Denis Innocentin, e quella volta che…

Denis Innocentin, e quella volta che…

 

 

 

“…era giusto che quelle maglie tornassero ad occupare il posto che lei aveva loro riservato ed a rinnovare, anche fisicamente, il ricordo di qualcuno che se n’era andato troppo in fretta…”

 

 

Il 12 gennaio 1991, esattamente 30 anni fa, ci lasciava Denis Innocentin…

aveva solo 30 anni, e nei dieci anni trascorsi con la maglia della Pallacanestro Cantù, dal 1977 al 1987,  aveva vinto uno scudetto, due Coppe dei Campioni, una Coppa Intercontinentale e 3 Coppe Korac.
Nel 1987 si era trasferito all’Irge Desio ma venne poi costretto a lasciare l’attività agonistica per una grave forma di leucemia, che risultò poi fatale.

Qui, di seguito, il mio personale ricordo di un ragazzone solare, sempre allegro, sempre disponibile…

un ricordo che parte dal 1985, il giorno in cui nacque il gemellaggio tra il basket di Costa Masnaga e l’Unicef, ed arriva a quella volta che sua mamma, nel 1991, due mesi dopo la scomparsa di Denis, ci donò le sue maglie per un’asta benefica…

 

 

George Gervin e Denis Innocentin – 1986 –
– Foto dal libro “70 anni di canestri” –
(clicca per ingrandire)

 

 

quella volta che, a Costa Masnaga,
gli appassionati di basket non credevano ai loro occhi…

 

era il 1985, per l’esattezza il lunedì di Pasqua, l’8 aprile…

in quel periodo mi occupavo della società di basket che avevo fondato parecchi anni prima a Costa Masnaga, in provincia di Como (qualche anno più avanti “accorpata” nella nuova provincia di Lecco).
La società, l’attuale “Basket Costa”, si chiamava ancora “Polisportiva Costamasnaga”, un termine, Polisportiva, improprio perché in realtà si praticava esclusivamente basket femminile.

Alcuni mesi prima io e Susanna, in un pomeriggio di shopping a Milano, parcheggiando casualmente dalle parti di piazza Cordusio, ci imbattemmo altrettanto casualmente nella sede Unicef di Milano, in via Victor Hugo.

Per farla breve, da lì nacque tutto l’iter che ci portò ad abbinare la nostra attività cestistica all’Unicef ed a far nascere il Comitato Provinciale di Como per l’Unicef, che trovò la sua sede naturale nella sede della società sportiva.

La celebrazione ed ufficializzazione di questo abbinamento, una novità a livello nazionale, avvenne proprio l’8 aprile 1985, in occasione di un evento di sport e spettacolo “per l’Unicef” che da quel momento sarebbe diventato tradizionale,  ed avrebbe contraddistinto, per molti anni, i “lunedì di Pasqua” a Costa Masnaga, con ospiti di grandissimo richiamo.

Quell’anno, in un palazzetto stracolmo, ospitammo alcuni tra i più prestigiosi campioni di basket dell’Olimpia Milano (Mike D’Antoni, Franco Boselli e Renzo Bariviera), della Comense (Cheryl Williams), dell’Ibici Busto (Kathy Andrykowsky) ed ovviamente anche una buona delegazione della Jolly Colombani Cantù: Antonello Riva (con le stampelle causa fresco infortunio), Beppe Bosa, Angelo Gilardi, Antonio Sala e Denis Innocentin.

Le “esibizioni” furono all’altezza delle attese, anche di più…

un “due contro due” a tutto campo con la coppia Innocentin-Wlliams opposta ad Andrykowsky-Sala…
la sfida nel tiro da tre in cui le nostre Mariella Galbiati, Cecilia Cattaneo e la compianta Graziella Consonni (giocatrice e presidentessa) sfidarono D’Antoni e Boselli (che furono molto benevoli…) in una gara di tiro da tre, soccombendo poi in finale a Sala-Innocentin…

un acceso “uno contro uno” tra l’esperto Bariviera ed il giovane Gilardi…
la gara di schiacciate, in cui Sala riuscì a prevalere su Bosa…

e quello che sicuramente è ancora vivo nei ricordi di chi era presente: una spettacolare esibizione di ball handling di Mike D’Antoni (ok, c’era anche Boselli ma gli occhi stupiti e gli ‘oohh’ di ammirazione erano tutti per lui, il mitico Mike…).

