Don Giorgio, il Cep e… “siamo in missione per conto di Dio”…

Don Giorgio, il Cep e… “siamo in missione per conto di Dio”…

 

Cep, tre associazioni del quartiere “in missione”…per conto di Dio o di Don Giorgio?…😊

 

“Siamo in missione per conto di Dio”…
1979, iniziano le riprese di un film diventato un classico senza tempo, “The Blues Brothers”.
I due protagonisti, Jake ed Elwood (due incalliti imbroglioni) sono alla ricerca dei soldi necessari per impedire la chiusura del vecchio orfanotrofio in cui erano cresciuti, un segno di grande affetto per l’inflessibile suor Mary Stigmata, detta “la Pinguina”.
I due trovano la soluzione: organizzare un concerto, rimettendo insieme i componenti della loro epica band.
Un vero e proprio viaggio di redenzione durante il quale, quando devono convincere gli ex componenti della band, o per incoraggiarsi durante la fuga della polizia, usano una frase diventata altrettanto leggendaria, “Siamo in missione per conto di Dio”.
E l’impresa riesce: Jake ed Elwood, prima di essere nuovamente arrestati, riusciranno a versare le tasse arretrate, salvando l’orfanotrofio, che potrà così continuare la sua preziosa opera.

A 40 anni esatti di distanza, al Cep i componenti di tre associazioni che operano sul territorio di questa periferia genovese, hanno unito le loro forze per rimediare alle conseguenze di un gesto ignobile compiuto ai danni della Parrocchia del quartiere (Parrocchia Maria Madre del Buon Consiglio), diretta da Don Giorgio Rusca.
Poco più di un mese fa qualcuno, durante la celebrazione della S.Messa, si è intrufolato nella segreteria ed ha sottratto oltre 1500 euro, destinati sia al pagamento di alcune bollette di famiglie in difficoltà che a quelle della Parrocchia.

Più o meno all’insegna di un “siamo in missione per conto di…Don Giorgio”, le tre Associazioni (Circolo Arci Pianacci, Comitato di quartiere di via Cravasco “Comicrava” e P.A. Ponente Soccorso Misericordia) si sono immediatamente messe all’opera, invitando la cittadinanza a partecipare alla serata danzante organizzata al PalaCep, struttura attorno alla quale sono stati approntati stands gastronomici con l’obiettivo di raccogliere la cifra così ignobilmente sottratta alla Parrocchia.

“Tutti insieme per Don Giorgio” non diventerà un classico senza tempo come il mitico film dei Blues Brothers, Don Giorgio è sicuramente meno rigido della “pinguina” (si è anche cimentato in alcuni passi di twist…), l’Ape Piaggio utilizzata per trasportare tavoli non ha nulla a che vedere con la mitica Bluesmobile ed anche la serata danzante, brillantemente condotta dall’artista Elena Lazzari, non può essere paragonata, ovviamente con tutto il rispetto, alle esibizioni di Ray Charles, Aretha Franklin, Cab Calloway, John Lee Hooker ecc…

però, come nel caso di Jake ed Elwood, la missione è stata portata a compimento…

Fra qualche giorno infatti, fatti bene tutti i conti, sarà possibile definire al centesimo il ricavato di questa iniziativa che comunque ha sicuramente centrato l’obiettivo di raccogliere la somma sottratta alla Parrocchia di Don Giorgio.

Il parroco, unitamente agli organizzatori ed ai rappresentanti istituzionali (Claudio Chiarotti, presidente del Municipio VII Ponente e Fabio Ariotti, consigliere comunale) è salito sul palco per ringraziare tutti coloro che si sono attivati per la Parrocchia.

Si è scusato, spiaciuto per essersi “fatto fregare” da un malfattore, omettendo di custodire nel modo dovuto quanto accantonato grazie alla generosità dei suoi parrocchiani, una generosità destinata al sostegno delle famiglie più in difficoltà, che ha reso ancor più inqualificabile il gesto di chi ha commesso il furto.

Un gesto ignobile dal quale si è però generata una bella risposta da parte della comunità, che ha voluto dimostrare a Don Giorgio tutto l’affetto e la solidarietà che il parroco ha saputo meritarsi in questi anni.

Sul palco, in prima fila, molti bambini, figli di alcuni degli organizzatori.

Sono bambini più fortunati degli ospiti dell’orfanotrofio di Chicago in cui sono cresciuti Jake ed Elwood con suor Mary Stigmata…

però anche loro, come i bambini dell’orfanotrofio nel film, hanno ritenuto giusto di doversi impegnare per la buona riuscita dell’evento dedicato alla loro parrocchia.

Alcuni si sono dati da fare (eccome!) con la vendita dei biglietti della sottoscrizione a premi, altri hanno aiutato i più grandi ad asciugare i tavoli dopo un improvviso, breve acquazzone pomeridiano…

e l’hanno fatto solo come sanno farlo i bambini, con infinita energia e contagiosa allegria…

tutti elementi che ci fanno guardare, con più fiducia, al futuro del quartiere.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *