Quel singolare cortile, tra i quattro formaggi e le sette note…

Quel singolare cortile, tra i quattro formaggi e le sette note…

ricordate il piacevole sapore delle feste di vicinato di un tempo, quando c’erano ancora i cortili, e si diceva “dai, ci vediamo lì domani sera, mangiamo insieme e poi ci si diverte con un po’ di musica”?…

Trovarsi (anzi, sarebbe più appropriato “ritrovarsi”) da Mario Rollandini, a Pizzapoint, ha un po’ il piacevole sapore delle feste di vicinato di un tempo, quando c’erano ancora i cortili, e si diceva “dai, ci vediamo lì domani sera, mangiamo insieme e poi ci si diverte con un po’ di musica”…

Non si sapeva chi e quanti (in base ai diversi impegni) avrebbero partecipato, ma c’era la certezza che chiunque avesse avuto la possibilità di partecipare sarebbe stato presente solo per l’assoluto piacere di esserci…

ed i compleanni dell’uno o dell’altro diventavano, spontaneamente, un’altra occasione per ritrovarsi, insieme, proprio lì…

l’atmosfera che si è creata a PizzaPoint è proprio questa… 

un nuovo “cortile” in cui ci si trova (chi c’è c’è), si mangia insieme (ottime pizze!) e si sa già che saranno presenti bravi musicisti…

ad un certo punto dalle custodie usciranno le chitarre (la tastiera e l’amplificazione sono già lì, in un angolo, preparate dall’instancabile Mario…) e le note musicali inizieranno a volteggiare, qua e là, tra i menu delle pizze da asporto…

è stato così, alcune settimane fa, per me e  Susanna, nell’occasione in cui abbiamo festeggiato il mio compleanno ed il nostro anniversario di matrimonio, e lo è stato anche ieri sera, occasione per un poker di compleanni da festeggiare: quello di Massimo Alfieri (il Luasso per antonomasia), quello di Aurora, figlia di Mario Rollandini e Cinzia, quello di Anita, moglie di Massimiliano Rollandini e, dopo la mezzanotte, quello di Carla, moglie di Carlo Barbero

proprio uno dei festeggiati, Massimo, ha dato il via alla kermesse musicale (accompagnato dagli altri Luassi, Lello Antonio Ligorio e Sergio Morselli), poi si sono aggiunti Mauro Culotta, Luca Borriello e Stefano Cavallo (tanta roba, per chi apprezza la buona musica)…

all’improvviso, ospite graditissimo, arriva anche Aldo De Scalzi, pluripremiato ai David di Donatello (quest’anno miglior canzone e miglior musicista)…

un graditissimo “mordi e fuggi”, il tempo di deliziarci alla tastiera, duettando anche con Mario Rollandini, che per tutta la sera ha svolazzato come una farfalla (una specie rarissima, la “vanessa con coda di cavallo”) tra i tasti in bianco e nero ed il forno che a getto continuo sfornava coloratissime pizze…

fa capolino anche Mauro Moretti, il disegnatore del Risiko, disegnatore e fumettista per molte importanti testate, che ha scelto di vivere sull’appennino emiliano, a Novellano, un paese di 18 abitanti…il che non gli ha impedito di realizzare video musicali a fumetti per Roberto Vecchioni ed altri artisti…

le improvvisazioni musicali continuano, l’atmosfera è quella di una jam session (tipica dei jazzisti) in cui non c’è nulla di preordinato, i musicisti “si annusano” e trovano subito la modalità per mettere in campo le loro abilità, divertendosi e facendoci divertire, con il massimo rispetto l’uno per l’altro, indipendentemente dal personale “pedigree” musicale… 

una felicità ben espressa dai primi piani di Mauro Culotta, che termina sempre le sue esibizioni liberando un coinvolgente sorriso…

si aggiunge, dopo la mezzanotte, anche Gabriele Gaggero e grazie alla sua voce le dolci melodie di Gino Paoli prendono il sopravvento…

poi, come cantava Ornella Vanoni, piano piano piano, alla spicciolata, gli amici se ne vanno…

ma la musica non è ancora finita…

Mauro Culotta (chitarra classica), Mario Rollandini (tastiera) e Stefano Cavallo (basso) cedono alle richieste di Sara… 

e regalano ai pochi rimasti, intenti già a rimettere in ordine, una struggente, dolcissima, “Samba pa ti”

non l’avevano mai provata, insieme, prima, e forse non ci sarà per loro un’altra occasione per suonarla di nuovo, insieme…

per noi un vero e proprio ed irripetibile cameo…

nell’attesa di un nuovo, piacevole incontro in quel singolare cortile in cui i quattro formaggi, i compleanni, gli anniversari, le quattro stagioni si mischiano, spontaneamente, con la magia delle sette note…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield