Oggi, 22 maggio 2020…un’altra “magia” di Don Gallo…

Oggi, 22 maggio 2020…un’altra “magia” di Don Gallo…

 

“…non certo la necessità, bensì il caso è pieno di magia…” (Milan Kundera)

Negli ultimi 74 giorni ero uscito solo 4 volte
percorsi brevissimi per accompagnare Susanna al supermercato, restando (io) in macchina.

 
Oggi, in buona sostanza, è stata la mia prima vera uscita da casa.
 
Io e Susanna abbiamo deciso di andare a Campoligure, al cimitero in cui riposa, già da sette anni, l’indimenticato (ed indimenticabile) Don Gallo…
 
Stamane avevo promesso all’amico Riccardo Corsolini, che abita a Bologna, che avremmo portato un fiore anche a suo nome…promessa mantenuta, ovviamente…
 
mentre stavamo pulendo lo spazio sottostante, e sistemando i vari fiori sparsi in modo disordinato in una cesta, si è avvicinato un signore.
Alto, brizzolato, distinto…
con la spilla di Emergency sul giubbino…
all’apparenza più o meno mio coetaneo…
 
Ha voluto darci una mano e fatte le presentazioni, Gerardo ci ha rivelato la ragione della sua presenza: benché abiti a Milano ogni anno, il 22 maggio, non fa mancare la sua presenza al cimitero di Campoligure, solo ed esclusivamente per portare il suo saluto a Don Andrea e recitare una preghiera con lui.
 
Quando mancò Don Gallo, nel 2013, era in Francia per lavoro e con suo profondo rammarico non riuscì ad essere presente…
e si è commosso ricordando quella volta in cui, accompagnando a cena un suo collega alla Trattoria Marinara “A’ Lanterna”, incontrò proprio lui, il Don, con il quale riuscì a condividere il piacere di una conversazione ed il buon aroma di un sigaro…
 
La nostra mascherina “Fieri del basket” l’ha incuriosito…
anche lui è un grande appassionato di basket, con trascorsi nelle giovanili della Fides Partenope prima e della All’Onestà Milano poi, quando, ancora 15enne, la famiglia si trasferì nel capoluogo lombardo.
 
Non conosceva i trascorsi cestistici del Don, che all’istituto Don Bosco negli anni ’60 fu aiuto allenatore della squadra in cui militava Mauro Cerioni, oggetto di una  brillante operazione di “mercato” condotta dal Don l’anno successivo, e poi diventato protagonista assoluto nel Simmenthal MIlano ed in nazionale…
 
Con Gerardo abbiamo chiacchierato a lungo…
aneddoti cestistici, con personaggi di un basket che entrambi abbiamo avuto occasione di conoscere in anni lontani…
curiosità ed aneddoti del periodo in cui io e Susanna abbiamo potuto contare sul privilegio dell’amicizia con Don Gallo, pienamente scolpiti nella nostra memoria…
 
nel cimitero di Campoligure c’eravamo solo noi tre…
 

non c’eravamo mai incontrati prima ed il fato ha voluto che ci incontrassimo lì, alla stessa ora del pomeriggio, con lo stesso desiderio di portare un saluto ad una persona della quale sentiamo tutti la mancanza… 

abbiamo avuto, entrambi, la netta percezione che il fato sia stato magistralmente diretto, da lassù,  dal nostro Amico, una delle sue “magie”…
come quella del 13 ottobre 2013,  quando col suo sigaro, da lassù,  “stoppò” Ana Ljubenovic, aiutando l’NBAZena, la “sua” e “mia” squadra, a vincere la prima partita in Serie A2… (se non ci credete, andate a questo  link ). 

sono certo che con Gerardo ci rivedremo ancora…

al momento dei saluti, come alle partite di basket, ci siamo scambiati i gadget: io e Susanna abbiamo un paio di simpatici e colorati portachiavi in più, Gerardo ora ha la sua mascherina “Fieri del Basket”…

fosse ancora tra noi, sono certo che l’avrebbe gradita anche Don Andrea…
però con un foro al centro, per far passare il sigaro magico…

 

 

io e Gerardo
(clicca per ingrandire)
io e Susanna
(clicca per ingrandire)
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.