Allievi??? no, grandi maestri…

Allievi??? no, grandi maestri…

 

 

 

“Noi vorremmo che ciò che abbiamo iniziato con amore continuasse per sempre”
(Aldo Allievi, dal libro “70 anni di canestri”)

 

(clicca per ingrandire)

 

Con la Pallacanestro Cantù fu “amore a prima vista”…
nel 1970 un amico (e compagno di classe)  mi convinse ad andare a vedere Forst Cantù-Splugen Venezia

Cantù, con il marchio “Oransoda”, aveva già vinto uno scudetto nel 1968

mio papà leggeva il “Corriere della Sera” e ricordo una piccola foto di tifosi in festa con poche righe, il “target” delle notizie non troppo significative…

benché Cantù distasse da Lurago poco più di una decina di chilometri, non era arrivata un’eco particolarmente significativa ed il mio tifo per i colori rossoneri mi portava a fare un tiepido tifo per il Simmenthal Milano di Skip Thoren e Massimo Masini nelle due occasioni (andata e ritorno) in cui la Rai trasmetteva in diretta partite di basket, quelle “solite” tra Simmenthal ed Ignis Varese (6 sfide scudetto consecutive, tra il 1968 ed il 1974, racchiuse tra lo scudetto canturino del 1968 e quello del 1975, che segnò la fine di quel dualismo)…

quella partita, vista alla storica palestra Parini (il Pianella sarebbe arrivato diversi anni dopo) e quella successiva con l’All’Onestà Milano di Jo Isaac, furono per me indiscutibilmente contagiose, con l’entrata prepotente, nella mia vita, della passione per il basket…
e, inevitabilmente, il legame con la Pallacanestro Cantù…

in quei giorni non potevo sapere che, a distanza di qualche anno, sarei entrato a stretto contatto con quel mondo magico…

l’impegno con l’Unicef attraverso il basket, la nascita del Comitato di Como per l’Unicef del quale sono stato presidente fino al 1992, anno in cui mi sono trasferito a Genova…

la proposta di Marzorati (poi nostro testimone di nozze) quale Ambasciatore dell’Unicef Italia, l’amicizia con la straordinaria Famiglia Corsolini

tutto questo mi ha consentito di conoscere più dall’interno il magico mondo della Pallacanestro Cantù, e di fare conoscenza con il mitico “sciur Aldo”, Aldo Allievi, presidente della società e fautore di un miracolo probabilmente irripetibile.

Non potendo contare sulle grandi risorse economiche di Milano, Varese e di altre grandi società, Aldo Allievi riuscì a coniugare i grandi traguardi sportivi, anche internazionali, facendo leva sulla capacità di “crescere” giovani cestisti nel College di Cantù, una realtà unica nel panorama nazionale…

una struttura nella quale i giovani più promettenti, i cosiddetti “prospetti”, provenienti da tutta Italia, potevano sia crescere tecnicamente che costruire basi più solide per il loro futuro, attraverso un’attenzione assoluta ai loro percorsi formativi e scolastici.

Da lì sono passati diversi giovani che sicuramente porteranno ancora nel loro cuore il ricordo della dolcissima Rosanna, la “colonna” del College, mamma dell’amica Cristina Mascheroni, che ha il solo difetto di essere interista…

Aldo Allievi, con una delle tante coppe internazionali
-Foto da sito Pallacanestro Cantù –
(clicca per ingrandire)

 

“Sciur Aldo” è stato Presidente dal 1958 al 1960, poi dal 1969 al 1995, 26 anni consecutivi nel corso dei quali la sua bacheca si è via via arricchita con due scudetti, due Coppe dei Campioni, due Coppe Intercontinentali, quattro Coppe delle Coppe, quattro Coppe Korac e 13 titoli nazionali giovanili…

(una curiosità, emblematica: nel campionato 1983-84 la formazione canturina era formata da due americani e da otto giocatori italiani sfornati dal prestigioso settore giovanile… Craft, Brewer, Marzorati, Riva, Bargna, Sala, Innocentin, Fumagalli, Bosa, Cattini…)

 

Come ha detto Dan Peterson, Aldo Allievi era uomo d’altri tempi, un vero signore, di poche parole…
“da vero fuoriclasse, senza alzare la voce, ha fatto la voce grossa per tre decenni nel basket nazionale…”.

Con me, a dire il vero, alzò la voce (per modo di dire…) una volta, durante un allenamento al Pianella.

Era il periodo immediatamente successivo all’incarico di “Ambasciatore Unicef” conferito a Marzorati, che non era “solo” il più prezioso gioiello della squadra, era anche suo genero, avendo sposato sua figlia Betty…

avevo appuntamento con PierLuigi dopo l’allenamento, ed ero arrivato al Pianella in tempo per gustarmi tutto l’allenamento.

