Il Pianacci è diventato maggiorenne…

Il Pianacci è diventato maggiorenne…

 

8 marzo 2015 

 

18 anni fa veniva inaugurato il Consorzio Pianacci…
Abbiamo percorso insieme, finora, una lunga strada lastricata di entusiasmi, invidie, soddisfazioni, ingratitudini, esplosioni di gioia, ansie…

Senza mai dimenticare il passato e chi prima di noi aveva provato a costruire qualcosa…
Senza memoria del passato il presente perde importanti “mattoni”, fondamentali per la costruzione di un solido futuro.

Oggi “siamo” maggiorenni…
18 anni fa nessuno avrebbe scommesso una lira sulla nostra capacità di costruire e, sopratutto, resistere nel tempo.

Il mio primo pensiero, oggi (occasionalmente a 400 km di distanza), va a tutte le persone che, ognuna con le sue competenze, le sue capacità, le sue possibilità, ha costruito con noi ed oggi ci guarda da lassù…
Siamo diventati maggiorenni e, senza presunzione, esempio per l’intera città, anche grazie a loro che stanno lassù e, mi vien da dire (belin, proprio non resisto…), nonostante qualcun altro di quaggiù…

 

Link all’articolo

9 marzo 1997, gli articoli dedicati all’inaugurazione del Pianacci.

L’articolo di Graziano Cetara si conclude con una frase dell’allora Sindaco Adriano Sansa.
Che dire… il primo cittadino ci aveva visto giusto…
(d’altro canto, ormai l’abbiamo imparato: i problemi e gli ostacoli non arrivano mai dal “primo cittadino”, ma dagli altri….)

(Graziano Cetara, per “Il Secolo XIX”)
IL PONENTE CHE CAMBIA
Inaugurato ieri nell’area Pianacci il nuovo complesso comunale
ECCO LA CITTA’ DELLO SPORT
Un quartiere alla riscossa.
Campi da bocce, pallavolo e basket, pista di atletica e pattinaggio, circolo ricreativo con bar e sala giochi.
Un’opera costata tre miliardi e costruita dallo Iacp

“Basta con i pregiudizi, basta etichette e luoghi comuni. II Cep di Pra’ non chiamatelo più Cep, la gente è cambiata, il quartiere è cambiato».
E’ un ritornello animato da grande convinzione e voglia di riscatto quello che passa di bocca in bocca fra gli abitanti del quartiere arroccato sulla collina dell’estremo ponete genovese.
L’anima della ribel­lione vera e propria che ieri mattina ha visto inau­gurato dal sindaco Adriano Sansa il suo simbolo: l’area Pianacci, un centro polisportivo a terrazze di 16 mila metri quadri, dalla storia travagliata che attraversa tutte le giunte degli ultimi quindici anni e che ieri è arrivata all’epilogo con il rituale taglio del nastro.

Costruita dallo Iacp e pagata con tre miliardi di lire comunali, l’area presenta campi da bocce al coperto e non, un campo regolamentare di palla­volo e basket, piste di atletica e pattinaggio oltre che un circolo ricreativo su due piani con bar e sale giochi e stanze per riunioni.
II tutto, immerso in splendide terrazze di prato inglese con panchine fatte della plastica raccolta nel quartiere e riciclata dal consorzio Replastic, verrà dato in gestione dal servizio Sport del Comune al consorzio di società sportive (Consorzio Pianacci, formato da Hp patti­naggio Voltri, bocciofila Pianacci e Gruppo sporti­vo Stella Polare, e presieduto dal farmacista Carlo Besana).

«Un consorzio dove la donna, casalinga o giocatrice di bocce, è in maggioranz: Gianna Da­pelo, da sempre sulle barricate in circoscrizione e nel quartiere, è raggiante.
«I primi a utilizzare l’a­rea saranno gli alunni delle scuole della zona – an­nuncia Besana – che avranno accesso al centro sportivo tre giorni la settimana».
«E’ una struttura da fare invidia», sorride con orgoglio Aleandro Longhi, assessore all’edilizia pubblica.
«Una scelta di giustizia» dice Sansa, ri­cordando ai vertici dello Iacp presenti che 50 can­tieri, per un totale di 50 miliardi di interventi alle strutture dell’edilizia popolare, previsti per l’au­tunno, dovranno partire senza altri ritardi.

