L’amico, l’assessore, la luna, il dito…

L’amico, l’assessore, la luna, il dito…

 

16 dicembre 2015 

 

Questa la devo raccontare…(omettendo i nomi, per comprensibili motivi…).

Un carissimo amico, uno di quelli da inserire nel ristretto, prezioso novero dei “cittadini attivi”, ha più volte scritto ad un assessore, molto civilmente, ponendo interrogativi su argomenti di diretta pertinenza di quell’Assessorato.
Ritengo (ma può darsi che mi sbagli) che tra i compiti di un importante (e riconosciuto come tale) rappresentante delle istituzioni rientri anche quello di interfacciarsi con la cittadinanza, con gli opportuni ed inevitabili filtri (gli uffici di segreteria, i cui costi sono a carico della collettività, dovrebbero/potrebbero avere anche questi compito)…
è il cosiddetto “ascolto della gente”, indispensabile in un periodo storico come questo in cui i partiti “tradizionali” hanno perso gran parte della loro capacità di interlocuzione con il territorio…

Bene (si fa per dire…), all’ennesima, civile e motivata mail, finalmente l’Assessore si degna di “rispondere”, e lo fa in questo modo:
Io/noi al di là della qualità del nostro lavoro, che non sarò io a giudicare, ma sulla quantità le invio poche righe: 2014: mail 24.329 – protocolli 2.625, tralasciando la routine e gli extra.”.
Cioè, in buona sostanza, la mail n.24.330 è stata utilizzata per “non rispondere”…
Sarà così anche per le altre? Ah, saperlo….

Nel frattempo, questa è l’ennesima dimostrazione, concreta, di un Amministratore pubblico che si limita a guardare il dito, senza guardare la luna…

Beh, se mi sta leggendo, caro Assessore, visto che Lei preferisce guardare il dito
guardi anche il mio: è quello medio, alzato verso di Lei…

Sipario

Ps: in questi anni di impegno al Cep con il Pianacci, mi è capitato più volte, ed a diversi livelli, di avere le stesse “non risposte” anzi, di non avere risposte nemmeno a lettere raccomandate con ricevuta di ritorno…
E’ uno dei motivi (non il solo, diciamo uno tra i tanti), che hanno procurato la mia progressiva disaffezione verso la “cittadinanza attiva”…
in questo momento ritengo più opportuna una bella “cittadinanza passiva” al sole delle Canarie o giù di lì…

mantenendo sempre il dito medio ben alzato…

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.