Il “sogno sanremese” di Paolo De Totero

Il “sogno sanremese” di Paolo De Totero

un godibilissimo Max Turbatore (alias Paolo De Totero) intreccia ironicamente titoli (e testi) delle canzoni partecipanti a Sanremo 2018  con i candidati (locali) delle imminenti elezioni politiche

dal sito genovaquotidiana.com

Sognando Sanremo
 
Credo sia stato un sogno elaborato dall’inconscio. La giusta punizione per le troppe settimane passate in attesa di un segnale chiarificatore sui candidati liguri nei vari collegi, ad incrociarsi con il conto alla rovescia che terminerà proprio stasera sul palco del teatro Ariston di Sanremo con le prime canzoni del sessantottesimo festival della canzone.

Così sul palco mi sono comparsi tutti insieme appassionatamente, un Silvio Berlusconi con il volto più stirato di quello di Claudio Baglioni, un Matteo Renzi con lo sguardo più mellifluo di quello di Pierfrancesco Favino mentre decanta il ragù della Barilla è una Maria Elena Boschi più adrenalinica di Michelle Hunziker.

E poi è stato tutto un succedersi e presentarsi di cantanti.
Solo che dopo un inizio da larghe intese a salire sul palco non erano i cantanti ma i prossimi candidati, pronti ad intonare le loro canzonette, parole, musica e refrain in vista del 4 marzo.

Ognuno a raccontare con un titolo, inclinazioni, promesse, nei del proprio passato e della sua campagna elettorale. Surreale, ma si tratta giusto di un sogno, anche se proprio il direttore artistico Claudio Baglioni in sede di conferenza stampa aveva raccontato parlando dei testi e delle canzoni del sessantottesimo festival di Sanremo “Sono punti di osservazioni del nostro tempo, di un’epoca non chiara e di passaggio. Contengono domande, punti irrisolti”.
Ecco, i big della musica italiana affrontano questioni attuali, dal terrorismo alla violenza sulle donne, ne’ più ne’ meno dei nostri politici.

Perciò nel sogno al ministro della difesa uscente Roberta Pinotti, candidata nel collegio uninominale 2 per il Senato era stata affidata la canzone “Senza appartenere”. Stasera nel Sanremo vero la interpreterà Nina Zilli.
E già “Donna che si cambia mille volte e resta quella”. Dove il si cambia sta per le correnti attraverso cui e’ transitata, veltroniana, dalemiana, franceschiniana. Insomma “senza appartenere” se non esclusivamente a se stessa.

E poi ancora Pd, ancora gentil sesso. Beh, lei è l’interprete di “Imparare ad amarsi” affidata ad Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico.
Lei è Raffaella Paita, capogruppo Pd in Regione e candidata nel collegio Liguria 2 per la Camera, dopo la sconfitta patita ad opera di Giovanni Toti alle ultime regionali ha evidente bisogno di una iniezione di autostima, anche se si dice che il collegio in cui è stata candidata, da renziana di ferro qual è sia a prova di debacle. Comunque i versi della canzone dicono esattamente “Bisogna imparare ad amarsi, a perdonarsi, giorno per giorno , senza sapere che cosa mi aspetta. Ma voglio vedere”.

E poi c’è Mario Tullo, parlamentare uscente, candidato nel collegio di Genova 3.
Per lui una vittoria un po’ più problematica. Tanto che si è detto che la sua sia una presenza di testimonianza per spingere il partito di appartenenza.
Va da se che la canzone adatta al Tullo testimone e’ quella di Ron, parole di Lucio Dalla “Almeno Pensami” con refrain tormentone “Almeno pensami, senza pensarci pensami, se vai lontano scrivimi…. Se mi sogni io sono li’ dentro di te “. Presenza a dir poco inquietante. Ma Tullo, si dice sta facendo di tutto per tornare in parlamento.

Situazione in bilico anche per Lorenzo Basso, tanto che pare che il giovane parlamentare se ne sia avuto a male. Candidato nel collegio plurinominale Imperia/ Savona/ Sestri alle spalle di Franco Vazio e Rosa Maria Di Giorgi potrebbe uscire di scena dopo la prima legislatura. Per lui quindi sembrerebbe tagliata su misura la canzone di una nuova proposta “Ultimo”, alias Niccolo’ Morriconi, 22 anni Romano.
Si intitola manco a farlo apposta “Il ballo delle incertezze”. Per Lorenzo Basso dunque “ se c’è un senso a tutto questo/ e ci sarà il ballo delle incertezze/ ci sarà un posto in cui perdo tutto”.

Altro rappresentante del Pd con qualche possibilità in più, pero’, è Sergio Pippo Rossetti, consigliere regionale e renziano.
Lui è arrivato passetto passetto. Assessore alle finanze nella giunta regionale Burlando, rieletto in Regione, e’ candidato in un collegio abbastanza sicuro, quello di Genova 4 (Genova Bargagli).
Per lui “Adesso”, che verrà interpretata da Diodato e Roy Paci è la canzone adatta. Omaggio dunque alla sua pazienza “E dici che troveremo prima o poi il coraggio/Di vivere tutto per davvero/Senza rincorrere un altro miraggio/ Capire che adesso è tutto ciò che avremo”.

