Ieri, tra i “Giganti del Basket”, mi è parso di volare…

Ieri, tra i “Giganti del Basket”, mi è parso di volare…

 

9 gennaio 2017

 

Susy, Charly Recalcati e Maria Teresa Longhi
(clicca per ingrandire)

IERI MI E’ PARSO DI VOLARE…
POI CI HA PENSATO SUSANNA…
Chi, come me, è appassionato di basket e, in più, tifoso di Cantù ed orgoglioso della sua storia, può sicuramente capirmi.
Ieri. Cantù.
Sede della Cassa Rurale ed Artigiana di Cantù, celebrazione del ritorno in edicola (con monografie a cadenza trimestrale) de “I Giganti del Basket”.
Per la mia generazione “la” rivista di Basket, non una rivista…
Il “Gigante” scelto per il primo numero il grande Charly Recalcati, grandissimo giocatore prima ed altrettanto, se non più, grandissimo allenatore poi.
L’unico, con Valerio Bianchini, ad aver vinto lo scudetto in tre città diverse (Charly ha vinto a Varese, Bologna Fortitudo e Siena), medaglia d’argento in un’Olimpiade, quella di Atene, in cui sul gradino più in basso, quello del terzo posto, c’erano gli USA di Allen Iverson, Dwayne Wade ecc….
E la cosa che (penso) abbia più gratificato Charly, ed ha fatto da filo conduttore ai diversi, prestigiosi interventi, è stata la celebrazione della caratura della persona, prima ancora che il tecnico o il giocatore.
Franco Arturi, decano dei giornalisti de “La Gazzetta dello Sport”;
la figlia Giulia Arturi che, oltre a guidare magistralmente il Geas basket sta anche seguendo le orme di papà Franco, ed ha personalmente curato l’intervista a Charly Recalcati, cuore della monografia de “I Giganti del Basket”;
Giampiero Hruby, che ha scommesso sul rilancio della rivista, con il supporto della banca canturina e del suo presidente Angelo Porro;
il popolarissimo Dan Peterson, alla vigilia del suo 81^ compleanno, nobile “rivale” di tante battaglie con Charly;
e poi “lui”, il simpatico affabulatore Gianni Corsolini, che ha spesso rubato la scena con i suoi aneddoti divertenti, mettendo a dura prova il compito del moderatore, il simpatico Dino Merio.
Commovente l’emozione, nel suo intervento, dell’indimenticabile Alberto “Cana” De Simone, uno dei grandi della mitica Forst Cantù; era, con Charly Recalcati, nel quintetto guidato da Armando Taurisano quando, trascinato dal mio compagno di scuola Antonio Marelli, andai a vedere per la prima volta, a 17 anni, una partita di basket, e fu amore a prima vista…
Per me e Susanna l’occasione per rivedere e riabbracciare tanti amici, da “Ciccio”Fabrizio Della Fiori a Pier Luigi Marzorati (nostro testimone di nozze), Pietro Terraneo, Pietro Caldera, Maria Teresa Longhi, Chiara Corsolini, Fabio Cavagna, Alfredo Marson (il dominus del basket in carrozzina a Cantù), Roberto Allievi (figlio del mitico sciur Aldo) ed infine Beppe Bosa, altro grande protagonista del basket canturino, che mi ha emozionato con il suo ricordo personale di quella volta in cui, oltre 30 anni fa, lo invitai alla prima festa per l’Unicef a Costamasnaga, e lui si esibì in una gara di schiacciate (dopo il ball handling di Mike D’Antoni…).
C’erano anche Franco Meneghel, Riccardo Carmina, Paolone Vittori, Giorgio Cattini (ricordato da Dan Peterson come il “maledetto Cattini”, che, giovanissimo, determinò la sconfitta del Billy Milano in uno spareggio di semifinale scudetto, ed io c’ero…).
Insomma, come si è capito, ieri mi è parso di volare…
poi ci ha pensato Susanna a riportarmi con i piedi per terra…
Con la “scusa” di andare a trovare Cristina Mascheroni, l’abbiamo raggiunta sul posto di lavoro…
una bella boutique canturina
e già che c’era, Susanna non ha perso l’occasione per mettere a dura prova la mia MasterCarl…
ma questa è un’altra storia…la solita…
(ps: Cristina Mascheroni è la figlia della mitica Rosanna, che ha gestito per molti anni il famoso “college” di Cantù, nel quale sono cresciuti molti giovani poi diventati protagonisti del basket di vertice…quando ancora qualcuno, Cantù, era protagonista in Italia ed Europa con giocatori in gran parte formati dal proprio settore giovanile).

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.