Ciao Nino…

Ciao Nino…

 

15 febbraio 2010

 

Ciao Nino!
(clicca per ingrandire)

Nel lontano 1972 ho “fondato”, in Brianza, il Basket Lambrugo che, nel 1977, è diventato Polisportiva Costamasnaga, società (presieduta da Graziella Consonni) che ha puntato successivamente solo sul settore femminile, raggiungendo anche i fasti della Serie A1.

Dal 1986, prima società in Italia, l’“abbinamento” all’ Unicef, ente per il quale venne fondato, con sede a Costamasnaga, proprio nei locali del sodalizio sportivo, il Comitato Provinciale per l’Unicef (che ho presieduto fino al 1992, cioè fino al mio trasferimento a Genova).

In quei 15 anni ho avuto la fortuna di poter contare sulla preziosa disponibilità e competenza di Nino Ranieri, segretario sia della società sportiva che del Comitato per l’Unicef.

In realtà ho potuto contare sulla “famiglia Ranieri” (la figlia Roberta fu a lungo la capitana della squadra da me allenata, il figlio Bicio è stato importante allenatore della prima squadra e poi “costruttore” del “miracolo Costamasnaga”, società con numeri “importanti” anche nel settore giovanile, Giulia, moglie di Bicio, preziosa collaboratrice per il minibasket, Anna, la moglie di Nino, a sopportare lo stress di una casa un po’ anomala…).

Nino Ranieri, negli ultimi anni, è stato il presidente del Basket Costa e purtroppo, a seguito di grave malattia, è scomparso un paio di mesi fa (a 75 anni).

La partita del quarto turno di andata (Costamasnaga-NBA Zena) ha quindi rivestito, per me, un duplice significato: il ritorno, per la prima volta da dirigente “avversario”, nella “mia” Costamasnaga ed il ritorno, nella “mia” palestra, per la prima volta senza il simpatico brontolone romagnolo…(Nino era originario di Forlimpopoli).

Lo sport è bello anche perché, al di là delle dispute agonistiche sul campo, offre ( ahimè, sempre più di rado ), la possibilità di conoscere persone straordinarie; Nino era una di queste.

Mi è sembrato bello poterlo ricordare con una maglia, indossata da giocatrici tecnici e dirigenti durante la presentazione, con una semplice, ma sentita, scritta/dedica: “Ciao Nino”, ed accanto, non a caso, un cuore.
Terminata la presentazione, e “fissato il momento” con una foto di gruppo, le maglie sono state consegnate a giocatrici tecnici e dirigenti di Costamasnaga.

Mi piace pensare che qualcosa di mio possa essere servito, oggi, a testimoniare il privilegio riservato alle “belle persone”: quello di essere vive, per sempre….

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.