Facciamo un ramadan

Facciamo un ramadan
 
 4 febbraio 2010
 
 
 
 

 
 
  
(da youtube.com)

Da Genova un video pro libertà di culto con la Comunità Islamica locale

Il nuovo video/provocazione di Besana ha coinvolto, in un rifacimento della nota e storica “Ramaya”, la Comunità di San Benedetto, Andrea Ranieri (a titolo personale), i rappresentanti della comunità islamica ligure, in una danza nei vicoli per la libertà di pensiero e culto DI FATTO e non solo DI DIRITTO

Giovedì 4 febbraio 2010, alle ore 11, presso Comunità di San Benedetto, via Buozzi 17, Genova, è stato presentato alla stampa il video/provocazione “Facciamo un Ramadan” realizzato da Carlo Besana, Sergio Gibellini, Vito Carlucci, Ivan Foglino, Enrico Testino che riadatta la nota e datata “Ramaya” di Afric Simone (1975) in chiave di canzone pro libertà di culto.

Dopo “Il Tango della ronda”, “La canzone dell’Acquasola” ed il “Brum brum della gronda”, Carlo Besana e il suo clan affrontano in un nuovo video musicale un tema molto attuale, e non solo a Genova: il diritto alla libertà di culto e la necessità che possa essere esercitato in luoghi dignitosi.

La possibilità di esercitare la libertà di pensiero e di culto non deve solo essere formale, cioè dichiarata nelle diverse carte fondamentali come la Costituzione, ma anche attuata nei fatti.

Deve passare da libertà di diritto a libertà di fatto con percorsi che normalmente permettano una normale espressione di culto, di cultura, di vita.

Non manca, nel testo (riportato qui sotto), un riferimento alla Lega Nord, che, anche a Genova, per ottenere consensi elettorali, ha attuato una vera e propria campagna da professionisti della strategia della paura, spingendo di fatto le persone contro un nemico, che non esiste.
La paura può essere affrontata, con efficacia, attraverso il dialogo e la comprensione, la convivenza delle persone e delle culture è già praticata nel paese tutti i giorni in tutti i luoghi al di là delle isterie politiche proposte da politicanti di basso livello.

La questione della Moschea di Genova nel suo percorso rispecchia la commedia che si ripete in molte città italiane all’annuncio della costruzione di un edificio religioso musulmano: una minoranza urlatrice si scaglia contro l’ipotesi, a fronte di una maggioranza silenziosa, che avrebbe di meglio da fare che schierarsi a difesa di una normale procedura di costruzione di una città vivibile ed accogliente per tutti.

Ramadan è il mese notoriamente dedicato alla liturgia penitenziale della fede islamica. Nel dialetto genovese la frase “Facciamo un Ramadan” ha il significato di grande festa con frastuono, confusione. Sarebbe bello se in ogni città cittadini cristiani ed islamici, insieme, facessero un po’ di ramadan, nel senso genovese del termine, contro questi impedimenti alla civiltà.

Il video è stato girato nel centro storico di Genova, vera testimonianza di piena convivenza tra popoli, culture, visioni del mondo, caratterizzato da tante attività commerciali gestite da cittadini di origine straniera, che arricchiscono il tessuto sociale della città.

La scelta del sagrato della Chiesa di Piazza S. Matteo per le scene finali non è casuale: diverse personalità del mondo cattolico hanno dato chiari segni di condivisione alla libertà di culto nel nostro paese ed alla necessità che i luoghi abbiano la dignità che meritano; inoltre, quale cornice al sagrato della chiesa, gli importanti palazzi dei Doria, a ricordare la storia secolare di una città, che si è sempre contraddistinta per la sua capacità di accoglienza.

Nel coro sul sagrato della chiesa, accanto a cittadini di etnie diverse, si riconoscono Andrea Ranieri (Assessore alla cultura del Comune di Genova) presente a titolo personale, Salah Husein, rappresentante della Comunità Islamica di Genova, Hamza Piccardo, notissimo ed apprezzato traduttore del Corano, Omar Taiebi, responsabile del Centro Culturale Islamico Genova Cep ed un gruppo di ragazzi della Comunità San Benedetto al Porto di Don Andrea Gallo.

Da un’idea di Carlo Besana
Testo di Carlo Besana adattato a Ramaya di Afric Simone (1975)
Voci coro: Carlo, Daniela, Ivan, Vito, Mara, Gianna, Roberto,Dario
Voce solista: Carlo Besana
Base musicale: Vito Carlucci
Sound Engineering: Ivan Foglino
Video: Sergio Gibellini
Ufficio stampa: Enrico Testino

Si ringraziano tutti i partecipanti e la Comunità di San Benedetto al Porto (Genova) di Don Andrea Gallo

IL TESTO

Facciamo un Ramadan
(Afric Simone, Besana)

Ramadan
Facciamo un ramadan
Cristiani e musulman
Tenendoci per man
Oh oh oh
Ramadan
Facciamo un ramadan
Cristiani e musulman
Che ramadan!

E se pregano per la via
la la la la la la
arriva subito la polizia
la la la la la la
che se li porta tutti via
la la la la la la
lo capisce anche mia zia
la la la la la la
occorre un posto / per farli pregar
lo spazio è tanto/ in ogni città
echissenefrega/se poi la Lega / dice : qui non si fa!

Ramadan
Facciamo un ramadan……

Dice una legge dello stato
la la la la la la
Pregare insieme non è un reato
la la la la la la
E non è neanche proibita
la la la la la la
Una moschea, bella e pulita
la la la la la la
Sarebbe bello /in ogni città
Fare qualcosa /per la libertà
Di tanta gente /che non chiede niente /vuole solo pregar!

Ramadan
Facciamo un ramadan.

(musica)

Sarebbe bello /in ogni città
Fare qualcosa /per la libertà
Di tanta gente /che non chiede niente /vuole solo pregar!

Ramadan
Facciamo un ramadan….

(dalla rassegna stampa)

Link all’articolo
Link all’articolo
Link all’articolo

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.