“Scusi, avrebbe un paio di quelle brioches che fan dimagrire?…” (Gianni Corsolini al “Bar dell’aldilà”…)

“Scusi, avrebbe un paio di quelle brioches che fan dimagrire?…” (Gianni Corsolini al “Bar dell’aldilà”…)

 

 

 

Gianni è arrivato lassù da poche ore…
ed al “Bar dell’aldilà” avrà già chiesto:
“Scusi, avrebbe un paio di quelle brioches che fan dimagrire?”…

 

Era l’autunno 1986, ed a Cantù era tornato, in veste di general manager, Gianni Corsolini, figura storica della Pallacanestro Cantù già a cavallo tra la fine degli anni ’50 e gli anni ’60, dapprima come allenatore poi come general manager.
Fu lui a portare a Cantù Boris Stankovic, il coach del primo storico scudetto canturino nel 1968.

Ed appunto nel 1986 eccolo di nuovo a Cantù, a sostituire Lello Morbelli, diventato presidente manager della Simac Milano.

Proprio nel 1986, grazie alle iniziative per l’Unicef, avevo conosciuto Luca, primogenito di Mara e Gianni Corsolini, e fu l’inizio di una grande amicizia che è arrivata inalterata fino ai giorni nostri.

Luca, giornalista, in quel periodo lavorava ad Udine, al “Gazzettino Veneto” e fece in modo che io e Gianni ci potessimo incontrare al Palasport “Pianella”, al termine di un allenamento.

Io mi occupavo del Comitato Provinciale di Como per l’Unicef e curavo anche i rapporti con la stampa, Gianni era tornato a Cantù dopo tanti anni trascorsi ad Udine, ed aveva necessità di alcune informazioni sulle varie redazioni locali.

Ci lasciammo con l’impegno a rivederci qualche giorno più avanti, a “casa Corsolini”, un bell’appartamento a due passi dal “tempio” del basket canturino, la mitica palestra Parini, che tre lustri prima mi aveva visto esordire sugli spalti di un campo da basket…

Conoscere Gianni e sua moglie Mara, dopo Luca, fu per me una grossa emozione: diversi anni prima la rivista “Giganti del Basket” ospitava una spassosissima, imperdibile rubrica (“Corsolini contro Corsolini”) incentrata sui loro dialoghi, cestistici e non, tra salotto e cucina…

Prima di fare ritorno a casa, Gianni mi propose di fare due passi nel centro di Cantù, ma non prima di aver fatto tappa in un bar pasticceria sotto casa…

arrivati al bancone del bar, si rivolse alla giovane barista chiedendole, con il suo inconfondibile modo serioso:
“Scusi, avrebbe un paio di quelle brioches che fan dimagrire?”…
la ragazza rimase di stucco e lui, sussurrando con fare più confidenziale:
“Sa, non sono per me. Sono per il mio amico Carlo Besana…”…
la ragazza riuscì a rasserenarsi solo dopo la nostra fragorosa risata…

Insomma, già si è capito…
con Gianni non ci si annoiava mai, sempre pronto ad alternare barzellette all’attualità politica, analisi sul cambiamento del mondo dello sport ad impareggiabili aneddoti cestistici…
(qui non lo posso raccontare, ma ce n’è uno sull’arrivo a Cantù, con la mamma, di un gigantesco giocatore straniero…assolutamente impagabile…)…

e quando si iniziava con lui una conversazione telefonica, già si sapeva che non sarebbe stata né breve né noiosa, anzi…

non so dire se le mie “informazioni”, quelle del primo rapido incontro, fossero state veramente utili per lui, ma furono il pretesto per uno dei suoi “tormentoni”

“Sai, Carlo, mi è bastato dire che ti conoscevo per ottenere immediatamente ascolto e disponibilità…
ho pensato che mi possa convenire far ristampare i miei biglietti da visita…
farò scrivere ‘Gianni Corsolini, amico di Carlo Besana’…”…

beh, caro Gianni, sono certo che lassù avrai già fatto amicizia con un mare di gente, oltre a quelli che conosci già…
il Padreterno avrà già avuto conferma che è arrivato, oggi, un personaggio di assoluto rispetto, quindi…

non ho mai avuto miei biglietti da visita…
ma ora me li farò stampare, e farò scrivere: “Carlo Besana, amico di Gianni Corsolini”…

ed il giorno in cui arriverò al bancone del bar “Aldilà”, giusto per presentarmi al meglio, consegnerò il biglietto da visita alla barista con le ali e, con lo sguardo serioso delle grandi occasioni chiederò:

”Scusi, avrebbe un paio di quelle brioches che fan dimagrire?
Sa, non sono per me…sono per il mio amico Gianni Corsolini…”…

 

p.s.: Gianni Corsolini, come sanno tutti quelli che l’hanno conosciuto, era chiamato “Il Duca di Carimate”. Questo spiega perché abbia realizzato, 4 anni fa, giorno del suo 84^ compleanno, un fotomontaggio con il francobollo celebrativo da 84 ducati del “Duca di Carimate”.

 

in questa foto Gianni Corsolini e sua moglie Mara
in occasione della loro visita alla nostra farmacia al Cep (2006)

2006, io e Susanna con Gianni e Mara
(clicca per ingrandire)

 

Susanna con Gianni Corsolini
alla serata “Giganti del Basket”, Cantù -8 gennaio 2017

Susanna con Gianni Corsolini – Cantù, serata “Giganti del Basket”, 8 gennaio 2017

 

il francobollo “celebrativo” del Duca di Carimate
nel giorno del suo 84^ compleanno – 5 ottobre 2017 –

il francobollo “celebrativo” del compleanno del Duca di Carimate (2017)

 

questo il video-cazzeggio che ho realizzato per il compleanno 2018 di Gianni e Luca…
eh sì, Gianni e Luca Corsolini sono nati lo stesso giorno, il 5 ottobre…
e nello stesso giorno sono nati molti altri personaggi famosi…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.