 

Superbasket -1985 – ed il ball handling di Mike D’Antoni a Costa Masnaga
(clicca per ingrandire)

 

 

…quella volta che Denis, al Pianella…

 

Con Denis Innocentin (come peraltro con molti altri) negli anni a seguire ci furono molte occasioni d’incontro, sia in occasione delle partite a Cantù che per iniziative legate al Comitato Provinciale Unicef.

Il destino aveva però posto Denis Innocentin di fronte alla partita più difficile, quella della malattia (leucemia) che lo colpì qualche anno dopo.

Oltre ad interrompergli la carriera cestistica, i problemi di salute gli impedirono di prendere parte ad una delle tante iniziative allestite a Costamasnaga, alla quale l’avevamo invitato.
Durante l’intervallo di una partita a Cantù, più o meno verso la fine del campionato 89/90, lo incontrai di nuovo, in modo occasionale, dietro la tribuna stampa del Pianella.
Appena riconosciutomi mi venne incontro e subito, più o meno, mi disse: “Adesso sto bene, riprendo a giocare, quando organizzate qualche altra cosa invitami, ricordati!”.

Mi sentii sollevato: le voci sulla sua malattia si rincorrevano con toni alterni; in quell’occasione mi era sembrato non solo allegro ma anche in buona forma.

Fu l’ultima volta che lo vedemmo (con me c’era anche Susanna)…
Denis ci lasciò, purtroppo, pochi mesi dopo.

 

…quella volta che
la mamma di Innocentin donò le maglie di Denis per un’asta benefica…

 

Il 18 marzo 1991, su ideazione e con la collaborazione del vulcanico Luca Corsolini, organizzammo ad Erba un evento, “Assist for Unicef”, con ospiti di grande prestigio, tra i quali Bob Morse, Sandro Gamba, Oscar Schmidt, diverse squadre di basket ed Enzo Jacchetti, appassionatissimo di basket.

L’evento aveva una doppia finalità: celebrare il centenario del basket e raccogliere, attraverso un’asta cestistica, fondi per l’Unicef.

 

Locandina e gagliardetto “Assist for Unicef” – 1991 –
(clicca per ingrandire)

 

Susanna, accompagnata da Nino Ranieri, si recò a casa di Denis Innocentin, che era purtroppo scomparso poche settimane prima, per illustrare l’iniziativa.
La mamma di Denis, commossa, aprì l’armadio con le maglie indossate da Denis nel corso della sua breve, intensa carriera cestistica (Jolly, Arexons, Gabetti, ecc.); si vedeva che le dispiaceva staccarsi da quei ricordi, ma il dispiacere durò solo un attimo.

Denis sarebbe stato contento di donarle per l’Unicef!, ed era contenta anche lei.

Non sapeva che eravamo già tutti d’accordo: avremmo scatenato, con la complicità di PierLuigi Marzorati, un’asta “concordata”, fino alla cifra che avevamo raccolto, tra amici, da donare all’Unicef nel ricordo di Denis.
Una “goliardata” che sarebbe sicuramente piaciuta anche a lui.

A sua madre, il giorno dopo, vennero riconsegnate tutte…
era giusto che quelle maglie tornassero ad occupare il posto che lei aveva loro riservato ed a rinnovare, anche fisicamente, il ricordo di qualcuno che se n’era andato troppo in fretta.

 

 

il video trasmesso da Tele+2; dopo alcuni secondi, la maglia “Fernet Branca” di Oscar Schmidt e, tra le altre, le diverse maglie di Denis Innocentin

 

 

 

nella foto, tratta dal libro “Cantù e la pallacanestro” di Luca Marchi, Denis Innocentin è al centro, tra il compagno CJ Kupec e Pietro Caldera (alle spalle Fausto Bargna), al termine dell’incontro vincente contro il Maccabi Tel Aviv nella finale di Coppa dei Campioni 1982.

 

 

Denis Innocentin, al centro, dopo la conquista della Coppa dei Campioni 1982 a Colonia
(clicca per ingrandire)

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.