Perchè un sito

Perché un sito?

Le motivazioni che portano a realizzare un sito personale possono essere le più disparate, come testimonia il mio caso.

A dicembre 2015 è mancato Ambrogio, un mio carissimo cugino (un vero e proprio “fratello maggiore”).
Da anni viveva da solo, con qualche problema di salute.
Per sua espressa volontà mi sono dovuto occupare di tutto quello che comporta una situazione di questo tipo, compresa la necessità di “svuotare” la casa.
Ambrogio era stato in passato dipendente di una compagnia di assicurazioni ed aveva svolto anche mansioni di archivio. Forse anche per questo trovammo tutto quanto in perfetto ordine; in particolare tutti i ricordi personali (fotografie, lettere, ecc) erano stati archiviati in cartelle per argomenti (foto famiglia, foto vacanze, foto sport, e così via).
In buona sostanza anche un perfetto estraneo avrebbe potuto, rapidamente e con precisione, ricostruire una gran parte della sua vita.

Fu in quell’occasione che mi domandai cosa sarebbe capitato, a me, in analoga situazione.
Un caos assoluto! Basket, impegno sociale, “cazzeggi”…
sì, da qualche parte avevo tutto, o quasi, ma in ordine assolutamente sparso. Anzi, in disordine sparso…

Cominciai così a pensare alla necessità di uno strumento in cui raccogliere, nell’ordine migliore possibile, almeno le cose più importanti
Ci vollero alcuni mesi per trovare lo stimolo per iniziare a pensare cosa e come fare… Poi mi ricordai del sito che era stato realizzato nel 2010 per la campagna elettorale regionale…era ancora lì, esattamente come sei anni prima…
ecco trovato lo strumento!

Perché il “blogghiario”?

Inizialmente avrei voluto semplicemente raccogliere, una serie di post, da quelli più seri ai veri e propri cazzeggi, sparsi qua e là su Facebook dal 2009 (anno di mia iscrizione) ad oggi.
Ho scaricato con una app tutto l’archivio (oltre 1400 pagine in word..) ed ho iniziato pazientemente a “depurarlo”…

Un lavoro che mi ha spesso costretto a soffermarmi su post che richiamavano episodi dell’infanzia, dell’adolescenza, di periodi più lontani rispetto al 2009…

ed inevitabilmente quello che si sarebbe potuto limitare ad un lavoro asettico di semplice archivio è diventata una lenta, piacevole rilettura di esperienze, emozioni, delusioni

in buona sostanza ho avuto il privilegio di poter ripercorrere, con tutta la calma ed il tempo necessari, gran parte della mia vita…

Ne è nato, così, qualcosa di molto più impegnativo rispetto al “progetto iniziale”, ed hanno trovato posto tutte le cose che descrivo nella mappa del sito.

 

Mappa del sito – descrizione 

Mappa del sito – schema