Antigua, per me e Susanna una Pasqua “speciale”…

Antigua, per me e Susanna una Pasqua “speciale”…

Antigua, per me e Susanna una Pasqua “speciale”
gallerie fotografiche della pagina web
“Antigua, le spiagge sono solo l’inizio…”
dalla quale sono tratti i commenti che le precedono

 

(clicca per ingrandire)

 

Antigua, per me e Susanna una Pasqua “speciale”

All’Ocean Point Resort di Antigua io e Susanna siamo arrivati nel tardo pomeriggio del 31 marzo, dopo un viaggio (con scalo a Santo Domingo) durato 13 ore, con l’aggiunta della levataccia (2.45 del mattino) per raggiungere Malpensa da Genova.

Il 1 aprile ci svegliamo prestissimo, il fuso orario (6 ore di differenza) non lascia scampo…

ne approfittiamo per fotografare l’alba poi, dopo colazione, assieme ad altri 4/5 ospiti del resort (e con la guida di Eleonora, membro-sanremese-dello staff Eden) decidiamo di raggiungere a piedi la chiesa, non molto distante (circa 800 metri), per assistere alla Santa Messa pasquale.

Io e Susanna eravamo molto incuriositi; avevamo letto che le funzioni religiose ad Antigua, pur non attingendo alla vera e propria tradizione gospel, erano comunque molto particolari, caratterizzate da un’atmosfera festosa e con i vivacissimi colori dell’elegante abbigliamento dei fedeli, anche dei più piccoli.

Ne abbiamo avuta subito conferma…
il tempo di arrivare (in leggero ritardo) ed abbiamo subito vissuto un modo di pregare molto coinvolgente ed emozionante: un canto molto allegro accompagnato da abbracci molto calorosi, e non formali, tra i fedeli, che non hanno avuto alcuna difficoltà a coinvolgere anche noi, in modo molto spontaneo…

Protagonisti assoluti della funzione religiosa i più giovani…
una batteria Rebel suonata da un giovanissimo batterista (molto applaudito) , con l’emozionata ed orgogliosa mamma, elegantissima, che ha ripreso con lo smartphone ogni secondo…

poi un gruppo di giovani percussionisti, che hanno utilizzato come strumenti dei bidoni capovolti sormontati da un coperchio concavo…

un insieme molto curioso, piacevole e molto coinvolgente, cui è seguito un alternarsi di soliste e coriste di ogni età…

con il simpatico “siparietto” di un vivacissimo bambino, che ha cercato di usare le percussioni nel momento in cui stava cantando sua mamma (una dolcissima voce solista) accompagnata dal papà alla batteria…

evidentemente non voleva sentirsi escluso dalla festa…

al termine l’eucarestia, anche questa (almeno per noi) molto singolare…

il sacerdote è sceso tra i banchi della piccola chiesa due volte, la prima per distribuire il pane (non l’ostia, proprio “pane”, a piccoli bocconi) e la seconda per distribuire minuscoli bicchieri di vino…
in entrambi i casi i fedeli hanno atteso che il sacerdote terminasse la distribuzione e tornasse sull’altare, per potersi poi comunicare tutti quanti insieme…

alla comunione dei fedeli locali ci siamo aggiunti anche io e Susanna…

quando ci siamo sposati, 30 anni fa, non ci era stato possibile in quanto io mi ero già sposato una prima volta, alcuni anni prima, e la condizione di divorziato era già un impedimento più che sufficiente…
successivamente, in altra occasione, qualche anno fa, a Susanna era stata nuovamente negata questa possibilità, e ribadita l’inderogabile esistenza di questo impedimento…

in questa occasione ci è bastato uno sguardo, ed abbiamo deciso, in modo unilaterale, che fosse giunto il momento di concederci da soli una “deroga”…
un modo sicuramente “non corretto” per la nostra religione, ma altrettanto sicuramente privo del benché minimo elemento di “voglia di trasgressione”…
abbiamo solo colto una singolare ma sentita opportunità per colmare “un vuoto”, a trent’anni di distanza…

forse anche noi, come quel bambino, non volevamo sentirci, neanche per un momento, esclusi dalla festa…

sì, è stata proprio una buona Pasqua…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.