Infine, sul fronte Pd il caso più tosto, quello del ministro guardasigilli uscente Andrea Orlando, leader della minoranza costretto ad emigrare dalla sua Liguria in Emilia Romagna.
Per l’infinito rispetto che ho di lui suggerirei “Ognuno ha il suo racconto” dell’ex Pooh Red Canzian. “C’è chi parla e ogni volta mente/ c’è chi guarda e non vede niente/Strana persona la gente/ Ne han dette di balle gli specchi/Ne han visti di imbrogli i miei occhi”.

Poi ci sono i tupamaros di Liberi e Uguali con il loro leader inossidabile Sergio Cofferati, ex sindacalista ex sindaco di Bologna, il politico a cui a torto o a ragione è stata imputata la sconfitta della Paita, quello che dice che si ritira e non si ritira mai.
Perciò per lui Giovanni Caccamo “Eterno” “Sento che in questo momento/qualcosa di strano, qual o sa di eterno/Mi tiene la mano/e tutte le pagine di questa vita/le ho tra le dita”.

Relego fra i Sanremo d’antan il collega Roberto Amen che con quel cognome ha portato fortuna al Gabbani che vinse le proposte e passo a Erminia Federico, collegio 4, lo stesso di Pippo Rossetti. Possibilità pochine per una ferma oppositrice di Lella Paita.
Perciò “Cosa ti salverà’”. Gruppo nuove proposte, Eva “Tu prenditi cura di te/Sorprenditi di ciò che sei/Sotterra l’amore che hai/per quando lo ritroverai”.

E ancora Luca Pastorino, ex sindaco di Bogliasco, parlamentare uscente. Nel suo carnet non un passo falso.
Candidato nel collegio del Tigullio. Per lui nuove proposte, il rapper Mudimbi ne “Il mago” “A complicare siam tutti esperti/a essere felici siam tutti incerti/la verità sta tra due concetti/Finché la barca va e Orietta Berti”.

Infine Stefano Quaranta, deputato uscente e candidato nel collegio plurinominale per il Senato.
Per lui la “Leggenda di Crisalda e Pizzomunno”, favola di Max Gazze’ su un marinaio che disse no alle sirene. Adatta per chi ha sempre contrastato le tentazioni del gioco d’azzardo. “Tu che ora/non temi/ Ignorane/il canto/Quel coro ammaliante/che irrompe alla mente”.

Passando alla Lega Nord, per esempio, come non pensare a Matteo Salvini, il capitano autoparacadutatosi in Liguria nel collegio plurinominale per il Senato seguito da  Giulia Buongiorno.
Per Salvini la canzone adatta non può che essere “Bianca”, come la… “razza”. Ma Leonardo Monteiro, 27 anni origini brasiliane, allude ad una parete che prende colore solo quando torna la sua fidanzata.

E poi c’è Edoardo Rixi, assessore della giunta Toti in Regione, per lui un canto liberatorio nonostante la campagna dei Cinque stelle contro gli impresentabili.
“Non mi avete fatto niente” Ermal Meta e Fabrizio Moro “Non mi avete fatto niente/ non mi avete fatto niente/ non mi avete tolto niente/ Questa e la mia vita che va avanti/Oltre tutto, oltre la gente”.

E ancora Armando Siri, ex socialista, consigliere economico di Salvini, capolista al Senato in Emilia Romagna.
Per lui esperto flax tax solo un titolo “Custodire” di Renzo Rubino.

E termino il capitolo Lega Nord con Francesco Bruzzone, consigliere regionale e cacciatore.
Candidato nel listino proporzionale per il Senato alle spalle di Salvini e della Bongiorno. A lui affiderei la canzone di Luca Barbarossa “Passame er sale”. “Passame er sale er sale fa male/Passame er tempo/ er tempo non c’è “.

E voglio menzionare due candidati eccellenti di Fratelli d’Italia.
Il vicesindaco Stefano Balleari inserito nel collegio plurinominale per la Camera Liguria 2 per lui che cerca di non farsi trovare mai impreparato e si appresta ad una vera e propria avventura “Il coraggio di ogni giorno” interpretata da Peppe Servillo e Enzo Avitabile. “Al suo coraggio/Il coraggio di ogni giorno/ Questa è la mia storia / anni come pietre / che scorrono veloci”.

New entry l’avvocato Antonio Oppicelli, candidato nel collegio plurinominale per il Senato, che fu, anni fa, vicecoordintore metropolitano di Forza Italia alle dipendenze di Roberto Cassinelli. Adesso ha cambiato gruppo politico regalando un po’ della sua esperienza.
Per lui niente di meglio che “Rivederti”, canzone di Mario Biondi “Veri chiari limpidi ricordi che mi legano ad un passato vissuto ormai”.

