”, entra a far parte di un’altra band genovese, i “Matia Bazar”.
Nel 2013 Golzi, con Galifi e Moreno, costituisce il nucleo storico della nuova formazione di “Museo Rosenbach”, che partecipa al Prog Festival di Tokyo.

Da lì nasce la pubblicazione di “Live in Tokyo”, che comprende anche “Zarathustra”, e la successiva partecipazione del gruppo, nel 2014, al Baja Prog Festival in Messico.

E’ possibile ascoltare la versione (2012) “live in studio” di “Zarathustra”, pubblicata su youtube pochi giorni prima che un fatale infarto colpisse improvvisamente il batterista Giancarlo Golzi.

La voce è quella di “Lupo” Galifi, la stessa voce blues, forte e possente che ad Utri Beach ha nobilitato l’esibizione dei Bats…

Museo Rosenbach – “Zarathustra” – live in studio 2012 – pubblicata 5 agosto 2015
il “bravissimo batterista”…quello dei “Delirium”…
(clicca per ingrandire)

e la sorpresa, se solo fossimo stati più attenti, sarebbe stata addirittura doppia…

eh sì perché oltre al tastierista (Marco Morresi) ed alla bella voce di Marcella Di Marco, era rimasta “in sospeso” l’identità del bravissimo batterista, peraltro difficilissimo da inquadrare con la mia fotocamera, perché nello spazio ristretto occupato dalla band la batteria era proprio là, in fondo, un po’ dimenticato anche dal fascio di luci…

lì, nella penombra che peraltro non ha influito minimamente sui suoi virtuosismi, le bacchette ed i pedali del drum erano sapientemente manovrati da Pino Di Santo…

e qui bisogna tornare a quei primi anni ’70…

anzi, io vado direttamente al 1972, un’edizione del Festival di Sanremo che credo sia rimasta impressa nella mente di tutti i giovani di quel periodo…

sul palco si esibiscono i “Delirium”, gruppo d’avanguardia che viene dal grande successo internazionale del “Canto di Osanna”.

La loro canzone, “Jesahel”, venderà decine di migliaia di copie e diventerà un brano simbolo di quegli anni.
La voce solista del gruppo è quella di Ivano Fossati; con lui sul palco c’è un gruppo di amici hippies che suonano le chitarre e partecipano come coristi.
Tra loro i grandi Oscar Prudente (autore della musica) e Mario Lavezzi.

Il batterista del gruppo è proprio lui, Pino Di Santo, uno dei membri più “fedeli” della band (dal 1970 al 2012).

“Però, bravo il batterista”…
“Caspita, davvero bravo…”


eh sì, sono trascorsi molti anni ma per lui il tempo sembra proprio essersi fermato a quel periodo, quello dei miei 18 anni, di grande fermento musicale…

Sanremo 1972: Mike Bongiorno presenta i Delirium pronunciando il titolo del brano in modo errato (fonicamente “Gesael”) e citando l’autore come “Fossato” e non Fossati…

tra gli appetitosi fritti di pesce di quella bella serata ad Utri Beach, e prima del programma musicale, incrociamo un altro volto a noi familiare, quello di Loretta, addetta al back office del Paladonbosco negli anni, gloriosi, delle nostre avventure cestistiche con l’NBAZena

“Come mai qui?”
“Ho accompagnato mio marito, che suona la batteria…”…


Siamo passati a salutarla, al termine della serata, e ci siamo complimentati con “il batterista”…

mica lo sapevamo che fosse proprio “quel batterista”, quello di quel mitico gruppo ancora ben impresso nella nostra memoria…

eh sì, perché quando Ivan ci ha citato i membri della band, ci è sfuggito il riferimento ai Delirium

e pensare che, sul suo post, lui l’aveva pure taggato…

ma la mia attenzione, e la mia preoccupazione, come detto, erano comprensibilmente tutte incentrate su quella “minaccia”…

un vero e proprio terrore per ogni maschio che tenga alla sua reputazione…

anche se, purtroppo, a differenza dei virtuosismi del batterista, il tempo per me mica si è fermato…

Galleria fotografica
(cliccare sulla foto per ingrandire)
i Bats
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.