«Que­sto è uno dei posti più belli di Genova – mentre parla il Sindaco, il colpo d’occhio che si gode dall’area Pianacci mozza il fiato con il sole che fa bril­lare la riviera di Ponente – questo centro di aggre­gazione diventerà la piazza del paese dove trascorrere il tempo libero».

 

Link all’articolo

(Luigi Lesevic Bruzzone, per “Repubblica-Il Lavoro”)
Inaugurato ieri dal sindaco Sansa il complesso dell’Area Pianacci
NEL CUORE DEL CEP DI PRA’ UNA CITTADELLA DELLO SPORT

Quattro assessori ed un sindaco per inaugurare il centro polisportivo dell’Area Pianacci in via Martiri del Turchino, ovvero nel cuore del Cep, l’appendice storica deì grandi insediamenti popolari realizzati dagli anni Sessanta in poi, sulle colline che sovrastano Voltri, Prà e Pegli. Una città nella città, insomma.
In autunno si vota ed è tempo di ‘passerelle elettorali’.
Questa volta, però, tante `autorità’ non sono sprecate almeno per la valenza emblematica dell’impianto e del suo contesto umano. Infatti, l’atteggiamento delle autorità e dell’amministrazione comunale – questa e sopratutto quelle di ieri – nei confronti dei quartieri popolari fatti nascere così massicciamente ‘solo’ a Ponente e in Valpolcevera, è ondivago, volubile.
Così si apre in pompa magna con tanto di prefetto e cardinale un posto di polizia proprio a ridosso dell’Area Pianacci e poi lo si chiude.
Prima era indispensabile e qualche anno dopo superfluo.
Così l’impianto inaugurato ieri dal sindaco Sansa e benedetto da don Balbi, prete di frontiera che è invecchiato qui fra la sua gente popolare, aiutandola in mille modi senza mai alzare la voce.
L’idea di dotare la zona, priva di tutto, è nata nel 1984 ma per il primo colpo di piccone si è aspettato il marzo del 1990.
Primo e unico perché i lavori – che dovevano essere ultimati per le Colombiane  si fermano subito.
Sansa e l’assessore Aleandro Longhi li fanno riprendere ed ultimare. Sono passati ben 12 anni!
A corona del sindaco gli assessori comunali Chito Guala, Aleandro Longhi e Piero Villa. L’assessore regionale Maria Paolo Profumo e quello provinciale Rossella D’Acqui. Il presidente della circoscrizione Franco Maggi ed il generale dei carabinieri Nicolò Bozzo.
Ai microfoni tutti gli amministratori hanno parlato molto bene dei quartieri del Ponente ambientalmente devastati, spremuti come limoni per garantire alla città un futuro economico.
Sansa è il più esplicito di tutti. Nel suo programma di candidato sindaco nel dicembre del 1993 – ha ricordato – figurava il riequilibrio della città e lui, dice, ci ha provato, «magari abbiamo commesso degli errori, ma la volontà c’è stata».
Riequilibrare la città perché non esistano più i ghetti dei ricchi e quelli dei poveri, perché i genovesi si riconoscano Comunità.
Di suo Longhi, ferroviere di Sestri, ha aggiunto che il disagio e la droga si combattano anche «creando nei quartieri in collina impianti come questo per offrire ai giovani un’alternativa alla strada».
Così al Cep e così a Begato dove sono già pronti due campi sportivi e presto arriverà una palestra e campi da tennis.
Paola Profumo si è rivolta alle donne del Cep, a quelle che, insieme a Gianna Dapelo hanno fondato il circolo ‘Stella Polare’ che ha lottato per anni per vedere ultimato l’impianto. Le donne qui sono state, sono e saranno protagoniste essenziali dello sviluppo del quartiere.
E veniamo alla struttura inaugurata ieri.
L’Area Pianacci copre una superficie, a terrazze, di 16.300 metri quadrati con al centro una palazzina di due piani di 330 metri quadrati.
Attorno un bocciodromo con due campi coperti e due scoperti; un campo polivalente (basket e volley); una pista di pattinaggio regolamentare di 20 metri per 40, un’altra pista di 210 metri con rettilineo di 70 metri ed annessi servizi, spogliatoi e docce; aree per il tempo libero con ampi spazi verdi piantumati; pista ciclabile per bambini ed attività all’aperto.
Il tutto è costato circa 3 miliardi. L’impianto è gestito dal un consorzio di società sportive presieduto dal farmacista Carlo Besana (vice Fernando Veneziani).
Nei programmi il rilancio dell’atletica e la realizzazione di una palestrina.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.