Tommaso prende i voti, i colori blucerchiati “si prendono” l’altare…

Tommaso prende i voti, i colori blucerchiati “si prendono” l’altare…

il racconto, per immagini ed emozioni, di una bella, singolare cerimonia…con il profumo di sigaro “nascosto” in mezzo all’incenso…

Tommaso Giani è originario di Pontedera ma, per lui e per la sua famiglia, la Città della Lanterna ha un significato particolare.
La mamma di Tommaso è nata a Genova, sua sorella lavora a Genova…
ma, soprattutto, a Genova Tommaso ha incontrato e frequentato Don Andrea Gallo, che è stato fondamentale nel suo cammino, articolato e spesso irto di ostacoli, verso il sacerdozio…
a “dividerli”, si fa per dire, solo la passione calcistica: genoano fino all’osso Don Gallo, decisamente sampdoriano Tommaso.

Ieri, a San Miniato, Tommaso ha vissuto l’ultimo, importante passaggio verso il sacerdozio: ha preso i voti, unitamente al futuro sacerdote Nicola ed al futuro diacono Marco.

E per un giorno San Miniato si è colorata di blucerchiato, grazie alla presenza di un nutrito gruppo di amici di Tommaso, genovesi e sampdoriani, che hanno raggiunto San Miniato in pullman con striscioni, bandiere, sciarpe ed indossando le coloratissime maglie blucerchiate.

C’eravamo anche io e Susanna, non potevamo mancare…
abbiamo raggiunto San Miniato un po’ in anticipo…
è una cittadina abbarbicata in cima ad una collina, con un colpo d’occhio eccezionale sulle verdi valli e colline che da lì si possono ammirare come fossero le quinte di un magnifico palcoscenico, con i caldi colori del sole che si avviava verso il tramonto…

il selfie con Tommaso
(clicca per ingrandire)

Tommaso era già lì, sulla piazza della chiesa…
ci è venuto incontro con la frizzante, esuberante e coinvolgente gioia che lo avrebbe accompagnato per tutta la serata…

 

ci ha portati all’interno della chiesa nella quale, il prossimo anno, completerà il suo percorso verso il sacerdozio…

abbiamo conosciuto i suoi genitori (c’era anche la nonna, emozionatissima) e più tardi, mentre io e Susanna sorseggiavamo uno spritz sulla stessa piazza, ci ha presentati al Vescovo, seduto con altre persone ad un altro tavolino dello stesso bar

San Miniato è una cittadina di 3000 anime ma è sede di Diocesi (una Diocesi che conta circa 100mila anime), e nel bellissimo borgo credo che la dimensione di vita sia quella, piacevolissima, in cui tutti si conoscono, si salutano, chiacchierano, prendono un aperitivo insieme, anche con il Vescovo…

la piazza di San Miniato
(clicca per ingrandire)

la frizzante gioia di Tommaso si è poi trasferita all’interno del seminario, in una bella sala allestita per la cena offerta dallo staff guidato dal parroco, Don Armando, persona squisita ed un vero “caterpillar” per la promozione della socialità a San Miniato.

Con il valore aggiunto della cucina (super!) garantita dalle suore e dalle ammirevoli volontarie che si sono occupate anche del servizio. Tutta roba genuina, del posto…

non a caso qui è stato rinvenuto il più grosso tartufo del mondo (nel 1954), celebrato con tanto di statua (con tartufo e cane) nel parco cittadino…

 

il “monumento al maxi tartufo”
(clicca per ingrandire
la targa commemorativa
(clicca per ingrandire)

lo stesso Don Armando si è occupato di recuperare, ieri, da contadini non molto distanti da San Miniato, una freschissima, deliziosa ricotta…
Don Armando è un’altra persona che ha rivestito, e riveste, un ruolo importante nel percorso di Tommaso.
Genova ha un posto particolare nel cuore di Don Armando: fu in occasione del G8 a Genova che ebbe occasione di conoscere Don Gallo e di sviluppare con lui una vera amicizia…

dunque, eravamo rimasti alla cena: proprio qui, durante la cena, sono arrivati (un po’ in ritardo, ma c’era posto e cibo per tutti…) gli amici-tifosi, che hanno iniziato a scaldare le corde vocali (ed il cuore di Tommaso) con un caloroso “Tommy Giani uno di noi!”…
era solo l’antipasto di quello che sarebbe successo un paio d’ore più tardi, all’interno della Chiesa di San Domenico…

Tommaso e Don Armando
(clicca per ingrandire)

l’emozione di Tommaso era comprensibilmente palpabile, ed ha raggiunto il suo momento più alto durante lo scambio del segno di pace: Tommaso, a differenza di Nicola e Marco, si è soffermato a lungo ad abbracciare moltissimi dei sacerdoti presenti sull’altare, con un particolare, commovente abbraccio ad un altrettanto commosso (ed orgoglioso) Don Armando…

e lì, come in altri momenti, si è nettamente avvertita la presenza di Don Gallo, che da lassù ha voluto essere presente, cercando (inutilmente) di mascherare il profumo del suo sigaro con quello dell’incenso…

nel corso della cerimonia gli amici tifosi sono stati più che discreti: bandiere arrotolate, striscioni idem, sciarpe posate sulle panche…
restavano “solo” le magliette, una vivace macchia di colore che spiccava in un contesto sobrio, illuminato dalle numerosissime vesti bianche dei tanti sacerdoti presenti.

Però, come dicevo prima, nel borgo si conoscono tutti, ed ognuno conosce le “passioni” dell’altro…
ed il Vescovo era ed è ovviamente informato sulle passioni di Tommaso…

ha ringraziato, dall’altare, tutte le persone che avevano raggiunto San Miniato da Pavia (Tommaso ha frequentato anche il Seminario di Pavia) o da Genova, facendo un simpatico riferimento alla colorata presenza blucerchiata…

è bastato questo simpatico riferimento per far salire al cielo le sciarpe e far sventolare le bandiere, per quanto in rigoroso e “rispettoso” silenzio…
la breve processione (Vescovo e sacerdoti) sviluppatasi dall’altare e poi lungo la navata centrale e quella laterale della chiesa è stata accompagnata dallo sventolio delle bandiere…

tifoseria “sdoganata”…
(clicca per ingrandire)
tifoseria “sdoganata”
(clicca per ingrandire)
l’altare “blucerchiato”
foto di Pietro Barabino
(clicca per ingrandire)

il top è stato raggiunto qualche minuto più tardi: Tommaso ha raggiunto i suoi amici ed ha posato con loro (striscioni sciarpe e bandiere comprese) ai piedi dell’altare della chiesa, con tanto di antico crocefisso ligneo sullo sfondo…     

e lì qualcuno dice di aver sentito in quel momento qualche colpo di tosse…
sicuramente era il fumo del sigaro andato un po’ di traverso al genoanissimo  Don Gallo, nascosto lì tra le colonne della chiesa…

al momento del commiato, Tommaso ha raggiunto il pullman, ed ha salutato tutti con profonde, significative parole sul valore della condivisione…
dal pullman si è levato il coro blucerchiato: “Tommy Giani prega per noi!”…

e qui si narra che il profumo del sigaro di Don Gallo non si sia trasformato non in un colpo di tosse ma in un più comprensibile: “Belin Tommaso, non esageriamo…”…

 

durante la breve processione dall’altare, sventola la bandiera blucerchiata…
(video di Pietro Barabino)

 

 

 queste le foto scattate, con un paio di difficoltà…
illuminazione un po’ carente, proprio sulla prima fila, e Tommaso, che non si è mai girato verso di me…😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield