“Via col cento”!!!…Cantù “da Oscar” con Milano…

“Via col cento”!!!…Cantù “da Oscar” con Milano…

“Ci sono cose che tutti reputano impossibili…poi arriva qualcuno che non lo sa, che sono impossibili, e le fa…” (Marco Sodini, coach Pallacanestro Cantù)

Final Eight di Coppa Italia
EA7 MILANO – MIA CANTU’ 87-105

per la Pallacanestro Cantù questo è un anno a dir poco difficile…
problemi extracestistici per la proprietà , una squadra assemblata con modalità che hanno preoccupato non poco la tifoseria e gli addetti ai lavori, l’interruzione del rapporto con l’esperto coach Recalcati, la squadra affidata a Bolshakov, l’arrivo come gm di Tony Cappellari, poi l’avvicendamento in panchina, con Bolshakov sostituito dall’esordiente (a questi livelli) Marco Sodini, quindi il benservito a Tony Cappellari…

Insomma, c’erano tutte le premesse per un’annata problematica, forse letale per lo storico sodalizio brianzolo…

poi…
poi, come nelle belle favole, e come accade di tanto in tanto anche nella realtà, la squadra si compatta, fa leva soprattutto sul carattere, ma piano piano emergono anche non poche qualità…
Crosariol, l’eterna promessa mancata del basket nazionale, si trasforma in un “lungo” affidabilissimo;
Culpepper incanta tutti, con medie/partita incredibili, che lo portano ai vertici delle classifiche individuali della Serie A1…
accanto a lui Smith, meno appariscente ma non meno incisivo, così come Chappell e Thomas…
Burns si conferma quale indomabile combattente, spesso in doppia doppia…
e quando serve ecco che Parrillo (il giocatore che sta nel cuore di tutta la tifoseria) e Cournooh mettono il loro mattoncino…

la squadra, passo dopo passo, raggiunge il sesto posto in classifica e si qualifica, sorprendentemente, per le Final Eight di Coppa Italia…

la soddisfazione della tifoseria è un po’ mitigata dall’accoppiamento, che nei quarti di finale mette Cantù di fronte alla corazzata milanese, l’EA7 , con un roster (ed un budget) inavvicinabile per qualunque squadra italiana, figuriamoci per Cantù…

che per giunta nell’imminenza dell’incontro deve rinunciare per infortunio a Culpepper e Crosariol…

in questo miracolo canturino (che resterà tale a prescindere dal prosieguo della stagione) ha avuto, indiscutibilmente, un ruolo fondamentale, probabilmente il ruolo fondamentale, proprio lui, l’esordiente, coach Marco Sodini…
che prima dell’incontro “impossibile” così carica i suoi giocatori:

“Ci sono cose che tutti reputano impossibili
poi arriva qualcuno che non lo sa, che sono impossibili…

e le fa…”

 

ed è così che Cantù compie l’ennesimo miracolo di questa incredibile stagione…

l’EA7 Milano viene letteralmente annichilita dall’intensità dell’incompleta formazione canturina, sempre in vantaggio, fin dai primi secondi..
Smith si carica la squadra sulle spalle, ed il vantaggio arriva addirittura fino a 25 punti…
Thomas ha problemi di falli, ma Cournooh, Parrillo e Maspero fanno faville…
nel finale anche Thomas deve arrendersi (infortunio alla caviglia) ma Cantù non molla un centimetro, e supera l’EA7 Milano realizzando 105 punti, un record per la manifestazione…

è un trionfo (per giunta in un derby…) e da tifoso va celebrato come merita…

(1) foto davanti alla Tv con la t-shirt d’ordinanza (quella con riprodotta la mitica “come c..zo si fa a tifare Cantù”)…
(2) fotomontaggio che possa sintetizzare questa impresa da Oscar…proprio come il film “Via col vento”, che inevitabilmente si trasforma in “Via col Cento”...

(clicca per ingrandire)

e se proprio qualcuno dovesse domandarsi ancora “Come c..zo si fa a tifare Cantù?”…
eccolo servito…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield