mercoledì 9…io, Susanna e…un gufo per Lautaro e l’altro per Lukaku…

mercoledì 9…io, Susanna e…un gufo per Lautaro e l’altro per Lukaku…

 

 

mercoledì 9 dicembre, ore 21: c’è chi gufa dal divano e chi gufa…con un pennellino in mano…

 

 

Mercoledì 9 dicembre 2020, ore 21.
C’è la diretta di Inter-Shakhtar, la partita nella quale i nerazzurri di Antonio Conte si giocano le possibilità di continuare il loro cammino in Champions League ma rischiano anche, in assenza di vittoria, di perdere la possibilità del “contentino” in Europa League

Lo confesso, non lo faccio (quasi) mai, ma ho proprio “gufato”…

90 minuti quasi interminabili, che si sono aperti con la traversa su splendida conclusione di Lautaro e con il “povero” Lukaku che, come il monolite nel deserto dello Utah, a due minuti dal termine si trova con la sua lucida, possente testa proprio lì, sulla traiettoria di un potente colpo di testa del suo compagno Alexis Sanchez, sicuramente destinato in fondo alla rete…

ed è proprio la sua testa, quella di Lukaku, a respingere il tiro, negando una vittoria a quel punto quasi certa e determinando l’uscita dell’Inter dalle competizioni europee…

un destino crudele per il fortissimo attaccante belga, che pochi mesi fa, nella finale di Europa League con il Siviglia, dopo aver realizzato il gol dell’1-0 aveva poi involontariamente causato l’autorete che aveva sancito la sconfitta dell’Inter… 

Per una sera mi sono sentito come i tifosi di Genoa e Samp che spesso, più che esultare per le vittorie dei loro colori, trovano soddisfazione nelle sciagure dei rispettivi “cugini”…

un’avversione, la mia, che più che essere determinata dalla rivalità (accesa) con i nerazzurri è ora in gran parte dovuta all’antipatia che suscita in me Antonio Conte, un’antipatia che investe anche il “popolo nerazzurro” (che non sopporta il suo trionfale passato juventino) e che si è ulteriormente palesata nel post partita, con la sconcertante maleducazione esibita nella diretta Sky nei confronti di Fabio Capello e della giornalista Anna Billò.

Quindi, come detto, ho trascorso la serata sul divano “facendo il gufo”, in una solitudine che non ho minimamente avvertito…

Di là, in cucina, anche Susanna, in assoluta solitudine, stava “facendo il gufo”
lei però lo stava facendo con i suoi micropennelli…

E non solo, come già ampiamente fatto in passato, con minuscoli sassi o minuscole conchiglie…
stavolta ha utilizzato anche due valve di ostriche, ovviamente prive sia del pregiato (afrodisiaco) mollusco che dell’eventuale preziosa perla

la parte esterna della valva è a scaglie rugose, la parte interna è invece madreperlacea…

e proprio lì, nell’interno madreperlaceo, Susanna ha mosso sapientemente i suoi micropennelli, realizzando ben due meravigliosi gufi…

uno per la traversa di Lautaro, l’altro per la “parata” di Lukaku…

uno veramente delizioso, dal gusto più saporito ed afrodisiaco del pregiato mollusco…
l’altro meravigliosamente luminoso, più splendente di qualunque pregiata, rarissima perla…

I love my wife…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(clicca per ingrandire)

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.