Stefano, Vittorio e… una preziosa medaglia

Stefano, Vittorio e… una preziosa medaglia

guardare al futuro senza scordare chi ha consentito, con il tenace impegno del passato, di costruire l’attuale, prezioso patrimonio…

Poche ore fa coach Stefano Passiatore ha presentato, presso la storica sede dell’Ardita Juventus Nervi, due volumi (edizioni Ardita) che sicuramente sarebbero piaciuti a Vittorio Cavaleri, per moltissimi anni anima della società ed al cui ricordo è stata dedicata la serata.

Il primo, “Dieci anni di Clinic Cavaleri” , curato dallo stesso Passiatore con l’ausilio di altri due tecnici, Fulvio Chiesa e Gaetano Frongia, è una raccolta tecnica dei dieci anni del Clinic di basket che, negli anni, ha assunto dimensioni (e lezioni tecniche) di dimensione nazionale.

Il secondo volume (“Una stagione lunga una vita”) è un romanzo, scritto da Stefano Passiatore, nel quale l’autore “rivisita” la sua vita cestistica, con protagonisti sia del basket maschile che del basket femminile, incontrati in trent’anni ed inseriti in un racconto (cestistico) di fantasia, nel quale non sarà difficile, per loro, riconoscersi.

Stefano Passiatore li ha invitati, consegnando una copia del romanzo ad ognuno dei protagonisti presenti, così come ha omaggiato i tecnici con il volume dedicato ai dieci anni di Clinic Cavaleri…
riservando lo stesso trasporto emotivo sia per chi ha vissuto con lui diverse stagioni che per chi ha condiviso solo brevi periodi

Ho conosciuto Stefano una quindicina d’anni fa, nella stagione in cui Susanna giocava a Varazze e lui, novello sposo, era l’head coach della squadra.
Lasciò l’incarico più o meno dopo tre mesi, che mi furono però sufficienti per cogliere ed apprezzare il suo spessore umano che è emerso, amplificato, in questa occasione.

Vivo a Genova da circa 25 anni, ed ho avuto spesso l’impressione che non sia abituale, in questa città, rendere omaggio alle eccellenze che si sono distinte, in passato, nei diversi settori di loro pertinenza, sport compreso.

Stefano Passiatore non solo ha contribuito, in questi anni, alla crescita del Clinic ma ha anche avuto la sensibilità, con questa pregevole iniziativa, di dare ulteriore consistenza al ricordo di Vittorio Cavaleri, una testimonianza (scritta) che resterà nel tempo.
Un modo efficace per ricordare, a coloro che oggi sono impegnati nel difficile compito di dare continuità all’attività sportiva, che tutto il patrimonio sul quale stanno concentrando i loro sforzi è la preziosa eredità che Vittorio Cavaleri ha lasciato loro, così come toccherà loro, in futuro, lasciare ad altri il frutto del prezioso lavoro di questi anni…

Come ha sottolineato Enzo Franceri, l’Ardita Juventus Nervi sta riuscendo a coniugare la dimensione “locale” dell’attività agonistica con quella, di respiro nazionale, che il Clinic ha assunto nel tempo.

In buona sostanza la doppia faccia di una stessa, preziosa medaglia.

Stefano Passiatore ha voluto ricordare anche altre persone che non ci sono più e che hanno contribuito, come Vittorio Cavaleri, a scrivere pagine preziose della storia di questa società…

guardare al futuro senza scordare chi ha consentito, con il tenace impegno del passato, di costruire l’attuale, prezioso patrimonio…

il “prodotto migliore” per mantenere sempre più lucida quella preziosa medaglia…

grazie Stefano, lo spessore umano che avevo colto 15 anni fa non si è perso per strada…

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield