Papa Gallo

Papa Gallo

 

24 febbraio 2016 

 

Dovremmo aprire un bar. Chiamarlo Bar Abba.
Ci pensate? Ci vediamo tutti da Barabba.
Sai che ridere in Curia…

Teatro dell’Archivolto, Papa Gallo: teatro stracolmo (con moltissimi giovani) per uno spettacolo di assoluto livello, con tre attrici veramente super, Simonetta Guarino, Barbara Moselli e Rosanna Naddeo (in rigoroso ordine alfabetico!).

Ero certo che mi sarei commosso, ed è stato così, in diversi momenti…

avevo anche messo in conto che, probabilmente, la commozione legata al ricordo, vivissimo, dei molti momenti vissuti con Don Andrea avrebbe potuto superare, in intensità, l’emozione normalmente trasmessa allo spettatore da una rappresentazione teatrale

Ma non è stato così: il lavoro prodotto dal Teatro dell’Archivolto con la regia di Giorgio Gallione è di altissimo livello ed assolutamente godibile a prescindere dal valore aggiunto dei ricordi personali.

Far “rivivere” le mille sfaccettature di un grande personaggio come Don Gallo attraverso l’intreccio di monologhi di tre donne è stata felice intuizione che, ne sono certo, sarebbe molto piaciuta al Don.

Le canzoni di De André (“il quinto evangelista”) fanno da efficacissimo (e pertinente) collante, impreziosite dalle (per me inattese) performances canore delle tre attrici, che non si limitano a “cantare” ma riescono ad “interpretare” magistralmente brani tra i più intensi della prima produzione di Faber, dalle tematiche ancora assolutamente attuali

Proprio come le tematiche care al Don, estrapolate con le dosi giuste dai suoi scritti e somministrate agli spettatori con l’intensità che solo la magia del teatro sa offrire

soprattutto quando si fonde, come in questo caso, con la bravura degli interpreti.

(applausi !!!)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.