Io, il “BTBS” ed Irma Palasciano

Io, il “BTBS” ed Irma Palasciano

14 marzo 2015

IO, IL “BTBS” ED IRMA PALASCIANO

ricevo dall’amica Irma Palasciano un poemetto augurale che merita la pole position.

Irma (unitamente alle sorelle Corsolini e pochi altri) fa parte del BTBS (Born To Be Stupid), gruppo del quale sono onorato di essere membro

Carlo, spero che Tu stia meglio.

Vorrei farTi semplicemente degli auguri ma una certa eccitazione e la consapevolezza di essere di fronte a una testimonianza storica di assoluto valore fanno passare in secondo piano certe smancerie da liceali.

Come sai, una mia passione e’l’archeologia.
Non solo quella classica. Anche quella moderna.

In pratica raccolgo di tutto, anche i tovaglioli lasciati sui tavoli nei bar.
Non quelli col semplice segno del rossetto, ma quelli dove avventurose avventrici scarsamente avvedute dimenticano dichiarazioni d’amore tipo quella che ho rinvenuto in un’area ancora da delimitare.
Diciamo che il perimetro è la Brianza e che l’autrice potrebbe essere una persona geneticamente modificata, ovvero born to be stupid (codice archeologico avvalorato da Piero Angela BTBS).

Di sicuro pero’, e questo grazie alla proprietà del linguaggio, si tratta di uno scritto a Te dedicato e da pubblicare proprio oggi.
Ti va di lusso che frequento tanti bar. Non avessi questa abitudine avresti perso degli auguri di alto valore linguistico.

Anche l’Accademia del kamut (evolviti, sei ancora fermo alla crusca) si e’interessata all’opera.

Fammi sapere se sono autorizzato a proseguire l’indagine fino a svelare l’autrice di questa dichiarazione che oltre tutto e’chiusa con gran classe col riconoscimento del primato di Giorato Susanna, Tua legittima consorte e in quanto legittima beneficiaria della Tua carta di credito per i racconti che poi ci fai.

Mi raccomando: rimettiti.
Forse dopo la lettura non ce la fai.
Pazienza. Almeno prendi l’influenza con poesia

 

da sempre attivo, fichissimo speziale
cultore del canestro, attivo nel sociale 

di seduzion maestro, eclettico cantante
poeta, paroliere, le doti tue son tante

 c’hai pure un bel sedere, ti inseguo da una vita
dacché, fanciulla in fiore, dall’alma imbizzarrita

cercavo ognor l’amore, ad oggi che, ingobbita
dagli anni e dal tremore, e mezza rimbambita,

staziono dal dottore, per gli occhi tuoi gentili
vestito ho un baby doll, son quasi cento chili

ma ballo il rock ‘n roll, gazzella sovrappeso
da lungi ti ho puntato, pensavo: ” ormai l’ho preso!”

ma poi ti sei spostato, ho il cuore fratturato
ci tento un altro anno…. rivince la Giorato… 

..vabbè…buon compleanno!
REGALO BTBS

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.