L’Amica Geniale di Mario Tullo…

L’Amica Geniale di Mario Tullo…

 

 

il caro “vecchio” compagno Mario Tullo, attento ai dettagli anche quando guarda la Tv dal divano di casa…

 

nel 2004 il brano “Amori”, con il quale Toto Cutugno, in coppia con Ray Charles, arrivò secondo a Sanremo 1990, fu scelto per la colonna sonora del film “Non ti muovere”, di Sergio Castellitto.

Il brano però viene inserito in un flashback che in modo inequivocabile faceva riferimento al 1989, anno in cui il brano di Toto Cutugno non era ancora stato pubblicato.

Errore di un solo anno, d’accordo, che non poteva sfuggire, né essere “sopportato”, da un appassionato del Festival come il sottoscritto…

lo segnalai a bloopers.it, il sito che raccoglie gli errori di diverso tipo rilevati dagli spettatori, ma ero stato preceduto da un altro spettatore, pure molto attento, che aveva visto il film qualche giorno prima…

errore di un anno, dicevo, ma imperdonabile…

figuriamoci quando l’errore è ancor più macroscopico, quantificabile in oltre un quarto di secolo…

e se l’errore riguarda la storia del PCI e lo spettatore è un comunista doc come l’ex deputato Mario Tullo, beh…

ma andiamo con ordine…

lunedì sera la RAI manda in onda, in prima mondiale, nel prime time di RAI 1, la prima puntata della seconda stagione de “L’amica geniale”, fiction ispirata ai romanzi di Elena Ferrante: il nuovo capitolo, “Storia del nuovo cognome”, tiene incollati davanti alla tv quasi 7 milioni di telespettatori, con il 29,3% di share.

Uno di questi 7 milioni di spettatori è per l’appunto Mario Tullo….

ad un certo punto, la vicenda, ambientata negli anni ’60, prevede una sequenza prolungata con un primo piano della protagonista, ripresa mentre passeggia in una piazza di Napoli…

(clicca per ingrandire)

 

l’ambientazione sembrerebbe ben accurata, sui muri della piazza campeggiano manifesti un po’ scrostati  di una campagna elettorale…

non passano inosservati grandi manifesti con la falce. il martello, e la scritta “Vota Comunista”…

ed è qui che entra in gioco, prepotentemente,  la memoria storica del vecchio compagno…

 

 

i manifesti, benché scrostati, strappati ed inquadrati sullo sfondo, li riconosce immediatamente:  sono quelli di una campagna elettorale di “Rifondazione Comunista”, partito nato nel 1991 a seguito del dissenso sullo scioglimento del PCI…

1991. l’anno successivo a quel Festival di Toto Cutugno…
ma, soprattutto, oltre un quarto di secolo più avanti rispetto all’ambientazione di quella scena…

il compagno Tullo vuole condividere il suo stupore misto a sdegno, e lo fa, con il suo stile, mai aggressivo, con un post su Facebook:

Ieri sera incuriosito dalla promozione fatta dalla RAI, che parlava di “prima mondiale”, ho visto: L’amica geniale, fiction carina e anche Napoli di quegli anni ben ricostruita, ma se il regista e lo sceneggiatore me lo chiedevano due manifesti del PCI si trovavano. Sui muri anni 60 quelli di Rifondazione proprio non ci stanno…”…

il post di Mario Tullo
(clicca per ingrandire)

Qualcuno fa notare che anche un treno, inquadrato in una sequenza della stessa puntata, sembrerebbe collocabile, come modello, agli anni ’80 e non agli anni ’60…

ora, ho buoni motivi per fidarmi non solo della memoria ma, soprattutto, della correttezza di Mario Tullo, che mai si permetterebbe di muovere accuse senza averne certezza…

comunque, per gli scettici, ho ricavato da RaiPlay un paio di frames della sequenza “incriminata, ed in uno di questi, con accurato ingrandimento e la massima “pulizia” possibile (con i miei mezzi) del’immagine, la scritta “Rifondazione”, ancorché in parte strappata, è assolutamente inequivocabile…

 

(clicca per ingrandire)

 

con l’amico Direttore Paolo De Totero, mi capita spesso di disquisire di calcio, attualità, ma anche di televisione, e qui spesso scatta il nostalgico confronto con la tv del tempo che fu…

quello dei mitici “sceneggiati” televisivi in bianco e nero…

lui ha una vera e propria passione per il mitico “Commissario Maigret”, diretto da Mario Landi e magistralmente interpretato da Gino Cervi (il miglior “Maigret” a detta dell’autore Georges Simenon)…

la nostra tv era ancora agli inizi, ma autori, attori, sceneggiatori erano già di altissimo livello e c’era un’attenzione minuziosa ai dettagli…

in una sequenza di “Un Natale di Maigret” il commissario apre una porta, e la porta si inceppa per un attimo…
è una finzione scenica, ma nell’inquadratura ravvicinata si vedono, sul bordo della porta, due scalfitture, evidente conseguenza del cattivo allineamento della porta con lo stipite…

per chi insegue la minuziosa perfezione dei dettagli, devono essere presenti…

e qui lo sono…

(clicca per ingrandire)

dettagli, certo, ma è proprio dai dettagli che si può certificare l’accuratezza di una ricostruzione d’ambiente…

quello sceneggiato televisivo risale al 1965, proprio il periodo in cui è ambientata la fiction di RAI 1…

è passato oltre mezzo secolo, ma ci sarebbe da rimpiangere la cura che allora, con minori mezzi rispetto ad oggi, veniva riservata ai “dettagli”…

con buona pace del Fatto Quotidiano, che nell’entusiastica recensione della prima puntata de “L’amica geniale”, mette in rilievo “la cura maniacale dei dettagli” …cita anche, a proposito della vicenda, la “necessità dell’evoluzione, parte dal passato ma guarda al futuro…”…

uno sguardo così rivolto al futuro da prevedere già, con trent’anni di anticipo, l’esistenza di “Rifondazione Comunista”…

(clicca per ingrandire)

dettagli…

li celebrava, nel 1973, un bellissimo, omonimo brano scritto da Bruno Lauzi e Roberto Carlos per Ornella Vanoni...

Per molto tempo ancora nella vita
Dovrai cercare
Dettagli cosi’ piccoli che tu
Non sei ancora pronto per capire

Mario Tullo
(clicca per ingrandire)

 

 

eh sì, a volte per cogliere i più piccoli dettagli occorre essere pronti…
e non è sempre facile esserlo…

a parte il caro “vecchio” compagno Mario Tullo…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.