Il particolare dimenticato

Il particolare dimenticato

 

15 luglio 2014

 

La casa, per me, è un piacevole contenitore ed è tanto più piacevole quanto meno mi impegna nella sua cura…

se c’è un rubinetto che perde, perché non chiamare l’idraulico?
se c’è una parete da tinteggiare, perché non chiamare l’imbianchino?

e così via, con mia moglie ormai rassegnata al punto tale che l’argomento non è più da tempo motivo di “polemica coniugale”….

In questi ultimi giorni, però, mi sono “scatenato”…

ho sommato parecchie ore in cui ho “camallato” (non da solo…) un mobile da cucina per otto piani (non ci stava nell’ascensore…), ho montato, smontato, rimontato pensili da cucina, ho “carteggiato” due davanzali di ardesia prima della ritinteggiatura, ho trovato una soluzione estemporanea per rimettere esteticamente a posto un lavello da cucina fuori asse, ho tinteggiato due poggioli, ho carteggiato un pezzo di soffitto per poi tinteggiarlo, c’è ancora da completare il montaggio di un armadio…
insomma tutta una serie di cose che mi hanno fatto arrivare a sera stanco (schiena soprattutto) ma soddisfatto.

Sarà soddisfatta anche mia moglie, penserete…

beh, ho dimenticato un particolare: non l’ho fatto per casa mia, ma per l’appartamento che ospiterà le nostre giocatrici…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.