Quando mi vide, “sciur Aldo” non riuscì a trattenersi…
PierLuigi aveva preso molto sul serio il prestigioso incarico, probabilmente anche troppo…
ed io ne ero stato la causa…
“Lü, el poeu minga pensàa dumà all’Unicef, el g’ha de pensàa anca alla squadra..”…
“Lui non può solo pensare all’Unicef, deve pensare anche alla squadra…”

Non faceva una piega, rimandammo l’appuntamento…

Qualche anno più avanti, in occasione di un importante evento cestistico, venne a Genova con PierLuigi e Ciccio Della Fiori.
Io e Susanna andammo a cena con loro ed in quell’occasione, a molti anni di distanza, gli ricordai quell’episodio e, sia pur divertito, non fece un passo indietro…
si ricordava perfettamente la sua preoccupazione di allora e la necessità, da presidente, di tutelare la squadra…
ne approfittai per chiedergli cosa fosse successo, quella volta, durante una partita in cui Tom Boswell sembrava quasi scioperare in campo e fu necessario il suo intervento…
un racconto spassosissimo (che tengo per me) legato all’ultimo scudetto conquistato, quello del campionato 1980-1981, cui sarebbero seguite due consecutive Coppe dei Campioni ed una Coppa Intercontinentale…

Cantù, la piccola Cantù in cima al mondo della palla a spicchi…

24 marzo 1983- Grenoble – Seconda Coppa dei Campioni per Cantù
(clicca per ingrandire)

 

L’8 ottobre 2006 a Cantù non sarei mancato per nessuna ragione…

8 ottobre 2006: Marzorati-record, in campo a 54 anni
– Foto da panorama.it –
(clicca per ingrandire)

si celebravano i 70 anni della società ed al Pianella era in programma la partita della prima giornata di campionato, con Cantù opposta alla Benetton Treviso.

Una maglia speciale, color oro, ed un altro evento speciale: a 54 anni già compiuti PierLuigi Marzorati scese in campo, nei primi 108 secondi dell’incontro.

Una presenza sufficiente a consegnarlo ulteriormente alla leggenda, unico giocatore ad aver “attraversato” ben 5 decenni consecutivi nel massimo campionato nazionale (dal 1969 al 1991 poi, appunto nel 2006).

In quella partita Marzorati mise a referto una palla recuperata, Cantù vinse di un punto con un canestro, allo scadere di Mike Jordan, solo omonimo del grandissimo Michael, fissando il punteggio sul 70-69
un’incredibile combinazione…
70, proprio come il “compleanno” celebrato quel giorno…

A Cantù era venuto con me l’amico Massimo Casazza, e nel post partita, durante il rinfresco, gli presentai l’emozionatissimo Aldo Allievi…
credo che sia stata l’ultima volta in cui ho avuto il piacere d’incontrarlo…

Aldo Allievi è mancato nel 2011, all’età di 83 anni; cinque anni più tardi è mancata anche sua moglie, l’inseparabile “Mariuccia”

Roberto Allievi
– Foto da sito virgiliosport.it –
(clicca per ingrandire)

 

Ora, a distanza di 25 anni dall’ultimo suo anno di presidenza di suo papà, il timone della società è stato affidato a Roberto Allievi, 12^ Presidente nella storia del sodalizio biancoblu.

Roberto ha 69 anni, e dirige la storica azienda di famiglia (distribuzione di acque minerali, bevande, birre, vini), che ha sede a Senna Comasco ma si chiama, inutile dirlo…, “Canturina”

La scelta è caduta su di lui, in assoluta unanimità, da parte di tutto il Consiglio Direttivo della società.

 

E’ persona di grande esperienza, che ha saputo farsi apprezzare nel periodo (1994-1996) in cui è stato Presidente della Lega Basket Nazionale.

Qui sotto è riportata l’intervista rilasciata all’amico Edoardo Ceriani per il quotidiano “La Provincia”

i tempi, come dice Roberto, sono molto diversi rispetto a quelli in cui suo papà riuscì a compiere il “miracolo Cantù”, ma dalle sue parole emergono, incoraggianti, i segni, a mio modesto avviso i più importanti, della grande “eredità” ricevuta da papà Aldo: semplicità e concretezza, con la consapevolezza che sia necessario un grande lavoro di gruppo che metta al centro Cantù, i suoi tifosi, e la “canturinità”…

Aldo Giordani, grande “voce” RAI del basket, aveva battezzato il miracolo canturino con il nome di “Cantucky”, riconoscendo nel modello realizzato da Aldo Allievi la realtà più vicina al modello del “college USA”, la dimostrazione che anche da un piccolo centro nel cuore della Brianza poteva partire un grande insegnamento a tutto il basket europeo…

lui l’aveva già capito…

si chiamano Allievi, ma nel basket sono grandi maestri…

in bocca al lupo Roberto!!!

 

L’intervista di Edoardo Ceriani a Roberto Allievi
(clicca per ingrandire)

 

 

da sinistra: Roberto Allievi, Aldo Allievi e la moglie Mariuccia
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.