il dito che si punge e la rosa…

il dito che si punge e la rosa…

…belin, un terzo di secolo…

34 rose…

34, come gli anni trascorsi insieme da quel lontano 29 febbraio 1988…

come si dice?
Ah, si…
non c’è rosa senza spine…
e non sempre si riesce ad evitarle…

ma la rosa è un tale miracolo della natura che le spine che ti pungono il dito sembrano quasi il giusto prezzo da pagare per poterle ammirare da vicino, nella loro incommensurabile bellezza…

anche la vita di coppia ha le sue spine, e non sempre si riesce ad evitarle…

l’importante è riuscire ad affrontarle pensando che siano un giusto prezzo da pagare per poter gustare ancor di più le gioie che arricchiscono, ogni giorno, uno stupendo, lungo percorso, vissuto insieme…

non sappiamo quanto lungo ancora potrà essere il viaggio che il destino ci ha voluto riservare, questo lo sa solo il Padreterno ed è inutile chiederglielo, tanto non ce lo dirà mai…

l’importante è provare a perseverare in quello che abbiamo imparato in questi anni…

non fermarci a guardare il dito che ogni tanto si punge, ma volgere sempre lo sguardo alla rosa che ogni anno si aggiunge a questo straordinario percorso…

—————————–

p.s.: noi ci siamo sposati il 29 febbraio 1988, e da allora, tranne gli anni bisestili, nasce sempre una disputa tra me e Susanna…festeggiare il 28 febbraio o il 1 marzo?
Lei preferisce il 28, perché è “l’ultimo giorno di febbraio, come quel 29 febbraio”…
io preferisco il 1 marzo, cioè “il giorno successivo al 28 febbraio, come quel 29 febbraio”…
e così finisce che festeggiamo per due giorni consecutivi…

le 34 rose
(clicca per ingrandire)
Susanna e le 34 rose…
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.