Tre domande sulle elezioni regionali

Tre domande sulle elezioni regionali

 

31 marzo 2010

 

Link all’articolo

Tre domande a Carlo Besana sulle elezioni regionali

Dopo aver fatto del Circolo Pianacci il luogo di nuovi percorsi di partecipazione della crescita di un quartiere, il CEP, considerato “difficile”, Carlo Besana si è gettato nella mischia elettorale come “ portavoce di un’intera comunità che si candida, la comunità dei cittadini, delle periferie e dei mondi a cui ho appartenuto e appartengo”.
Lo abbiamo intervistato dopo il risultato elettorale. Ecco le sue risposte.

Come valuti il risultato elettorale in Liguria e quello nazionale?
Il dato nazionale è preoccupante perché evidenzia una certa impermeabilizzazione della gente a quanto, anche di eclatante, accade ormai con cadenze quasi quotidiane. Sarà interessante seguire il “posizionamento” della Lega all’interno di una maggioranza che mi sembra molto più sbilanciata.
In Liguria si è fatto argine a questa deriva un po’ grazie allo zoccolo duro che non si è fatto molto scalfire, un po’ grazie alla scelta dell’Udc, ed un po’ (almeno i numeri dicono questo) anche grazie alla nostra lista che ha molto attinto dall’area del non voto o dei delusi dai partiti tradizionali ed ha messo insieme più o meno lo stesso numero di voti dell’Udc. A questo proposito segnalo un’anomalia che non è stata colta dai media : normalmente le liste civiche hanno una forte connotazione personale, quindi legata alle preferenze. Nel nostro caso, invece, su 18254 voti ben 8115 (cioè il 45%) sono stati voti di lista senza preferenza. Mi piace pensare che abbiano avuto un ruolo in tal senso le iniziative mediatiche che hanno promosso non singoli candidati ma la visibilità della nostra lista (spot anti astensione)

Come valuti il tuo risultato personale?
In linea con le attese; le percentuali “bulgare” al Cep (la lista civica ha avuto quasi l’11% con l’89.8% di preferenze a mio favore..) si traducono, in funzione dei “numeri”, in 200 preferenze; altrettante, complessivamente, ne sono arrivate da Voltri, Pra’, Palmaro, Pegli e Multedo, ed altrettante complessivamente dal resto della città, con l’aggiunta di una trentina di preferenze dalla provincia.
A luglio, all’atto della presentazione della candidatura, avevo precisato che l’accettazione della stessa era giunta al termine di un percorso di condivisione con i comitati di cittadini delle colline di periferia (in caso contrario non avrei accettato la proposta). Di fatto, però, successivamente, sono prevalse le dinamiche di appartenenza ai partiti, ed i comitati , contrariamente a quanto condiviso, hanno promosso la visibilità di altri candidati, indicati dai “partiti tradizionali”.
Questo non mi ha più consentito, negli ultimi mesi,di fare quello che ho sempre fatto, cioè di essere “presente” nei territori in cui ho sempre agito.
Ecco perchè le mie previsioni in termini di preferenze si erano attestate su quanto consolidato da tempo e quasi esclusivamente al Cep e dintorni; non si poteva pretendere molto di più.

Ci racconti un aneddoto della tua campagna elettorale ?
Non vi racconto episodi spiacevoli (che coinvolgono soggetti con cariche istituzionali che hanno adottato sistemi moralmente riprovevoli , e probabilmente anche oltre i limiti consentiti dalla legge…, nei miei confronti), mi limito all’ultimo atto della mia campagna elettorale, con un partner d’eccezione, Don Andrea Gallo.
Ci siamo recati venerdì 25 al quartiere S.Pietro (più noto come “lavatrici”) per presentare e commentare il suo libro (nel quale dedica un intero capitolo al mio “Tango della ronda”) e ci siamo trovati in un contesto diverso dal previsto, con la presenza, in mezzo ad una ventina di adulti, di molti bambini. Qui Don Gallo si è espresso con una modalità nella quale non l’avevo mai visto, nessun commento politico ma un’interazione sempre più piacevole con i bambini (che pendevano letteralmente dalle sue labbra) ai quali ha raccontato favole (non le nostre tradizionali) con uno spiccato significato legato all’accoglienza. Al termine i bambini gli hanno voluto dedicare un canto, ed hanno intonato, in cerchio, con lui, l’Inno di Mameli…
Non penso sia servito granché alla mia campagna elettorale, però è stato uno dei momenti più piacevolmente intensi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield