Chiude il Corriere Mercantile, un pessimo segnale per la città

Chiude il Corriere Mercantile, un pessimo segnale per la città

 

25 luglio 2015

Nulla da aggiungere, l’analisi di Enrico Testino, pubblicata quest’oggi su Fb, è totalmente condivisibile.
La chiusura del Corriere Mercantile è una perdita gravissima per l’informazione in città e non solo.
A livello personale: spero che un caro amico come Diego Curcio possa trovare una nuova collocazione e possa continuare a mettere a disposizione la sua passione e professionalità

(Enrico Testino, Fb)
E da martedì viene sospesa la pubblicazione di Corriere Mercantile …
Lavorando con le testate giornalistiche liguri per promuovere informazioni, eventi, realtà, ho dei miei pareri abbastanza consolidati sulla stampa locale nel suo complesso e sulle singole testate. Tolto il fatto, ovvio, che i giornalisti hanno (molti…non tutti) quell’atteggiamento tipo i vigili urbani che vengono sopraffatti dall’ebbrezza del potere (percepito) della divisa… il mio parere è abbastanza buono.
Il Corriere Mercantile è una perdita grave. Ogni giorno pubblicava decine di pagine tutte su Genova e, da poco, su Genova e Levante. Una ricchezza di informazioni infinita. Contribuiva a rendere la voce della carta stampata locale più variegata e con meno “potere” informativo concentrato sulle altre due testate (Secolo… che rimane con tipo l’80% de giornali venduti in città… e Rep Ge) e dava quindi una finestra di quel tipo preziosa e utile. In generale i cartacei hanno perso molto potere che si è sparso attraverso tutti gli altri mezzi (anche pubblicitari) ma per quella fetta di persone che ancora si affidano a questi il Corriere Mercantile era una voce preziosa. Per me, che spesso promuovo azioni sociali, culturali, di percorsi anche conflittuali sul locale il Mercantile era uno spazio in più, utile di informazione.
Penso sostanzialmente bene anche de Il Secolo XIX, questo non è una manifestazione di preferenza (lo preciso per minimizzare le menate) ma son amareggiato dalla perdita di una voce vitale in più.
In questi anni ho trovato in quella redazione anche diversi amici che auspico di trovare in altri percorsi belli e lavorativi…
Spero, anche se mi pare motto difficile, che si possa trovare un modo di continuare.
Ovviamente… da considerare…altre persone senza lavoro e stipendio

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.