Ancora la lista Europa con Emma Bonino, con due candidati eccellenti.
Alessandro Chelo, un passato da socialista e da imprenditore, esperto di cambiamento nella gestione culturale delle imprese.
Lo vedrei come fortunato interprete di “Il mondo prima di te” che sul palco dell’Ariston verrà cantata da Annalisa .
“Un giorno capiremo chi siamo/ Senza dire niente/ E sembrerà normale/ immaginare che il mondo/ Scelga di girare/ Attorno a un altro sole”.

E poi c’è Antonello Barbieri, grande estimatore dell’ex sindaco Marco Doria, di cui avevo un po’ perso le tracce e pare che “Stiamo tutti bene” come ripete Mirkoeilcane, sezione nuove proposte. “Mi piace il sole, l’amicizia/ Le persone buone, il calcio/ le canzoni allegre”.

E ancora lo squadrone di Forza Italia con il suo leader Sandro Biasotti deputato uscente candidato in Senato, coordinatore regionale su cui sono caduti molti strali nel momento della scelta delle candidature. Per lui candidatura come capolista nel proporzionale in Senato.
Gli affiderei la canzone “Una vita in vacanza” degli Stato Sociale .“Una vita in vacanza/Una vecchia che balla/Niente nuovo che avanza/ Ma tutta la banda che suona e che danza”.

Poi c’è il coordinatore provinciale Roberto Bagnasco, ex sindaco di Rapallo, tornato prepotentemente a calcare le scene candidato alla Camera, collegio 5.
Per lui “Come stai”, nuove proposte Giulia Casieri “Come stai? Come sei?Come dici? cosa vuoi?”.

Capolista nel collegio 2 il senatore uscente Roberto Cassinelli, per lui subentrato a Minzolini “Arrivedeorci” di Elio e le storie tese.
Un augurio più che altro “Vi salutiamo e vi diciamo arrivedeorci/ Come nel film di Stallio e Ollio, che ridere/Siamo giunti al tramonto/Siamo giunti ai titoli di coda”.
Una ricandidatura, quella di Cassinelli, si dice fortemente voluta da Maurizio Gasparri.

Pareva che Cassinelli dovesse soccombere al paracadutato Giorgio Mule’, giornalista ex direttore di Panorama. Poi Mule’ per volere di Berlusconi e’ stato dirottato sul collegio di Imperia.
Per lui i “Decibel” “Lettera dal Duca” ove il Duca dovrebbe essere il cavaliere in realtà’. “Raggiungo un’altra dimensione/Se chiudo gli occhi vedo l’infinito in me/ Supero i miei limiti più di quanto immagini”.

E ancora Angelo Vaccarezza, capogruppo in consiglio regionale, vero e proprio boss del ponente ligure, a volte criticato dall’interno per atteggiamenti che  strizzano l’occhio a Lega e Fratelli d’Italia. Candidato nel collegio 2 uninominale per il Senato. Per lui  le Vibrazioni “Così sbagliato” .
“Sbagliato, così sbagliato/ è la mia abilità a farmi male”.

New entry, almeno per il parlamento quella di Beppe Costa, eminenza di seniores ed ex consigliere comunale.
Per lui scomodo Roby Facchinetti e Riccardo Fogli “Il segreto del tempo”.
“Caro amico chiedi al cuore, lui ti ricordera’/ il segreto del tempo che tutto perdona”.

E per finire Laura Lilli Lauro, inserita direttamente alle spalle di Biasotti.
Per lei abituata a rimirarsi e al protagonismo “Specchi rotti” interpretata da Alice Caioli fra le nuove proposte “ Occhi rovinati chiusi e sporchi di rancore, se spargo la mia voce nessuno sa ascoltare”.

Concludo con Lorenzo Baglioni altra nuova proposta che mette a nudo uno dei difetti imperanti degli italiani, la difficoltà sintattica sui congiuntivi.
Insomma dalla Fedeli, passando per Di Battista e Gigino Di Maio, messe dette.
Perciò la canzone in oggetto, appunto “il congiuntivo” la dedichiamo a perenne ricordo di Massimo Conio, 61 anni, gastoenterologo di fama mondiale di Sanremo.
Lui candidato cinque Stelle nel collegio Liguria 1 per il Senato senza ombra di dubbio non avrà difficoltà nel coniugare i verbi. E avrà senza dubbio la possibilità di correggere il suo leader.
Perciò’ “Il congiuntivo/ come dicevo/ Si usa in questo tipo di costrutto sintattico/ Dubitativo/ E quasi riflessivo/ Descritto da seguente esempio didattico/ E adesso che lo sai anche tu/ Non lo sbagli più”.

È quasi tutto.
Buon Sanremo a tutti

Il Max Turbatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield